HOME arrow HOME VIDEO: arrow Commedia arrow Io, Dio e Bin Laden (Blu Ray)
Mercoledì 19 Giugno 2019
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Io, Dio e Bin Laden (Blu Ray) PDF Stampa E-mail
Scritto da Davide Sorghini   
venerdì 04 gennaio 2019

Titolo: Io, Dio e Bin Laden
Titolo originale: Army of One
Caratteristiche del Blu Ray in vendita dal 13 Dicembre 2018.

Film
Gradevole commedia con Nicolas Cage, ispirata ad una storia vera, che interpreta il signor Gary Faulkner, un cittadinoarmy_of_one_blu_ray.jpg statunitense abituato a vivere alla giornata, il quale, ad un certo punto della propria vita avverte una "chiamata". Dio, nelle vesti di un giovane tatuato, gli affida la missione di cercare ed eliminare Osama Bin Laden, responsabile dei noti atti terroristici. Convintosi del fatto che lo sceicco si nasconda in una grotta sulle montagne del Pakistan, Gary Faulkner si organizza per raggiungere la nazione mediorientale ed affrontare da solo la sua ricerca. Non è ben chiaro se riesca o no a trovare il terrorista - ha un incontro/scontro con lui in una sequenza che potrebbe essere tanto onirica quanto reale - ma certamente crea scompiglio tra il personale della CIA presente in Pakistan. L'elemento più riuscito del film è la costruzione del personaggio di Gary Faulkner, una persona con evidenti problemi di salute (ha un'insufficienza renale che lo costringe alla dialisi) ed un passato difficile. Nonostante ciò, è animato da uno spirito istrionico, una notevole arguzia, e, soprattutto, un ego smisurato. Nel momento in cui si ritiene investito dal compito di trovare Bin Laden, la dedizione alla missione diviene un unico con l'io del protagonista, il quale cerca di portarla a termine con ogni mezzo alla propria portata - ovviamente assai "bassa". Al di là della sequenza degli eventi, che vede l'arguto protagonista nel costante confronto con le persone che lo circondano, per lo più molto pazienti ed irrealmente amichevoli con Faulkner, il film ci consegna alcune riflessioni sul libero arbitrio, le quali emergono dai dialoghi tra il personaggio principale e Dio, e abbozza una teoria complottista, agganciandosi alla quale, il regista conclude il racconto sostenendo la possibilità di cambiare la propria sorte. Infatti, nonostante dopo la sua prima "missione" in Pakistan, Faulkner preferisca dedicarsi alla propria nuova famiglia, il protagonista, spinto da alcune deduzioni tratte dal racconto dell'uccisione di Bin Laden, si convince che egli sia ancora vivo, e la sua ricerca sia inevitabile; ma non molto tempo dopo, torna presso la casa della sua compagna, lasciando inascoltati ulteriori richiami della "divinità". Circa la sequenza dell'incontro con il capo di Al-Qaeda, come già scritto, non sappiamo se sia un fatto vero o sognato dal protagonista. Io sostengo la seconda ipotesi, stante le notevoli somiglianze tra le due persone. Il protagonista sembra infatti combattere contro sè stesso; Bin Laden è divenuto un alter-ego che rappresenta le sue ossessioni. Il percorso per liberarsi da esse sarà ancora lungo, ma, con il "fermentare" degli impulsi esterni, riuscirà. Un film divertente, con diversi piani di lettura. Possiamo farci due risate nel vedere il personaggio di Faulkner mettere a punto i sistemi più assurdi per raggiungere il Pakistan e "mitragliare" il prossimo con la sua arguzia, e anche riflettere su ciò che egli, tramite i suoi dialoghi, in realtà comunichi. Buona prestazione per Nicolas Cage, che vedo con piacere tornare a lavorare in un prodotto valido, dopo tanti film che non mi sembrano esattamente capolavori.

Video
Il film cooprodotto da Conde Nast Entertainment, Dimension Films, Endgame Entertainment e Kasbah-Film Tanger viene editato e distribuito per il mercato Home Video da Koch Media e presentato nel formato 2,35:1 con codifica a 1080 p. La confezione, graficamente impeccabile, è l'intramontabile amaray realizzata con un gradevole artwork interno dove troviamo il volto dell'attore che interpreta Bin Laden, Amer Chadha-Patel. Purtroppo il Blu Ray non raggiunge la qualità di altri prodotti targati Koch Media e la causa risale senza dubbio nella realizzazione del film e a un Bitrate medio altalenante. Ci troviamo davanti a un Blu Ray, che potremmo definire dalla doppia anima, in quanto le riprese in esterno e con forte illuminazione (Bitrate medio 26 Mbps) risultano ottime e dettagliata mentre quelle in interno o penombra (Bitrate medio 13 Mbps) sono piuttosto piatte. Il dettaglio, in interni, raramente colpisce l'occhio dello spettatore, non riuscendo a far emergere i dettagli più fini, inoltre la tavolozza dei colori appare leggermente desaturata e poco incisiva. In esterno cambia tutto e anche i colori risultano più saturi e incisivi, con un livello di dettaglio in primo e secondo piano estremamente piacevole e gratificante alla vista.
Ci troviamo di fronte a un disco nella media, che per la tipologia di film, risulta sufficiente!

Audio
Audio buono, ma non eccezzionale. Una pista sonora che, per la tipologia di film, ci regala un'esperienza d'ascolto abbastanza coinvolgente e precisa. Troviamo, come sempre, due tracce lossless in formato 5.1 DTS HD sia per l'italiano che l'inglese discrete anche se in più di un occasione si ha la sensazione di un audio tendenzialmente più basso del solito. L'uso dei canali surround e ben bilanciato e capace di creare un delicato effetto di amebienza. L'uso del Subwoofer è minimale.I dialoghi comunque risultano sempre chiari.

Extra
Comparto extra più che soddisfacente per la tipologia di film. Troviamo oltre ad una serie di interviste a Nicolas Cage, Russell Brand, Jeremy Steckler, Patrick Newall, Wendi McLendon-Covey, Will Sasso, Paul Scheer il Trailer e un breve "Backstage" (7,06) [Non menzionato nella fascetta].

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
SeedingUp | Digital Content Marketing
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere