Lunedì 25 Settembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Go Go 70's PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 6
ScarsoOttimo 
Scritto da Anna Maria Pelella   
mercoledì 28 gennaio 2009

Go Go 70's
Titolo originale: Go Go 70's
Corea del Sud: 2008 Regia di: Ho Choi Genere: Commedia Durata: 118'
Interpreti: Seung-woo Cho, Min-a Shin, Seung-wu Cha, Min-cheol Choi, Kwang-ho Hong, Jae-rok Kim, Min-gyu Kim, Hyuk Poong Kwon, Sung-min Lee, Yeong-sik Lim, Ji-eun Oh, Kyeong-ho Song
Sito web: 
Nelle sale dal:
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Anna Maria Pelella

go_go_70_leggero.jpegNegli anni settanta, durante la dittatura militare e in concomitanza col coinvolgimento dei coreani nella guerra del Vietnam, Sang-kyu insieme a Man-sik dà vita a una band, i Devils. In totale disaccordo con i gusti del pubblico, che gli preferisce il rock psichedelico dei Phoenix, i Devils scelgono di suonare musica soul. Ma le loro sorti cambieranno quando il gruppo, dopo il deludente esordio al Rock contest di Seoul, troverà un ingaggio al club Nirvana. Là una fan che li segue sin dall'inizio comincerà a ballare sul palco ai loro concerti, scatenando la fantasia delle fan e innescando una vera e propria febbre per la danza.

Dedicato alla memoria della prima generazione di rocker coreani, Go Go 70's racconta di uno dei  periodi più difficili della storia della Corea che, negli anni settanta vide coincidere il momento più repressivo del regime militare con il coinvolgimento nella guerra del Vietnam. La moralizzazione di cui furono fatti oggetto tutta una serie di innocenti divertimenti, come le rock band, i capelloni e il ballo, è la parte più dura da sostenere. Dal momento che vediamo, sia pure di sfuggita, i metodi decisamente eccessivi con cui la polizia scelse di applicare le direttive della legge marziale. Sang-kyu e Man-sik sono due giovani amanti della musica soul, e insieme con un po' di amici danno vita al loro sogno, che è quello di emulare lo stile di musica dei neri americani.
Il look della band, così come le loro movenze sul palco e la loro musica, dapprima faticano a farsi strada tra i giovani amanti del rock psichedelico dei Phoenix, ma la trascinante passione di Mimi, una giovane groupies cambierà di colpo le cose. La ragazza, insieme al suo gruppo di amiche ribattezzatesi Wild Girls, mette su un tale spettacolo di allegro e sensuale abbandono alla musica suonata sul palco, da innescare immediatamente una febbre per la nuova moda lanciata quasi per caso.
Migliaia di ragazze memorizzano i passi e ballano con loro durante i concerti, aprendo la via non solo al successo della band, ma anche a un nuovo modo di fare musica.

Disgraziatamente il regime militare trova disdicevole e moralmente inaccettabile sia la musica che la danza, e tutte le rock band di Seoul vengono arrestate. I loro lunghi capelli, più una moda che un vero e proprio segno di protesta, come invece era stato in altre parti del mondo nello stesso periodo, vengono brutalmente tagliati, e i ragazzi picchiati e torturati, a segnare il fatto che di regimi militari si sta parlando e che questi non sono disposti a dare spazio alla libera espressione, in qualsiasi forma la si voglia concepire.
E quando uno dei membri della band viene ucciso, a un concerto durante una sparatoria, il gruppo si trova sbandato e privo del desiderio di continuare a lottare.
Le ragazze si riciclano come coriste, e i ragazzi arrestati semplicemente per aver preso parte ad una band, si trovano dietro le sbarre insieme ai loro vecchi rivali i Phoenix, e a tutti i gruppi segnalati dalla polizia, per attività moralmente disdicevoli.
Ed è negli ultimi minuti della storia che vediamo ancora una volta il coraggio e la volontà di rialzare la testa che spinge i ragazzi a trovare una via. La musica li aveva spinti fuori dalla provincia e stimolati a trovare il coraggio di provare a realizzare i loro sogni, e sarà ancora la musica la risposta che loro troveranno ad una repressione inaccettabile, e a un destino di passiva accettazione dei soprusi.

Sang-kyu sceglie di rispondere ancora una volta con la musica in un disperato ultimo concerto, cui accorrono migliaia di fan, a ballare con loro e a dire no alle oppressive direttive del governo.
La regia sobria e priva di eccessive sottolineature, rende appieno il clima del momento storico, mentre una sensazionale Min-a Shin, travolgente Mimi, regala insieme ad un convincente Seung-woo Cho una bella interpretazione della metafora sul potere della musica di travalicare barriere e restrizioni, semplicemente così unendo i cuori di chi decide di ascoltarla.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere