Giovedì 11 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
L'esplosivo piano di Bazil PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 13
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
sabato 18 dicembre 2010

L'esplosivo piano di Bazil
Titolo originale: Mic Macs
Francia: 2009. Regia di: Jean-Pierre Jeunet Genere: Commedia Durata: 105'
Interpreti: Dany Boon, André Dussollier, Nicolas Marié, Jean-Pierre Marielle, Yolande Moreau, Julie Ferrier, Omar Sy, Dominique Pinon, Michel Crémadès
Sito web ufficiale: www.micmacs.substance001.com
Sito web italiano: 
Nelle sale dal: 17/12/2010
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Creativo
Scarica il Pressbook del film
Le Cronache di Narnia - Il viaggio del veliero su Facebook

L'esplosivo piano di BazilLa nuova commedia del regista e sceneggiatore Jean - Pierre Jeunet è particolarmente divertente, piena di inventiva e con la sottolineatura di una forte tematica sociale.
Bazil lavora in un videonoleggio e per una strana coincidenza un proiettile gli si conficca in testa.
La fortuna di Bazil è che il corpo estraneo non lo uccide, ma non può neanche essere estratto, dovrà rimanere dov’è. Uscito dall’ospedale si ritrova senza casa e senza lavoro, decide di racimolare qualche spicciolo esibendosi di fronte a un ristorante. Viene subito notato da un rigattiere che lo porta dai suoi amici, diventati oramai una famiglia.
Bazil viene adottato dalla banda e si metterà subito a lavoro. Durante il suo giro di raccolta materiali, Bazil riconosce il logo dei fabbricanti d’armi, che hanno causato la morte del padre e che avrebbero potuto fare la stessa cosa con lui. Si mette in azione per vendicarsi e tutta la banda di rigattieri lo aiuta a portare a buon fine il suo piano, un piano molto ingegnoso.

Jean - Pierre Jeunet ha preso delle persone comuni, dei semplici rigattieri, che a prima vista non potrebbero minimamente sperare di sconfiggere un colosso come lo sono i fabbricanti d’armi, ha messo a confronto la forza e il cervello.
Bazil è astuto, ingegnoso, pieno di iniziativa e la sua gang è formata da persone con delle caratteristiche specifiche utili ad ogni parte del piano. Da una parte Jeunet ha delineato degli individui buoni, solidali, eccentrici, goffi, a volte poetici e soprattutto profondamente umani, dall’altra ha dato la voce a una realtà più che presente nella società odierna, quella dei mercanti d’armi, che a ben guardare sono delle persone normalissime: hanno una famiglia, dei figli, mangiano e bevono come chiunque e vogliono fare tanti soldi, non pensano al loro lavoro in maniera deprecabile, molti ne parlano come fosse una continua scoperta tecnologica, come un inventore che realizza un oggetto con caratteristiche più sofisticate del precedente.
La stessa cosa capita a questi individui, la differenza è che i loro prodotti sono venduti e usati per fare del male al prossimo, per causarne la morte. Questi individui dormono tranquilli, in fondo non sono loro a premere il grilletto o a piazzare una mina antiuomo che può togliere la vita a un bambino innocente, questo è quello che si dicono per tacitare la propria coscienza.
Un aspetto che emerge dai rapporti tra i vari rigattieri è il senso di famiglia che li unisce e il loro modo di comportarsi gli uni con gli altri li rende tali: in una famiglia ci si aiuta, ci si protegge e si resta uniti.

L’elemento fantasioso che l’autore ha cosparso lungo tutto l’arco narrativo deriva in primis proprio dal suo protagonista e dall’eccezionalità di ciò che gli accade all’inizio della storia. Questo permette di giocare fin dai titoli di testa che sono i titoli nei titoli di un altro film (idea che Jeunet aveva in mente di realizzare già da tempo). Jeunet non si è posto nessun limite, compresi riferimenti e citazioni. Il più forte riferimento sono i film di Sergio Leone, che l’autore ama molto.
Nel film ci sono tutte le cose che ama, non potrebbe realizzare un film in altro modo, a suo dire.
È una commedia slapstick alla Buster Keaton che si amalgama con un aspetto serio come lo sono le armi, senza diventare serioso o lezioso o moraleggiante. Il film mostra una realtà portando lo spettatore a riflettere senza che ci sia alcuna drammaticità.

In una sequenza in particolare, poi, Dany Boom cita Charlie Chaplin, nel modo di porsi ed esprimersi, ciò è nato dall’improvvisazione dell’attore senza che se ne rendesse conto, una mera coincidenza, che è piaciuta al regista tanto da non potersi esimere dallo scegliere come sottofondo musicale quello di “Luci della città”.
L’esplosivo piano di Bazil è veramente ricco di sorprese, colpi di scena e di creatività, dovute al modo personale e originale in cui Jeunet racconta le sue storie, uniche e irripetibili, con la presenza di peculiarità che fanno parte della sua poetica dal suo film d’esordio “Delicatessen” (1991) a “Il fantastico mondo di Amélie” (2001).
Tutti i suoi personaggi sono persone comuni con un dono speciale e con un non so che di poetico.
È un film che merita appieno di essere visto.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere