Lunedì 6 Dicembre 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Hot Fuzz PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 12
ScarsoOttimo 
Scritto da Piergiorgio Ravasio   
sabato 14 luglio 2007

Hot Fuzz
Gran Bretagna: 2007. Regia di: Edgar Wright Genere: Commedia Durata: 121'
Interpreti: Simon Pegg, Nick Frost, Bill Bailey, Jim Broadbent, Steve Coogan, Timothy Dalton, Bill Nighy, Stuart Wilson
Sito web: www.jointhefuzz.com
Voto: 7
Recensione di: Piergiorgio Ravasio

hotfuzz_leggero.jpgRaramente abituati ad assistere ad una fusione tra due generi solitamente ben distinti (l'azione e la commedia) "Hot Fuzz" ha il privilegio di riuscire in modo conveniente nell'arduo intento.
Nicholas Angel (Simon Pegg) riveste il ruolo di un affermato poliziotto londinese, dalla carriera particolarmente affermata; il suo record di deliquenza bloccata non ha nessun precedente. Esattamente come l'invidia che tale primato genera nei suoi colleghi d'ufficio.
L'invidia è talmente forte che l'alta dirigenza, per evitare incomprensioni con gli altri agenti, decide di proporgli un nuovo incarico: la pacifica cittadina di Sanford. Nonostante la reticenza del suddetto poliziotto, il senso di obbedienza verso i propri superiori lo conduce ai quieti pascoli di un villaggio nel quale sembra regnare una idilliaca armonia e dove le uniche preoccupazioni del "Comitato di vigilanza di quartiere" (un gruppo costituito dagli anziani del paese) sembrano essere solamente quelle di portare a casa gli ubriachi la sera oppure di scoraggiare la vendita di alcolici nei pub ai minorenni.
La rassegnazione ad un curriculum professionale apparentemente concluso cede però presto il passo ad una serie di sospetti legati ad incredibili omicidi, marchiati da un misterioso uomo incappucciato, che tutti vogliono far passare come banali incidenti.
Affiancato dal collega Danny (Nick Frost), Nicholas avrà modo di svelare a tutti la vera identità di questa cittadina abituata a vincere ogni anno il premio di "Miglior villaggio dell'anno".
Diretto da Edgar Right e scritto a quatto mani con lo stesso protagonista Pegg (gli stessi che nel 2004 realizzarono "L'alba dei morti dementi", la commedia romantica sugli zombi campione di incassi al botteghino, con una serie di riconoscimenti a livello di sceneggiatura e di film horror e praticamente ignorato dalla distribuzione di casa nostra) "Hot Fuzz" si risolve in una simpatica parodia degli action-movie.
Fra trovate divertenti che suscitano anche qualche risata e strizzando l'occhio a precedenti pellicole del calibro di "Hot Shots", "Una pallottola spuntata", "Top secret", la pellicola si fa notare anche per quel mix di comico abbinato a qualche punta (un po' accentuata) di quel gusto per il macabro degno di un buon film thriller.
Evitando la consueta struttura tipica dei film d'azione, "Hot Fuzz" procede in maniera molto originale. Il film, infatti, è diviso in due sezioni ben distinte: la prima caratterizzata da un approccio moderato, un'atmosfera in cui il protagonista principale è costretto a piccole attività senza importanza (come la spassosa ricerca del cigno disperso o la presenza alle feste del paese).
Nella seconda parte, quando Angel decide di reagire, il film prende quota con una serie di sparatorie, inseguimenti in auto ed esplosioni varie.
Nonostante questo, tuttavia, lo stile di regia è ben lungi dall'essere piatto o noioso.
Un tono e un ritmo di film che cambiano colpendo positivamente il pubblico che, colto di sorpresa, appalude a questa evoluzione da "giallo" tradizionalmente inglese ad esplosivo film d'azione americano.
Un cambiamento tecnico che trova riscontro anche nella classica formula standard di poliziotti soppiantata da un nuovo stile, dove lo spirito del film riesce a capovolgere le convenzioni del genere (il poliziotto normalmente allontanato per aver commesso qualche errore qui cede il posto ad un valoroso paladino della giustizia che viene messo in disparte anziché essere premiato per il suo zelo) e dalle iniziali atmosfere caotiche tipicamente londinesi che sfumano poi in quelle di una ridente e tranquilla località di campagna, con la sua cattedrale, la caratteristica piazza del mercato e le stradine lastricate.
Un film che nella sua semplicità spettacolarizza gli aspetti più banali e concreti del lavoro della polizia. Merito del filmaker Wright che colpisce nel segno modificando e calando un particolare genere americano in un contesto tipicamente inglese, con una bella dose di irriverente umorismo britannico.
Ma non fermiamoci al semplice lato umoristico del film perchè il pregio della vicenda sta anche e soprattutto nel voler mostrare come anche dietro ad un'apparente e scontata normalità quotidiana di piccolo paese e nella sensazione di assoluto immobilismo di un intero villaggio, si possa celare qualcosa di pericoloso.
Insomma: una morale sempre attuale, per non dare mai nulla di scontato ed invitarci a tenere gli occhi costantemente ben aperti.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere