Venerdì 27 Gennaio 2023
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Manuale d'amore PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesco Manca   
mercoledì 21 gennaio 2009

Manuale d'amore
Titolo originale: Manuale d'amore
Italia: 2005 Regia di: Giovanni Veronesi Genere: Commedia Durata: 105'
Interpreti: Carlo Verdone, Luciana Littizzetto, Silvio Muccino, Sergio Rubini, Margherita Buy, Jasmine Trinca, Rodolfo Corsato, Anita Caprioli, Sabrina Impacciatore
Sito web: www.manualedamore.it
Nelle sale dal: 18/03/2005
Voto: 5,5
Trailer
Recensione di: Francesco Manca

manualedamore_leggero.jpegDopo aver girato diverse commedie più o meno degne di nota (“Il barbiere di Rio”, “Il mio West”, “Streghe verso nord”, “Che ne sarà di noi”), il regista Giovanni Veronesi si dedica, per la prima volta, alla realizzazione di un film a episodi. “L’innamoramento”, “La crisi”, “Il tradimento” e “L’abbandono” sono i quattro frammenti che compongono “Manuale d’amore”, un film che, per certi versi, anche se non dichiaratamente, cerca di riportare in vita la “vecchia” e sana tradizione della commedia all’italiana che porta la firma dei vari Monicelli, Risi, etc.
Il primo episodio (“L’innamoramento) vede protagonista un giovane ventiduenne disoccupato di nome Matteo (Silvio Muccino) che, nonostante i molti tentativi, non riesce a trovare un lavoro né tanto meno una fidanzata.
Un giorno, però, per una serie di coincidenze, Matteo conosce Giulia (Jasmine Trinca), una giovane ed attraente ragazza della sua stessa età. Per Matteo è subito colpo di fulmine, ma al contrario, Giulia non sembra essere minimamente interessata a lui, ad un primo impatto, è addirittura infastidita. Dopo vari corteggiamenti, però, anche Giulia viene travolta dal “folle” amore di Matteo verso di lei, al punto che i due si fidanzeranno e, in breve tempo, si sposeranno. A questo episodio si collega il secondo, “La crisi”, i cui protagonisti sono Marco (Sergio Rubini) e Barbara (Margherita Buy), una coppia, come cita lo stesso titoli, in piena crisi matrimoniale che non riesce più a trovare punti d’accordo e a coinvolgersi a vicenda.
Il terzo episodio (“Il tradimento”), invece, ha al centro di sé l’adulterio di Gabriele (Dino Abbrescia) ai danni della moglie Ornella (Luciana Littizzetto), la quale, però, si vendicherà tradendo a sua volta il marito con un avvenente giornalista che abita nel loro condominio.

Il quarto ed ultimo episodio (“L’abbandono”) vede un uomo di mezza età di nome Goffredo (Carlo Verdone) che sta attraversando un periodo molto difficile della sua vita, infatti è stato da poco lasciato da sua moglie Margherita della quale era, ed è tuttora molto innamorato. Goffredo, però, avrà modo di riappacificare il suo spirito grazie ad una giovane donna incontrata al mare.
Dei quattro atti del film di Veronesi, il primo ed il quarto sono, senza dubbio, quelli più coinvolgenti; “L’innamoramento” è un buon esempio di “commediola post-adolescenziale” che evade dai comuni stereotipi del genere, ove troviamo delle simpatiche prove attoriali del giovane Muccino Jr. e della promettente Trinca, che avrà modo di confermare il suo talento nel 2006 con il Morettiano “Il Caimano”. La stesura di questo episodio è semplice e concisa, si mantiene distante dall’abbondare con lo “zucchero” e regala una discreta, seppur contenuta dose di sano divertimento.
“L’abbandono”, invece, ha a suo vantaggio la presenza del bravo Carlo Verdone, diventata ormai una garanzia. Il mattatore Carlo fa di questa frazione la più convincente dell’intera pellicola, grazie ovviamente alla sua inossidabile ed intelligente verve comica mai scontata e sempre all’altezza di ogni situazione, anche non comica. Il ritmo è spassoso e l’umorismo, come detto, non manca.
Le note dolenti vanno, purtroppo, al secondo ed al terzo episodio, i quali risultano, al contrario di quelli appena citati, pallidi, smunti e quasi completamente privi di qualsiasi spunto significativo, soprattutto per quanto riguarda “Il tradimento”.

La Littizzetto fornisce un’ulteriore prova di non essere particolarmente affine ad intraprendere ruoli di stampo cinematografico, e lo confermano, oltre a questa, anche le sue tutt’altro che carismatiche interpretazioni ne “Ravanello pallido” (2001) e “Se devo essere sincera” (2004).
Il secondo episodio, nonostante il ritmo affannato e per niente elettrizzante, si risolleva leggermente per le buone interpretazioni di Rubini e della Buy, che fanno il possibile per emergere dal tono alquanto scanzonato della sceneggiatura.
Da sottolineare il fatto che la pellicola ha vinto due David Di Donatello per il miglior attore non protagonista (Carlo Verdone) e per la miglior attrice non protagonista (Margherita Buy).
In definitiva, “Manuale d’amore” si rivela un film piuttosto discontinuo, che riesce a divertire lo spettatore in diversi tratti, mentre in altri, non può fare a meno di tediarlo. Senza lode né infamia.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere