Lunedì 6 Dicembre 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Four Lions PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
domenica 12 giugno 2011

Four Lions
Titolo originale: Four Lions
Regno Unito: 2010. Regia di: Christopher Morris Genere: Commedia Durata: 94'
Interpreti: Kayvan Novak, Nigel Lindsay, Riz Ahmed, Adeel Akhtar, Preeya Kalidas, Mohammad Aqil, Craig Parkinson, Karl Seth, Alex MacQueen, Julia Davis, Arsher Ali
Sito web ufficiale: www.drafthousefilms.com
Sito web italiano: www.fourlions.it
Nelle sale dal: 03/06/2011
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Fantozziano
Scarica il Pressbook del film
Four Lions su Facebook

Four LionsSe si iniziano a fare film ironici e demenziali sul terrorismo islamico e la sua jahad allora vuol dire che i fatti più bui di un’epoca stanno passando ed è già il tempo di prendere le distanze dall’angoscia che producono.
Quindi il debuttante Morris, famoso conduttore televisivo, autore e produttore inglese, che ha vinto un Bafta per il miglior cortometraggio nel 2002 con “ My Wrongs 8245 – 8249 & 117 “, ha avuto la sfrontatezza e l’idea originale di usare il suo humor nero per realizzare una commedia leggera, sorridente, forse un po’ troppo caciarona. Il regista aveva dei punti di riferimento alti guardando al passato come Chaplin e il suo “ Il grande dittatore “  o a Lubitsch con “ Vogliamo vivere “ o a Kubrick col geniale “ Il Dottor Stranamore “.

Tutti e tre i film  raccontano l’assurdità della guerra e del pensiero unico che porta alla distruzione dell’Umanità.  Invece Morris, forse perché ‘ televisivo ‘, probabilmente perché più vicino creativamente ad autori come Graham Chapman e Terry Gilliam, ha preferito uno stile cinico e spinto, a far ridere più che pensare, dei Monty Python ( “ Monty Python - Il senso della vita “ vincitore
del Gran Premio della Giuria al Festival di Cannes, “ Brian di Nazareth “, “ Un pesce di nome Wanda “ ). Il film prova a raccontare con humor nero e assurdità fantozziane l’insensatezza, la mediocrità e la stoltezza di quattro poveri imbecilli di fede mussulmana, ( tre di origine pachistana e un inglese nuovo fedele e
naturalmente più fanatico e cretino degli altri ) ben inseriti nella realtà inglese ma pronti alla jahad e a morire.
Siamo in un sobborgo nei pressi di Londra e i quattro ‘ amici ‘ sono pronti al martirio e a preparare un attentato, ma devono avere l’approvazione di qualche sceicco pakistano.  Loro sono tanto ridicoli quanto pericolosi, non sanno praticamente nulla di
esplosivi ma grazie ad internet riescono a preparare degli ordigni pericolosi, non sanno chi colpire – pensano dapprima ad una farmacia, poi il teorico del gruppo propone una moschea perché ritiene che così facendo i mussulmani moderati diventeranno mujahidin pronti alla guerra santa, il più pacifico del gruppo invece vorrebbe far saltare in aria un posto dove ci sono le prostitute,
quello ritardato propone di attaccare Internet – e alla fine decidono di colpire la maratona di Londra.
Il loro capo Omar e il suo amico fraterno, lo stupido Waj, partono per il Pakistan per apprendere l’uso delle armi e per conoscere uno sceicco che gli dia l’autorizzazione per l’attentato.
Ma sono così imbranati e imbecilli che provocano un’involontaria strage tra chi li ha accolti.

Allora ritornano precipitosamente a Londra e si vantano di avere avuto il benestare per un attentato suicida.  Omar lo dice anche a sua moglie che sembra condividere e al figliolo che serenamente appoggia le scelte del genitore.
Quindi iniziano una serie di insensatezze di questi quattro balordi del terrore come Faisal che carica un corvo ammaestrato con l’esplosivo o quando fanno esplodere una pecora o un forno a microonde, quando preparano il filmato improbabile di rivendicazione dell’attentato creando con dei mobili ikea un’ipotetica tenda talebana.
E infine – in tipico stile humor nero – i quattro mascherati con dei buffi e improbabili peluches di orso provano ad infiltrarsi nella maratona ma riescono solo a farsi esplodere.

Idea originale e a quanto pare accettata anche da talebani in prigione a Guantanamo ( sembra che abbiano letto la sceneggiatura e uno di loro abbia visto anche il film trovandolo corretto: mah ! ), con un potenziale di risate molto alto ma in realtà si sorride spesso ma di vere risate ce ne sono molto poche.
Parafrasando la storia, si è fatto un attentato con un mortaretto. 

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere