Sabato 25 Novembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Karaoke Terror PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 6
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
domenica 08 giugno 2008

Karaoke Terror
Titolo originale: Karaoke Terror - The Complete Showa Era Songbook
Giappone: 2003. Regia di: Tetsuo Shinohara Genere: Commedia Durata: 112'
Interpreti: Masanobu Ando, Arata Furuta, Yoshio Harada, Kanako Higuchi, Fumie Hosokawa, Yumi Morio
Sito web:
Voto: 7
Recensione di: Nicola Picchi

karaoke_terror_leggero.jpegMurakami Ryu ha una “modesta proposta” dal sapore swiftiano per risolvere il problema dei conflitti generazionali nel Giappone contemporaneo. Come fronteggiare la coesistenza di gruppi sociali incompatibili, come giovani alienati disancorati dai processi produttivi o pericolosissime donne divorziate di mezza età? La risposta è semplice quanto definitiva, ed è quella illustrata in questo “Karaoke Terror”, tratto da un racconto dell’autore e regista giapponese, che già aveva fornito al cinema il soggetto di “Audition” e di altre pellicole.
Sei ragazzi si riuniscono tutte le settimane per delle sessioni di Karaoke in cui ripropongono canzonette pop del passato. Una sera uno di loro avvicina una donna e le propone un rapporto sessuale, immaginando che lei, data la differenza di età, debba sentirsi grata delle sue attenzioni. La donna rifiuta, ed il ragazzo reagisce con violenza, uccidendola con un coltello. La vittima faceva parte di un gruppo di sei amiche, accomunate dall’essere indipendenti, divorziate, e dal fatto di condividere lo stesso nome: Midori. Investigando sulla scomparsa dell’amica, con l’aiuto di una stralunata ragazza che ha assistito al omicidio, riescono ad individuare il colpevole e lo uccidono a loro volta. Il conflitto tra i due gruppi si farà sempre più serrato, e l’escalation di violenza che ne seguirà condurrà a risultati davvero paradossali.
Il film mette in scena due gruppi sociali emarginati e marginali che, in mancanza di alternative, non trovano di meglio che combattersi tra di loro all’ultimo sangue. I sei ragazzi, tutti intorno ai vent’anni, trascorrono le loro vite nella vuotezza più assoluta, accomunati più dall’abitudine che dall’amicizia. Il loro unico momento di aggregazione consiste nel ritrovarsi settimanalmente, indossando costumi transgender alla “Rocky Horror Picture Show” che ne rimarcano l’ambiguità sessuale, e cantando hit musicali dell’era Showa (più o meno dagli anni ’50 agli ’80), da cui il titolo originale del film.
Le sei Midori scontano la scarsissima considerazione in cui sono tenute le donne divorziate nella società nipponica, e sono colpevoli di due delitti capitali: invece di subire passivamente la loro sorte, come sarebbero culturalmente tenute a fare, si permettono di rivendicare un’indipendenza inammissibile ed in più sono aperte alle influenze occidentali. Come sottolinea in una scena esilarante il vecchio giapponese che vende armi sottobanco, le Midori sono quel tipo di donne che mangiano “risotto, pasta o cibo indonesiano” in ristoranti alla moda e che si vestono nelle “boutiques”, magari acquistando costosi abiti griffati. E’ perciò logico e necessario punirle severamente, applicando la più spietata delle condanne.
Naturalmente la penna di Murakami gronda sarcasmo, ed il regista Tetsuo Shinohara lo asseconda in pieno catapultando i personaggi in una black comedy che più nera non si può, a cui avrebbe forse giovato un ritmo meno riflessivo, a rischio però di trasformare i protagonisti in figurine appena abbozzate. Tutto sommato “Karaoke Terror” va benissimo così com’è, una satira al vetriolo delle contraddizioni della società giapponese che non offre alcuna redenzione, in cui momenti di stasi si alternano ad altri più indiavolati, e che coltiva con sapienza l’arte del paradosso. La regia, misurata nonostante la materia trattata, rende per contrasto ancora più caustico il tono generale, e si limita a seguire con divertito distacco la deriva dei protagonisti, tutti molto in parte, tra cui troviamo il Masanobu Ando di “Battle Royale” e “Nightmare Detective”, la Kanako Higuchi di “Kyashan” e “Memories of Tomorrow” e la Miwako Ichikawa di “Memories of Matsuko”. Menzione speciale per la studentessa che, con le sue imparziali delazioni, agevola lo svolgersi della carneficina, piantando poi un fiore in memoria di ogni caduto. In conclusione, un piccolo film da riscoprire approfittando della recente uscita in dvd.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere