HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Commedia arrow Lei è troppo per me
Venerdì 18 Settembre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Lei è troppo per me PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 13
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
martedì 11 maggio 2010

Lei è troppo per me
Titolo originale: She's Out of My League
USA: 2010. Regia di: Jim Field Smith Genere: Commedia Durata: 104'
Interpreti: Jay Baruchel, Alice Eve, T.J. Miller, Mike Vogel, Nate Torrence, Krysten Ritter, Geoff Stults, Lindsay Sloane, Debra Jo Rupp, Hayes MacArthur, Jasika Nicole, Kim Shaw, Adam LeFevre, Andrew Daly, Trevor Eve, Jessica St. Clair, Adam Tomei, Kyle Bornheimer, Sharon Maughan, Brandi Engel, Alex Cole, Joe Forgione, Robin Shorr, Emily Martin
Sito web: www.furryvengeance-movie.com
Nelle sale dal: 18/06/2010
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Ilare
Scarica il Pressbook del film

Lei è troppo per meLa commedia brillante "Lei è troppo per me" rappresenta l’esordio alla regia cinematografica dell’inglese Jim Field Smith, scrittore, attore e regista, che prima di approdare alla realizzazione di questo progetto si è fatto le ossa con la realizzazione di spot pubblicitari, alcuni dei quali premiati, e con i cortometraggi, in particolare “Where have I been all your life”, che diventerà presto un lungometraggio.
La sua esperienza vanta campi variegati anche nella Tv, da scrittore di sitcom ad attore.
Field Smith dopo aver letto il copione ha pensato che fosse il film giusto su cui mettere le mani.

Kirk Kettner lavora come agente della sicurezza all’aeroporto di Pittsburgh, città dove vive con la sua strampalata famiglia. Trascorre il tempo con i suoi amici, che sono anche colleghi di lavoro come la sua ex-ragazza, con la quale vorrebbe stare ancora insieme. Kirk conduce una vita regolare, tranquilla, senza troppe aspettative, la situazione cambia quando conosce Molly, una ragazza intelligente, solare e bellissima. Kirk, a differenza degli altri, non le sbava dietro, la tratta normalmente e quando le restituisce il cellulare, che la ragazza ha distrattamente dimenticato al posto di controllo dell’aeroporto, Molly si dimostra riconoscente e lo invita a una partita di hockey. La loro storia nasce così, semplicemente, eppure Kirk sembra non credere a quello che gli sta capitando. Si confida con gli amici, che lo subissano dei più svariati consigli. Tutto sembra procedere bene, ma l’incontro con i genitori di lei fa vacillare il rapporto e la sopraggiunta insicurezza di Kirk certo non aiuta.

Jim Field Smith realizza una commedia solare, positiva e dalle trovate comiche fresche, che fanno presa sullo spettatore, ma soprattutto è riuscito a delineare, grazie anche alla sceneggiatura, dei personaggi diversificati, alcuni un po’ sopra le righe e stralunati, come un film comico richiede, e altri che esprimono emozioni e stati d’animo in cui potersi identificare, approfondendo l’aspetto interiore, le fragilità sia di Molly che di Kirk.
Kirk raffigura l’uomo comune, è contento di essere così com’è, fa un lavoro normale, che non gli è sgradito, certo non gli dispiacerebbe fare il pilota, ma tutto sommato la vita che fa gli piace, senza il bisogno di doversi impegnare in qualcosa di più grande. Il suo lato genuino e semplice conquistano Molly. Il ragazzo inizia a mettersi a confronto e questo fa in modo che i suoi problemi vengano alla luce, vengono fuori la sua insicurezza e le sue fisime, in quanto si sente inferiore a Molly.
Lei è un 10, lui è un 5 risicato.
Molly è una ragazza attiva e acuta, non è la solita bellona viziata e sicura di sé, anche lei come Kirk ha le sue insicurezze e punti deboli. Presenta Kirk ai suoi genitori non dicendogli quale sia il suo vero lavoro, non perché si vergogni di lui, ma conoscendo i propri genitori, sa come la pensano.
Il regista descrive due sensibilità affini, che si riconoscono e imparano insieme a risolvere i loro buchi emozionali, cercando di evitare gli stereotipi, non ha voluto delineare il solito perdente che non si piace e neanche la solita svampita con niente sale in zucca.

Jay Baruchel, che interpreta Kirk, sembra essere proprio il suo personaggio, a detta anche del regista. Il fisico asciutto, il modo in cui si muove, il tono della voce e come esprime ciò che dice rispecchiano appieno le caratteristiche che il protagonista doveva avere. Kirk prende letteralmente vita tramite Baruchel.
Il film è stato ambientato a Pittsburgh. Il set principale dove si svolge una notevole parte della storia è l’aeroporto.
I produttori e il regista sono riusciti a girare in una area chiusa dell’Aeroporto Internazionale di Pittsburgh.
Per ciò che riguarda gli esterni si sono utilizzati molti scenari propri della città, costruendo la storia d’amore tra Kirk e Molly intorno alle bellezze di Pittsburgh.
La scelta delle musiche contribuisce a rendere il film luminoso. Lei è troppo per me è un film ilare, dove i dialoghi semi-seri si avvicendano a quelli più intimi.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere