HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Commedia arrow La tela di Carlotta
Venerdì 18 Settembre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
La tela di Carlotta PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 6
ScarsoOttimo 
Scritto da Vittorio Castagna   
martedì 13 marzo 2007

La tela di Carlotta
USA - 2006. Regia di: Gary Winick Genere: Commedia Durata: 113'
Interpreti: (voci) Dakota Fanning, Julia Roberts, Oprah Winfrey, Steve Buscemi, Kathy Bates, John Cleese, Thomas Haden Church, Robert Redford, Cedric the Entertainer, André Benjamin, Jennifer Garner
Recensione di: Vittorio Castagna

charlottesweb.jpg Non è facilmente spiegabile il motivo per cui le cose più grandi e più belle sono sempre dette nelle favole. La tela di Carlotta (Charlotte’s Web) è un film sull’amicizia, sul sacrificio e sulla capacità di vedere oltre. La storia inizia inquadrando Fern Arable (Dakota Fanning), una ragazzina tenace e sensibile, che salva dalla morte un maialino a cui darà nome Wilbur. Wilbur, dopo le iniziali cure materne di Fern, sarà costretto ad andare a vivere in una stalla a causa della sua continua crescita. La stalla è il luogo dove Wilbur conoscerà altri compagni, ma soprattutto un’amica dal nome Carlotta A. Cavatica, un ragno saggio e materno che dimostrerà come l’amicizia non ha misure e parametri, ma è semplicemente dono di sé. Quando tutti giudicheranno il ragno per il suo aspetto Wilbur dirà: “per me lei è bellissima”, segno che l’amicizia trasforma anche il nostro sguardo e ci fa vedere oltre i pregiudizi e le forme estetiche; sembra quasi riecheggiare, per chi è appassionato di letteratura per ragazzi, la passione del Piccolo Principe per la sua rosa. Il nostro maialino lentamente si trasforma nel ponte fra le due realtà che si intrecceranno: il mondo umano e quello animale. Si nasce, si vive e si muore è un chiaro fill rouge della storia, ma ciò che dà maggior senso a questa dinamica naturale è il senso. Da un lato c’è Carlotta, la quale vivrà per aiutare il suo amico a salvarsi dal pranzo di natale e lo farà con l’incisione sulla ragnatela (da cui prende nome il film), il prezzo che pagherà è la vita, ma in fondo sarà l’ennesimo dono al suo amico; dall’altro ci sono Fern e Wilburn, il primo con la sua “umiltà” unirà i diversi, la seconda con il suo coraggio è l’ombra nascosta di un miracolo. L’altro personaggio interessante seppur marginale è il medico a cui si rivolge la madre di Fern, che stranamente invece di teorizzare una patologia infantile aiuta la madre a non considerare sua figlia un’alienata. La struttura narrativa, come è stata già descritta sopra, è elementare ed è allo stesso tempo fedele al romanzo da cui è tratta la storia, un classico della letteratura americana per ragazzi ad opera di E.B. White (lo stesso autore di Stuart Little). L’originalità di questa pellicola non è individuabile nella trama o nell’idea in sé, poiché gia nel 1972 una produzione Hanna-Barbera aveva trasformato in un film d’animazione il best seller di White. Il regista Gary Winick, non molto conosciuto ma militante da anni nel mondo televisivo-cinematografico, con uno stile a dir poco realistico è riuscito a dare dei tratti psicologici a ciascun personaggio ed è riuscito ad andare ben oltre il romanzo; gli sguardi intensi, la dialettica tra i personaggi della fattoria e la dinamicità del racconto sono ben studiati e armonizzati. Inoltre un elogio è da fare a John Andrew Berton Jr., supervisore degli effetti speciali, così bravo rendere antropomorfi gli animali e conciliarli molto bene con la sceneggiatura.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere