HOME arrow Il Cinema Asiatico arrow Commedia arrow My Mighty Princess
Martedì 12 Dicembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
My Mighty Princess PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 5
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
sabato 13 dicembre 2008

My Mighty Princess
Titolo originale: My Mighty Princess
Corea: 2008 Regia di: Kwak Jae-yong Genere: Commedia Durata: 122'
Interpreti: Sin Min-ah, On Joo-won, Yoo Geon, Im Ye-jin, Choi Jae-seong
Sito web:  
Nelle sale dal:
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Nicola Picchi

mighty_leggero.jpegSo-hwi è in apparenza la tipica studentessa di college, disperatamente infatuata di Joon-mo, un ragazzo che la ignora totalmente perché attratto dalle donne più grandi, per di più in uniforme. Ma So-hwi è anche abilissima nelle arti marziali, un dono che cerca di mantenere nascosto per non essere discriminata all’interno della scuola.
La ragazza  discende da una famiglia che le pratica da molte generazioni, ma vuole lasciarsi alle spalle quest’eredità così ingombrante e vivere una vita normale. Un giorno Il-yeong, suo amico d’infanzia, si trasferisce nella sua scuola e cerca di convincerla a riprendere gli allenamenti. All’orizzonte si profila infatti una terribile minaccia: il ritorno del malvagio Heukbong che, armato di una spada leggendaria, vuole uccidere i Quattro  Maestri e dominare il mondo delle arti marziali.
Terminato prima del debutto giapponese “Cyborg She” ma distribuito successivamente, “My Mighty Princess” cerca di rinnovare l’usuale formula della commedia romantica targata Kwak Jae-yong, nata ai tempi del fortunatissimo “My Sassy Girl”. Un film che ha stabilito un vero e proprio canone, definendo una formula che si è rivelata vincente sul piano commerciale e che ha generato decine di imitazioni, alcune molto riuscite, altre meno.
Caratteristica immutabile è la presenza di una figura femminile forte e dal temperamento mascolino, e di un personaggio maschile che attiene alla tipologia del passivo-femminile. Questa volta Kwak rimescola le carte affiancando alla sua riluttante eroina due figure maschili paritarie, soprattutto Il-yeong, anch’egli versatissimo nelle arti marziali, e aggiungendo una buona dose di kung fu e persino alcune scene che sembrano tolte di peso da un qualsiasi wuxia, coreografate dall’hongkonghese Dion Lam e da Kim Yong-soo.

Nonostante l’evidente goffaggine di quest’ultime  e le molteplici citazioni da “Kung Fu Hustle” e “Shaolin Soccer”, “My Mighty Princess” è un ibrido non del tutto disprezzabile.
In parte teen-comedy condita da demenziali momenti slapstick, in parte wuxia dai marcati accenti mélo, riesce a far convivere con leggerezza e una buona dose di incoscienza le sue due anime.
Stante la scarsissima originalità dei materiali di partenza, la commistione di due generi apparentemente antitetici  funziona a dovere, e i due flussi narrativi che s’intersecano, con la prevalenza ora dell’uno ora dell’altro, regalano al film un tono deliziosamente sbilanciato.
Altrettanto fuori asse sono i suoi protagonisti, che passano con noncuranza da una meravigliosa stupidità ad una gravità eccessiva.
Discreta prova di Sin Min-ah (A Bittersweet Life, Go Go 70s), sia nella parte buffonesca  e adolescenziale che in quella di eroina suo malgrado, nel momento in cui deve vendicare il padre gravemente ferito da Heukbong, anche se si sarebbe apprezzato il ricorso ad una recitazione meno manierata.
Ottimo invece On Joo-won (The Cut, City of Violence) nel ruolo di Il-yeong, un vero e proprio feticista delle moto Kawasaki, il quale più volte le ruba la scena.

Rispetto a “Cyborg She”, che ritorna alle tematiche consuete flirtando con la fantascienza e i viaggi nel tempo, questo sembra un lavoro meno ambizioso e anche meno riuscito, ed è forse questa la ragione della perplessità dei produttori, che hanno tenuto il film nel limbo per due anni e mezzo prima di distribuirlo nelle sale.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere