HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Commedia arrow La prima cosa bella
Venerdì 18 Settembre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
La prima cosa bella PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Monica Prisco   
martedì 02 febbraio 2010

La prima cosa bella
Titolo originale: La prima cosa bella
Italia: 2010  Regia di: Paolo Virzì Genere: Commedia  Durata: 116'
Interpreti: Valerio Mastandrea, Micaela Ramazzotti, Stefania Sandrelli, Claudia Pandolfi, Marco Messeri, Aurora Frasca, Giacomo Bibbiani, Giulia Burgalassi, Francesco Rapalino, Isabella Cecchi, Sergio Albelli, Fabrizia Sacchi, Dario Ballantini, Paolo Ruffini, Emanuele Barresi, Fabrizio Brandi, Michele Crestacci, Bobo Rondelli, Paolo Giommarelli, Giorgio Algranti
Sito web: www.it.movies.yahoo.com/speciali/laprimacosabella
Nelle sale dal: 15/01/2010
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Monica Prisco
L'aggettivo ideale: Misurato

La prima cosa bellaIl cinema italiano è morto? Anzi, gode di ottima salute, se il metro di giudizio sono pellicole come quest’ultimo lavoro di Paolo Virzì. Continua il momento creativo felice del regista livornese dopo il riuscitissimo “Tutta la vita davanti” del 2008.
Stavolta però si torna in provincia, l’ambiente prediletto dal regista toscano. E il risultato è un film molto misurato, ben girato e ben raccontato; con interpreti convincenti e una scenografia mai scontata o bozzettistica. E il rischio ci sarebbe eccome!
Eppure Virzì riesce nel miracolo dell’equilibrio, sospendendo emozioni e situazioni in un’atmosfera leggera, rarefatta che tuttavia nulla toglie alla profondità del racconto.
Miscelando con cura e sapienza passioni, rancori, umori con colori e suoni dal gusto dolceamaro, ottiene una commedia vera, come da migliore tradizione italiana.

Si parla della vita. La vita tout court, semplicemente. Così come viene, con gli eventi, le passioni, i dolori che porta. Il ritorno in provincia è foriero di personaggi umanamente ricchi e autentici che colpiscono talora per la loro incontenibile verbosità o per l’innata, generosa sincerità; ma non è tutto oro quello che luccica, la gramigna cresce anche in una piccola città come l’amata Livorno. Ecco quindi temi scottanti come la violenza domestica, l’educazione dei figli e i danni che genitori poco accorti o semplicemente privi degli strumenti culturali adeguati, possono causare alla loro psiche.
Tant’è che Mastandrea-Bruno si porterà dietro per tutta la vita le ferite dell’infanzia, invischiato in problemi di droga e di fondamentale incapacità relazionale; in bilico tra l’amore e il disprezzo per una madre la cui straripante passione per la vita la porta a dibattersi tra un amante e l’altro, un’anima in pena ma fondamentalmente libera, alla continua ricerca di emozioni, il sale dell’esistenza.

La narrazione si articola in una serie funambolica di flashbacks continui che ripercorrono la vita dei protagonisti, dandoci le informazioni necessarie all’approfondimento psicologico dei caratteri. Lo spettatore rimane incollato allo schermo, cullato da una colonna sonora ricca e variegata, blandito da trovate efficaci, come la pallonata improvvisa che scuote Mastandrea dal sonno, introducendo così il protagonista.
Un film colorato, vivace, con una macchina da presa che sottolinea i momenti emotivamente più intensi con un ritmo concitato e incalzante. Anche il suono fà la sua parte, creando stacchi e veicolando l’attenzione sul personaggio.
Molto bella la ripresa finale dall’alto della camera da letto della Sandrelli morente, suggestiva sequenza con cui Virzì riesce a comunicare l’avvenuto trapasso con una delicatezza e una sensibilità non comuni.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere