Giovedì 6 Ottobre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Il riccio PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
domenica 31 gennaio 2010

Il riccio
Titolo originale: Le hérisson
Francia, Italia: 2009 Regia di: Mona Achache Genere: Commedia Durata: 100'
Interpreti: Josiane Balasko, Garance Le Guillermic, Togo Igawa, Anne Brochet, Ariane Ascaride, Wladimir Yordanoff, Solange Le Picard, Jean Luc Porraz, Gisèle Casadesus, Mona Heftre, Achache Samuel, Valérie Karsenti, Stefan Wojtowicz
Sito web: www.leherisson-lefilm.com
Nelle sale dal: 05/01/2010
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Letterario

Il riccio

Quando i popoli avevano una radicata cultura nazionale erano espliciti i modelli culturali, i simboli esteriori come il modo di vestire, l’arredamento delle case, il linguaggio, i rituali, i comportamenti sociali.
Per noi italiani, i cugini francesi avevano molti meriti e un fascino un po’ distante.  
Ma sapevamo anche che un certo modello di cultura francese era un po’
spocchiosa, presuntuosetta e forse un po’ troppo glamour per i nostri standard.  La stessa differenza che in Asia si riscontra tra un giapponese e un cinese.  Questo film è la dimostrazione pratica di quella francesità un po’
pâté de bourgeois, di intellettualismo fanè che un tempo ci irritava particolarmente non per nostra inadeguatezza ma per quella falsa sfacciataggine di involontaria superiorità.
Non sappiamo se la giovane regista (Mona Achache – appena ventotto anni, alla sua opera prima) sia cascata con le scarpe in questa pozzanghera per scelta, inesperienza o per i naturali trabocchetti che sorgono quando si deve fare un film da un libro famoso, di successo e anche un po’
sopravvalutato.  Saranno cento anni che si parla dei film tratti da libri, sono cento anni che i primi lasciano insoddisfatti quasi sempre e perdono nel confronto col romanzo da cui sono tratti: confronto che viene naturale ma che non dovrebbe essere fatto in quanto linguaggi e stili diversi ( sia per chi li realizza che per gli spettatori ), un po’ come fare un confronto tra una poesia e un brano musicale.
Il film si lascia vedere, ha alcuni momenti poetici, alcune gentilezze del tocco, alcuni passaggi delicati e in controtendenza col panorama del cinema odierno; a questo si deve aggiungere che c’è un cast ( un po’ algido ) ma perfetto, come sono molto bravi tutti gli attori.
Non riusciamo quindi a comprendere perché l’autrice del romanzo, Muriel Burbery, abbia “scomunicato” l'opera, l’abbia stroncata senza pietà, e abbia preteso dalla produzione la scritta un po’ generica «liberamente ispirato».
In rue de Grenelle, al numero 7, c’è un condominio elegante, abitato da solo cinque famiglie dell'alta borghesia.  Burocrati ministeriali silenziosi e formali, signore che parlano più con le piante che con i propri figli, anziane svagate con cagnolino, bambine di undici anni che hanno deciso di suicidarsi e che citano Freud, parlano giapponese e girano filmini come poteva fare Godard da bambino.
Una alta borghesia educata e civile che tuttavia non riesce a vedere che il proprio naso e i suoi simili, gli altri sono ombre da non calpestare.  Un’ombra è la portinaia Renée, dalla sua guardiola assiste allo scorrere di queste vite di lusso, superficiali e indifferenti.
Lei è in tutto e per tutto una portinaia: grossa, sciatta, scorbutica, mangia continuamente cioccolata e beve tè.  Ma ha una porta chiusa in casa e un segreto, ha centinaia di libri ed è una coltissima autodidatta che adora l'arte, il cinema, la filosofia, la musica, la cultura giapponese.
Conosce e cita Marx, Tolstoj, Ozu e nasconde a tutti la sua cultura: ha deciso di essere un riccio e di non chiedere più nulla alla vita.  Al secondo piano abita Paloma, la figlia undicenne di un ministro e di una signora che è da dieci anni in psicanalisi:
adolescente geniale e fin troppo matura che ha deciso di suicidarsi il giorno del suo  compleanno. Fino ad allora si nasconde negli armadi e dietro una telecamera con cui riprende qualsiasi cosa.
Nel condominio viene ad abitare un anziano giapponese ricchissimo, monsieur Ozu ( un concentrato di gentilezza e saggezza nipponica, sempre con la risposta giusta e poco convenzionale ), sarà lui a far ‘incontrare’ Paloma e Renée e sarà sempre lui a scoprire il mondo segreto della portinaia, a ‘smascherarla’ e a farle perdere il ‘riccio’ in cui si è chiusa da quando è rimasta vedova.
La portinaia autodidatta Renée è la protagonista di questo film anche se in alcuni momenti rischiamo di dimenticarci di lei per seguire Paloma e le sue ripetute riprese filmiche.  E’ lei il riccio, ispida e puntuta ma incredibilmente elegante  nell'animo. E’ lei che ha una dolenza e un malessere dell’animo che tuttavia non la rendono mai squallida moralmente.
E dove il personaggio non riesce ad arrivare ci pensa con un mezzo sorriso o un gesto del corpo la bravissima attrice Josiane Balasko ( regista, attrice in molti film francesi e sceneggiatrice ) per far comprendere allo spettatore il mondo ricco di segreti, di sogni, di idee e di bellezza.
Paloma (Ariane Ascarid – una ragazzina anche lei un po’ ‘riccio’ ) è una piccola ma troppo matura Giudice dell'Umanità che prende le distanze dalla
famiglia: cosciente di avere una madre fragile e debole,  un padre, silenzioso e aggressivo, con cui non ha rapporti, una sorella Colombe che studia filosofia solo a fini speculativi e non per affrontare il mondo in maniera autentica. Una ragazzina estenuantemente attenta e profonda nel comprendere il suo mondo, di cui è convinta di capire la parte crudele, e che non riesce a sopportare la mediocrità della gente con cui vive, e per cui ha pianificato di suicidarsi con il barbiturici il giorno del suo compleanno.  
Traghettatore di queste due vite così vicine e così lontane, monsieur Ozu ( Togo Igawa ), dei tre personaggi quello che è apparentemente il più saggio, equilibrato e sereno.
Ma che non ha una ‘vita’ sua ma che è solo speculare a quella delle due donne, sembra uscito da un libro zen e messo lì per far scattare meccanismi narrativi.

 

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere