HOME arrow Il Cinema Asiatico arrow Commedia arrow Five Senses of Eros
Sabato 25 Novembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Five Senses of Eros PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
giovedì 11 marzo 2010

Five Senses of Eros
Titolo originale: Ogamdo
Corea del Sud: 2009  Regia di: Byun Hyuk, Hur Jin-ho, Min Kyu-Dong, Oh Ki-hwan, Yu Yong-sik Genere: Commedia Durata: 130'
Interpreti: Bae Chong-ok, Cha Su-yeon, Eom Jeong-hwa, Hwang Jung Mi, Jang Hyuk, Kim Dong-wuk, Kim Hyo-jin, John D. Kim, Kim Kang-woo, Kim Min-seon, Kim Nan-hwi, Kim Su-ro, Lee Hwi-Hyang, Lee Seong-min, Park Jin-taek, Shin Se-Kyeong, Song Jung-ki
Sito web:
Nelle sale dal: Inedito in dvd
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Anna Maria Pelella
L'aggettivo ideale: Sensuale

Cinque storie di registi diversi e tutti accomunati da un grande talento il cui centro è il concetto di eros.

Five Senses of ErosL'eros è solitamente al centro di molte storie, ma in questo caso si può dire che diviene il centro dell'universo dei personaggi. Un modo di filtrare le loro esperienze e di svelare a mano a mano il mistero dell'altro.
Eros inteso in modi piuttosto originali, come in "33rd Man" di Yu Yeong-sik, in cui una bellissima attrice svela i segreti del suo successo a una giovane esordiente.
Tramite questa acquisita conoscenza la ragazza potrà conquistare le scene e il cuore del regista Bong. Ma questo sarà soltanto il primo passo di un'ascesa inarrestabile. La due donne hanno una visione interessante del concetto di seduzione e spesso questo creerà intorno a loro l'aura che distingue le dive dalle persone comuni.

Eros come permanenza attraverso gli oggetti, come in "Me, I'm here"di Hur Jin-ho, già regista dell'acclamato Happiness (Hængbok 2007) e di April Snow (Oechul 2005), che qui ci racconta nel suo stile poetico la storia di un vuoto emotivo colmato dal ricordo. Un vuoto la cui esistenza viene dapprima insinuata, poi lentamente preannunciata e infine vissuta con l'ausilio di immagini e oggetti attraverso i quali richiamare alla mente il passato. Poi ancora eros come scoperta in "His Concern" di Byun Hyuk, regista di quel piccolo gioiello di The Scarlet Letter (Juhong geulshi 2004), che immagina una relazione incominciata col semplice incrociarsi di sguardi su un treno. E qui il racconto diviene semplice scoperta e nel contempo schermo di proiezioni dell'immagine di sé che ciascuno desidera dare in fase di corteggiamento, ma che viene presto vanificata dalla realtà stessa dell'incontro.

E poi eros inteso in maniera decisamente atipica, come in "The End is my Beginning", di Min Kyu-Dong , regista del notevole Antique (Sayangkoldong yangkwajajeom aentikeu 2008) dove una donna annientata dalla morte del marito viene lentamente riportata alla vita dall'amante di lui.Le due donne hanno in comune un amore, ma l'amante vive con colpa la sua posizione dal momento che era presente alla morte di lui. Soltanto tramite l'incontro tra le loro storie e la lenta imposizione da parte dell'amante nella vita della moglie, sarà possibile alla fine un pietoso oblio, attraverso il quale lasciar scivolare il ricordo e il passato, nella speranza di un futuro meno doloroso.

Infine eros come gioco, nel tentativo di risvegliare in alcune giovani coppie il senso dei loro rapporti attraverso lo scambio dei compagni, in "Believe in the Moment" di Oh Ki-hwan, regista della riuscita commedia Art of Seduction (Jakeob-ui jeongseok 2005) e di Someone behind you (Du saram-yida 2007) Con lo stile di una giocosa commedia si racconta di scambi e esperienze di scoperta dell'altro in un campus universitario. Il tutto avrà la durata di ventiquattr'ore, scadute le quali le coppie ritorneranno allo stato precedente. Frizzante e gradevole il racconto insinua una leggerezza e una sottile tensione alla scoperta di cui tutte le relazioni dovrebbero esser provviste.
Il filo conduttore delle storie è lanciato attraverso i singoli racconti e intessuto nella trama complessiva, la quale si srotola fluida davanti all'occhio intrigato dello spettatore.
Gli stili di regia sono differenti, certo ma tutti ugualmente provvisti di uno sguardo fresco e attento al senso globale del concetto di eros, alla base del quale si celano i segreti dell'incontro e della permanenza di ciascuno all'interno della vita dell'altro. Il senso comune a tutte le storie è che nulla può essere lasciato cadere, nella più classica delle tradizioni della narrazione ogni filo verrà ripreso e inserito nella trama, il cui senso sarà visibile soltanto a lavoro ultimato.
Come spesso accade con la vita delle persone e coi loro apparentemente casuali incontri.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere