HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Commedia arrow L’Armata Brancaleone
Lunedì 26 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
L’Armata Brancaleone PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 17
ScarsoOttimo 
Scritto da Stefano Salinas   
martedì 05 ottobre 2010

L’Armata Brancaleone
Titolo originale: L’Armata Brancaleone
Italia: 1966. Regia di: Mario Monicelli Genere: Commedia Durata: 120'
Interpreti: Vittorio Gassman: Gian Maria Volontè, Catherine Spaak, Folco Lulli, Maria Grazia Buccella, Barbara Steele, Enrico Maria Salerno, Carlo Pisacane, Ugo Fangareggi, Gianluigi Crescenzi Taccone, Pippo Starnazza, Luigi Sangiorgi, Fulvia Franco, Tito García, Joaquín Díaz, Luis Induni, Luigi di Sangi, Carlos Ronda, Juan C. Carlos, Alfio Caltabiano, Philippa de la Barre de Nanteuil
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 1966
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Stefano Salinas
L'aggettivo ideale: Geniale
Scarica il Pressbook del film
L’Armata Brancaleone su Facebook

L'armata brancaleoneQuesta pellicola è caratterizzata dalla straordinaria comicità del Monicelli che, proiettata nel medioevo, rievoca l’atmosfera che si respirava in quei tempi miseri e bui dominati dalla morte a causa di peste e dal terrore che scaturiva dai saccheggi che rozzi barbari compievano.
Atmosfera che il regista toscano ci fa rivivere in modo allegro, scorrevole ma anche a tratti con una punta di tragicità. Fornendo non poche nozioni storiche, dà modo di riflettere anche sulle condizioni di vita che la gente di bassa estrazione sociale era costretta a patire.

La storia, ambientata nell’ XI secolo, quando la religione cristiana predominava in tutti gli aspetti della società, e la minaccia delle incursioni saracene (‘… lo nero periglio che vien da lo mare…..’) avanzava con impeto, narra le avventure di uno sciagurato cavaliere e del suo seguito formato da elementi anche loro disgraziati. Il condottiero di questa ‘armata’ (così intesa in senso metaforico) si ritrova ad affrontare una serie di situazioni imbarazzanti (vedi il torneo tra cavalieri) e talvolta pericolose (così come quando le guardie di Guccione cercano di catturarlo). In queste ultime però, sia lui che i suoi seguaci, dimostrano di cavarsela piuttosto bene. Difatti Brancaleone da Norcia è in realtà un eccezionale combattente, le cui qualità sono affievolite e talvolta completamente annullate, a causa del suo cavallo ’Aquilante’ fifone e maldestro. Per giunta il protagonista si mostra onesto ed orgoglioso fino al punto che, per mantenere un giuramento fatto, rifiuta una bellissima donzella che li si era concessa (Matilda).  I suoi ‘seguaci’, altrettanto efficaci quando si tratta di salvare la pelle, si palesano come ignoranti, poveri fino alla fame, e pronti ad affrontare il lungo viaggio verso la Rocca di Aurocastro, che in loro speranza, dovrebbe regalarli la tanto desiderata ricchezza da padroni del feudo.

I costumi sono stati fedelmente riprodotti, vedi per esempio non solo quelli dei protagonisti ma anche quelli dei personaggi secondari che vengono rappresentati sia in ambito civile (gli abitanti del villaggio che vengono trucidati a inizio film, i partecipanti al banchetto di nozze tra Guccione e Matilda, i parenti di Teofilatto ed i cittadini di Aurocastro) sia in ambito bellico (i cavalieri partecipanti al torneo, le guardie al servizio di Guccione, i pirati saraceni ed i cavalieri di Sassonia).
Il linguaggio si presenta variopinto poiché parlato da una moltitudine di personaggi  che provengono da diverse parti della penisola italica ed inoltre spicca l’inserimento di qualche arcaismo e qualche latinismo.
Dunque costumi e linguaggio, assieme alla scenografia che risulta minuziosamente elaborata, riproducono un realismo addirittura oltranzista.

Ad amplificare tale caratteristica sono i comportamenti che i personaggi tengono nel relazionarsi con gli altri.
Il modo in cui  ragionano che, per motivi ovvi di miseria e ignoranza allo stato di degrado, risulta chiaramente opportunista e venale; ricordiamo Abacuc come si dimostra desideroso di denaro in più occasioni, oppure Teofilatto che per rimediare un po’ di ‘Petecchioni d’oro’ è disposto ad attuare una messa in scena da lui concepita, ovvero inventare ai suoi genitori che è stato rapito per poi spartirsi il riscatto con i fantomatici rapitori, che sarebbero Brancaleone ed i suoi.
Oltre agli aspetti comportamentali dei personaggi e quelli esteriori che riguardano anche l’ambiente (costumi, trucchi  e scenografia) di grande impatto è la direzione della fotografia condotta dal mirabile Carlo di Palma con la quale costui ha vinto il Nastro d’Argento.

È senza ombra di dubbio di fortissima risonanza la geniale interpretazione di Vittorio Gassman, che si è calato perfettamente nei panni del protagonista. Così come lo è anche quella di Gian Maria Volonté nella parte di Teofilatto, e quella di Carlo Pisacane in Abacuc.
L’immagine miserabile con cui viene riprodotta la gente dell’epoca, ben si confà con quella che la contemporanea collettività solitamente li attribuisce, e come difatti era. E così anche quella di personaggi crudeli che viene conferita ai saraceni che impalavano i prigionieri di guerra e agli eserciti cristiani che mettevano al rogo i peccatori di frode.
Al di sopra di tutto questo marasma fatto di sangue e morte si erge la simpatica figura di Brancaleone, il quale riesce ad ottenere una forte attrattiva e tanta reminescenza… anche dopo più di 40 anni.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere