HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Commedia arrow L'uomo medio + medio
Venerdì 18 Settembre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
L'uomo medio + medio PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 6
ScarsoOttimo 
Scritto da Sara Sagrati   
venerdì 27 luglio 2007

L'uomo medio + medio
Belgio, Francia, Lussemburgo, Canada, Germania: 2006. Regia di: Pierre-paul Renders Genere: Commedia Durata: 90'
Interpreti: Khalid Maadour, Caroline Dhavernas, Chantal Lauby, Gilbert Melki
Sito web: www.videa-cde.it
Voto: 5
Recensione di: Sara Sagrati

luomomediopiumedio_leggero.jpgJalil partecipa come concorrente al quiz televisivo Come Tutto il Mondo (Comme tout le monde, che è per l'appunto il titolo originale del film) dove per vincere bisogna indovinare quale sia la risposta più popolare che viene data ad una tale domanda. Esempio: "Qual'è la voglia più ricorrente tra le donne all'ottavo mese di gravidanza?". "Partorire" è la risposta che da oltre il 60% delle intervistate. Jalil è imbattibile a questo quiz e per questa sua prerogativa attira su di se la curiosità di uan società specializzata in sondaggi che vede in lui la possibilità di risparmiare sulle dispendiose indagini di mercato. Jalil è il perfetto campione statistico che rappresneta l'intera popolazione per cui decidono di mettergli sotto continua osservazione la casa, il supermercato e fornirgli anche una finta fidanzata per riuscire a fargli testare nuovi prodotti quindi sceglierne le caratteristiche da esaltare durante la pubblicità. Il soggetto de L'uomo medio + medio in tal senso è geniale e rappresenta il marketing moderno e il sengo dei tempi. Non sono più i mezzi di comunicazione ad influenzare mode e consumi, ma sono le stesse mode e consumi preferiti dai più che diventano popolari e quindi appetibili perchè conformanti. Anche la politica quindi non si farà scappare Jalil e persino il candidato alle elezioni presidenziali francesi cercherà di approfittare delle capacità di Jalil. Ma si sa che al cinema l'inganno dura poco e una volta che il "campione umano" scoprirà l'inganno, proprio perchè figlio di questa società catodica sorprende lo spettatore volgendo a proprio favore la situazione lanciando il reality show "la cavia" montando e riproponendo in tv tutto il materiale girato a casa sua illegalmnete dalla società di sondaggi. Diventato un personaggio televisivo ora Jalil può tutto anche cercare di ritrovare la sua fittizzia ex fidanzata. Se non è il segno dei tempi questo?
Peccato però che un soggetto così geniale sia stato gestito e sviluppato da chi la televisione la fa davvero e guadagna più da sponsor e puvblicità che non dal proprio vero talento e alla fine il risultato si vede. Khalid Maadour è un n oto comico della televisione francese (in Italia lavorerebbe a Zelig Circus, tanto per intenderci) e il regista/sceneggiatore si è fatto le ossa nella televisione belga/francese tra fiction e pubblicità. Rimane l'intento di fondo centrato in alcune sequenze, come quella che mostra le affissioni pubblicitare che rimandano ai commenti dell'inconsapevole Jalil, che però si discosta al risultato finale che si trasforma in un film poco riuscito sia per la messa in scena televisiva che per il brutto finale a tarallucci e vino, anzi per il brutto finale "sbaciucchioso" che neanche la pubblicità dei baci perugina. E poi il doppiaggio: imbarazzante e grammaticalmente scorretto (i congiuntivi, vi prego, i congiuntivi).

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere