Lunedì 26 Settembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Mamma Mia! PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 5
ScarsoOttimo 
Scritto da Luca De Paola   
venerdì 11 settembre 2009

Mamma Mia!
Titolo originale: Mamma Mia!
USA: 2007 Regia di: Phyllida Lloyd Genere: Commedia Durata: 92'
Interpreti: Meryl Streep, Pierce Brosnan, Stellan Skarsgård, Colin Firth, Christine Baranski, Amanda Seyfried, Julie Walters, Juan Pablo Di Pace, Dylan Turner
Sito web: www.mammamiamovie.com
Nelle sale dal: 03/10/2008
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Luca De Paola
L'aggettivo ideale: Spensierato

mammamia_leggero.jpegDiciamocela tutta, Mamma Mia è un film semplice, dall’impalcatura narrativa che definire non troppo solida appare come un eufemismo, a tratti assurda.
Eppure siamo di fronte ad uno dei maggiori successi dell’anno, capace di far staccare più biglietti di Titanic in quell’isola chiamata Gran Bretagna.
Il motivo? Si tratterà anche di un film superficiale, privo di alcuna pretesa stilistica, ma è un’opera fresca, leggera, divertente, ottima come scaccia pensieri, proprio come un musical dovrebbe essere, e in questo l’obiettivo del film è stato raggiunto in pieno ( l’altro era sbancare il botteghino internazionale, missione anche quella portata a compimento con lode ). Il film è la trasposizione cinematografica dello spettacolo teatrale scritto dalla drammaturga inglese Catherine Johnson che, a sua volta, prende spunto dal film del ’68 con protagonista la nostra Gina Lollobrigida: Buonasera, signora Campbell.
La regista teatrale Phyllida Lloyd guida un cast all star capitanato dalla “ragazza” terribile Meryl Streep, splendida dancing queen che, per l‘ occasione, salta da una parte all’altra quasi fosse un grillo, mostrando doti canore che avevamo già avuto modo di apprezzare nell’ultima opera del genio Altman, Radio America.

La trama è semplice: una donna, di nome e di fatto, gestisce con la figlia Sophie, un piccolo albergo sull’isola greca di Kalokairi. La ragazza è prossima alle nozze con l’amore della sua vita, Sky, ma ha un sogno nel cassetto, quello di poter essere accompagnata all’altare dal padre che non ha mai conosciuto. L’unico indizio è un diario che la madre scrisse l’estate del suo concepimento, durante la quale conobbe tre uomini, tutti candidati al ruolo di genitore.
La giovane Sophie, pur di perseguire il suo scopo, decide così di invitarli tutti e tre, nella speranza di poter scoprire chi realmente sia suo padre.
Attorialmente, oltre alla già citata Meryl Streep, appaiono decisamente scoppiettanti le sue due amiche del cuore hippie, Christine Baranski e Julie Walters, ma soprattutto la rivelazione Amanda Seyfried che, oltre a farsi notare per i suoi occhioni mozzafiato, è in possesso di una splendida espressività, ma, quel che è più importante per un genere quale il musical, dotata di un vero e proprio talento canoro.
Il trio maschile, invece, appare molto impacciato nelle esibizioni musicali, ma la tenerezza che esprimono è decisamente impagabile. Appare piuttosto chiaro dunque che si tratti di un film all’insegna del women power, in cui si parla di seconde opportunità e di come a volte le nostre decisioni pesino poi su chi amiamo di più.

A livello coreografico si poteva fare indubbiamente di più, solo la scena di Dancing Queen è visivamente travolgente, mentre le altre, pur essendo comunque apprezzabili, non raggiungono lo stesso picco.
Un vero peccato, considerata la location eccezionale e le canzoni degli ABBA, che fanno da filo narrante alla vicenda, riarrangiate in maniera davvero magistrale.
Tengo a precisare che chi scrive non aveva mai ascoltato una sola canzone del gruppo svedese, se non Mamma mia, appunto, ma questo non mi ha certo impedito di apprezzare a pieno questo film che sicuramente non verrà portato a qualche esempio per quanto concerne il genere, ma di certo sa infondere una gioia e una spensieratezza che ricalca in pieno lo spirito delle canzoni degli ABBA.
Del resto lo dice anche la canzone: …mamma mia, how can i resist you!

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere