Lunedì 6 Dicembre 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Happy Family PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Ciro Andreotti   
giovedì 15 aprile 2010

Happy Family
Titolo originale: Happy Family
Italia: 2010 Regia di: Gabriele Salvatores Genere: Commedia Durata: 90'
Interpreti: Fabio De Luigi, Diego Abatantuono, Fabrizio Bentivoglio, Margherita Buy, Carla Signoris, Valeria Bilello, Corinna Agustoni, Gianmaria Biancuzzi, Alice Croci, Sandra Milo
Sito web:
Nelle sale dal: 26/03/2010
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Ciro Andreotti
L'aggettivo ideale: Leggero
Scarica il Pressbook del film

Happy FamilyLa vita dei componenti di due famiglie Milanesi, l’una borghese e l’altra decisamente naif, con tanto di figli sedicenni desiderosi di sposarsi, si intreccia con quella di Ezio, uno sceneggiatore di film che vuole raccontarne la storia.

Salvatores torna alla commedia, in tal caso di ambiente, e si dimentica quel che di buono aveva saputo fare nel suo ultimo film: “Come Dio Comanda”. Il regista Milanese cambia completamente genere passando dalla trama densa di pathos e odio razziale, date dal volto teso di Filippo Timi e dal romanzo di Ammaniti, arrivando alla leggerezza di uno sceneggiatore improvvisato, interpretato da De Luigi, che nella vacuità della sua esistenza pensa bene di partorire una trama per un possibile film.

Un film che possa essere l’antidoto alle sue paure e anche alle paure di tutti coloro che si troveranno in sala a vederlo. L’antidoto giusto per scacciare con un sorriso malinconico e amaro le sue idiosincrasie verso il mondo. Il tocco degno del Woody Allen della “Rosa Purpurea del Cairo” vede Ezio interagire con i personaggi della propria narrazione, in un andirivieni fra lo schermo del PC portatile, posto nella sala del loft nel quale lo stesso Ezio vive, e il suo dialogo con gli attori feticcio dello stesso Salvatores; da Abatantuono, nel ruolo di un genitore hippy; a Bentivoglio, nel ruolo di un avvocato di successo ma con gravi problemi di salute, senza dimenticarsi di Ugo Conti, autore di un divertente cameo con veloce botta e risposta proprio con lo stesso De Luigi.

Nel complesso quest’ultimo sforzo del regista di “Mediterraneo” è un vero inno al cinema, con continui riferimenti e richiami a pellicole appartenenti a generi differenti. Dal già citato Allen della rosa purpurea, o di “Io e Annie”, a “I Soliti Sospetti” di Singer, passando al Fellini di “8 e ½”. Un film sul cinema che di cinema, e di meta-narrazione, si ciba senza però approfondire a sufficienza alcune tematiche, lasciandone aperte altre a causa delle miriadi di chiavi di lettura presenti e, volontariamente, non toccate.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere