Venerdì 18 Settembre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Lei mi odia PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesco Manca   
venerdì 18 luglio 2008

Lei mi odia
Titolo originale: She hate me
USA: 2004. Regia di: Spike Lee Genere: Commedia Durata: 138'
Interpreti: Monica Bellucci, Woody Harrelson, John Turturro, Anthony Mackie, Kerry Washington, Ellen Barkin
Sito web: www.mikado.it/leimiodia
Nelle sale dal: 22/10/2004
Voto: 7,5
Recensione di: Francesco Manca

Lei mi odiaSpike Lee, il regista afroamericano più impegnato e “controverso” dagli anni ’80 a oggi, basandosi su tre principali argomenti: le multinazionali americane, il mondo dell’economia e il lesbismo, partorisce un’agrodolce commedia drammatica presentata fuori concorso alla 61a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, che è stata (ingiustamente) snobbata dalla gran parte della critica statunitense ed europea, ricevendo, come se non bastasse, innumerevoli proteste da parte di numerosi gruppi lesbici.

Protagonista della vicenda è Jack Armstrong, interpretato da un ottimo Anthony Mackie, un giovane vice-direttore di una multinazionale farmaceutica, che, dopo aver scoperto e denunciato delle attività losche all’interno dell’azienda per mano di alcuni membri, viene licenziato e il suo conto in banca viene letteralmente “congelato”. Un giorno, però, si presenta alla sua porta la sua ex fidanzata Fatima(Kerry Washington), divenuta nel frattempo lesbica, con la sua nuova compagna, che, in cambio di 5.000 $, gli propone di ingravidarle. Dopo una leggera titubanza, Jack accetta, e da quel momento, ogni sera decine di lesbiche desiderose di avere figli, si presentano a casa sua, e, in cambio di ingenti somme di denaro (10.000 $ a testa), avranno ciò che desiderano…
Quella di Lee, è una struggente e difficile parabola sulla sessualità afroamericana, che, nel contempo, rivolge graffianti critiche sull’America, (ri)confermando nuovamente il messaggio che, col sesso, si fanno più soldi di quanti ne possa fare un vice-presidente di un azienda farmaceutica.
In “Lei mi odia”, il cui titolo  viene “spiegato” in un piano sequenza a metà film, è presente inoltre, una certa dose di satira, rappresentata in modo estremamente “fumettistico” tramite degli spermatozoi sotto forma di “cartoon” che vanno a colpire il bersaglio, e forse è questo il solo messaggio che traspare dalle critiche negative rivolte all’opera di Lee, invece, non è affatto così.

Nella pellicola, si possono trovare diversi riferimenti al famoso “scandalo Watergate” del ’72, sul quale viene fatta una discussione in tribunale tra il protagonista e il giudice sulla parte conclusiva, e mediante questa parentesi (e non solo), ci accorgiamo che “i cattivi, i Veri cattivi”, sono altri, e che spesso, troppo spesso, la verità viene offuscata dalla menzogna, e secondo Lee, è proprio su questo che si basa lo stile di vita americano dell’era del consumismo.
Io credo che il film di Lee sia estremamente interessante, e colmo di argomenti di dibattito, e l’aspetto che forse mi ha maggiormente incuriosito di questa pellicola, è che i temi, piuttosto scottanti, presi in esame dal regista, vengono trattati in modo grottesco, insolito, quasi disimpegnato, riducendo la stessa “parabola della vita” ad una sorta di completo paradosso, e lo confermano sequenze come quella dell’arresto di Jack perché ritenuto colpevole di attività mafiose.

Riallacciandomi proprio a questo discorso, vorrei fare una menzione speciali per alcuni “curiosi” cammei presenti nella pellicola, come quello di John Turturro nel ruolo di Don Angelo Bonasera, che si rifà in tutto e per tutto al Don Vito Corleone del celebre film “Il Padrino” di Francis Ford Coppola, del quale troviamo anche un manifesto proprio nella casa di Don Bonasera.
Cameo anche per la nostra Monica Bellucci nei panni della figlia (lesbica) di Don Bonasera.
In definitiva, “Lei mi odia”, come ho detto, è una parabola sui paradossi della vita, e non solo per quanto riguarda gli americani, bensì, per tutti noi, perché in un certo qual modo, il titolo del film di Spike Lee allude proprio alla vita, perché Lei ci odia e probabilmente, Noi odiamo Lei e i suoi paradossi.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere