HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Commedia arrow La versione di Barney
Venerdì 18 Settembre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
La versione di Barney PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 6
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
martedì 25 gennaio 2011

La versione di Barney
Titolo originale: Barney's Version
Canada, Italia: 2010. Regia di: Richard J. Lewis Genere: Commedia Durata: 138'
Interpreti: Paul Giamatti, Dustin Hoffman, Minnie Driver, Rosamund Pike, Rachelle Lefevre, Scott Speedman, Bruce Greenwood, Macha Grenon, Jake Hoffman, Mark Addy, Saul Rubinek, Harvey Atkin, Clé Bennett, Mark Camacho, Ellen David, Larry Day, Marina Eva, Paula Jean Hixson, Anna Hopkins, Howard Jerome, Mario Macan, Luca Palladini, Ivana Shein, Marica Pellegrinelli, Thomas Trabacchi, Sheila Hymans, Len Richman, Howard Rosenstein, Ted Kotcheff, Arthur Holden, Zack Kifell, Simone Richler, Denys Arcand, Arthur Grosser
Sito web ufficiale: www.sonyclassics.com/barneysversion
Sito web italiano: www.kataweb.it
Nelle sale dal: 14/01/2011
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Piatto
Scarica il Pressbook del film
La versione di Barney su Facebook

La versione di BarneyBarney beve come una spugna, fuma sigari Montecristo, ha in gioventù come amici geniali artisti ( nel libro vive a Parigi, nel film invece a Roma ), anche le tre donne che sposa sono belle e la summa di tre epoche differenti della sua vita, ha una carriera professionale ricca di danaro e bella vita.
Eppure Barney, vero uomo senza qualità, senza carisma e fisicamente bruttino, non si rende conto della fortuna che ha avuto nella vita, Il fatto che lo rende simpatico però è l’essere generoso a modo suo, essere diretto, linguacciuto, pronto alla rissa e alla battuta.

Tratto dal bel libro, e di notevole successo internazionale, scritto da Mordecai Richler ( scrittore canadese morto settantenne nel 2001 che con Barney ha molto in comune: è canadese, nato nello stesso quartiere, da una famiglia non ricca ebrea, ha vissuto a Parigi, è stato amico di artisti come Ginsberg e Southern e pur in settore differente anche lui ha lavorato per la televisione.
Eppure si è sempre ostinato a negare qualsiasi rassomiglianza esistenziale con Barney ) il film cambia l’ambientazione temporale dei fatti, li adegua all’oggi, sposta il periodo bohemienne dagli anni Cinquanta francese a quello dei figli dei fiori romano della fine degli anni Sessanta, da’ un maggiore ordine agli avvenimenti giacchè nel romanzo Barney Panofsky impugna la penna per difendersi dall'accusa di omicidio e da calunnie imbarazzanti scritte dal suo vecchio amico Terry Mciver nel libro “ Il tempo, le febbri “ e quindi la sua memoria divenuta fallibile lo fa andare di qua e di là nel tempo.

Barney Panofsky ( un ottimo Paul Giamatti, dalla lunga carriera - misconosciuta -nonostante abbia solo quarant’anni.
Lo ricordiamo nel notevole “ Sideways – In viaggio con Jack di Alexander Payne e “ Duplicity “ di Tony Gilroy) è un produttore televisivo di origine ebrea che ha avuto molto successo con le soap opera in Canada, ed è figlio di un simpatico e arzillo ex
poliziotto Izzi ( Dustin Hoffman ). Lo incontriamo al crepuscolo della sua vita, ormai solo, con un rapporto difficile con il figlio e affettuoso con la figlia e con una ex moglie che ama ancora nonostante lei si sia risposata.
E’ stato un uomo senza qualità e privo di talento, ma la vita gli ha dato tutto: l’Amore, quello unico, dei bravi figli, degli amici, una carriera professionale che gli ha dato molto danaro e poco impegno.
La storia della sua vita si può dividere in tre parti, come tre sono state le mogli. Nella prima, negli anni Sessanta a Roma e un po’ in giro ( un po’ ci ricorda Hemingway di “ Fiesta Mobile “ ), vive alla giornata a Trastevere o giù di lì, tra mansarde incasinate, mostre di pittori , bevute, sballate con droga, e pure sesso a gogò e frequentando amici futuri grandi artisti.
Barney vive questa vita senza però esserne protagonista, è solo il buon amico su cui ci si può contare; si sposa anche con una bellissima pittrice ebrea Clara Charnofsky, un po’ folle e dalla vita promiscua che è rimasta incinta non si sa bene di chi ma a cui Barney accetta di riconoscere il bebè. Nella seconda “ vita “, è ritornato in Canada ed è alla ricerca di una sua strada; inizia a lavorare come producer televisivo e qualcuno gli presenta una giovane e bella ragazza ebrea figlia di milionari della comunità.

Forse quella vita che sta facendo non gli piace e si lascia trascinare in un fastoso matrimonio con una ragazza di cui non prova nemmeno un briciolo d’affetto, al punto che al pranzo di nozze sbevazza col padre in continuazione e si innamora immediatamente di una ospite, Miriam ( la brava e deliziosa Rosamund Pike – l’abbiamo vista e recensita nei film “ An Education “, “ We Want Sex “, “ Terra Promessa “ di Amos Gitai ). Decide di corteggiarla
a distanza, mandandole fiori ogni settimana a New York dove lei lavora; e forse organizza il suo divorzio, lasciando nella casa di campagna sua moglie e il suo amico Boogie, tossico ma anche bello e immorale.
E proprio nello stesso giorno in cui scopre i due a letto, l’amico cade in acqua e scompare, Barney viene sospettato ma non accusato, ma nel tempo si fa un nemico acerrimo, l'agente investigativo O' Hearne che pubblica un libro su Barney, e la misteriosa scomparsa dell'amico Boogie ( Scott Speedman ).
Ma la vita di Barney, lo abbiamo già detto, è sfacciatamente fortunata, riesce ad avere un appuntamento con Miriam a New York, e nonostante si presenti ubriaco e vomiti anche l’anima, riesce a conquistarla e diverrà l’amore della sua vita, la donna che gli farà conoscere il vero senso dell’amore, la fedeltà e la passione.
Con lei vivrà più di venti anni, avrà due figli ( tre nel libro e non riuscirà ad avere con nessuno dei tre un relazione serena ) ma la perderà per il caratteraccio che si ritrova e per una scappatella stupida dettata dalla gelosia. Il film termina con Barney…

Probabilmente agli aficionados del libro, il film è sembrato tradire l’essenza e la struttura romanzesca; forse è vero ma è anche giusto che il linguaggio e la struttura di un film tradiscano il testo letterario proprio perché sono, un libro e un film, due arti così lontane e così vicine allo stesso tempo. Però, se ci sembra giusto che a dei personaggi del romanzo sia stata tolta o aggiunta
qualcosa in più nel film, ci dispiace che alcuni aneddoti ( che rendevano Barney “ mitico “ ) siano stati tolti. Un po’ come se a un buon quadro venisse tolta parte della luce.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere