Mercoledì 28 Settembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Nord PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
venerdì 05 marzo 2010

Nord
Titolo originale: Nord
Norvegia: 2009 Regia di: Rune Denstad Langlo Genere: Commedia Durata: 78'
Interpreti: Anders Baasmo Christiansen, Kyrre Hellum, Marte Aunemo, Mads Sjøgård Pettersen, Lars Olsen, Astrid Solhaug, Even Vesterhus, Ragnhild Vannebo, Celine Engebrigtsen, Ole Dalen, Tommy Almenning
Sito web: www.nordthemovie.no
Nelle sale dal: 26/02/2010
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Nordico
Scarica il Pressbook del film

NordSiamo in Norvegia, in quella più sperduta, al nord del nord. In quella parte di mondo fatta di grandi spazi, neve, silenzi, solitudine. In quel mondo alla fine del mondo così lontano ma anche così vicino a certe terre e a certi esseri umani raccontati da Sepulveda e Chatwin.
Una terra in cui nessuno chiede chi sei o cosa vuoi, tollerante con tutto più per indifferenza che per consapevolezza. Dove un uomo ci arriva per vivere, nonostante abbia perso se stesso, forse anche la speranza. Dove può trovare il non ritorno e una dimensione sopra la follia. Jomar è un uomo di trent’anni, probabilmente un ex campione di sci, ha avuto anni prima una forte depressione, ha perso il lavoro e la sua donna. Rimasto solo, ha deciso di andare a rinchiudersi in un centro psichiatrico, lontano da tutto.


Quando lo incontriamo sono passati quattro anni, è ancora solo, depresso e va avanti a pillole e alcool, ma ha una specie di lavoro e sembra un po’ reattivo. Riceve la visita del suo ex migliore amico e compagno di sua moglie. Una scazzotata non evita a Jomar la rivelazione: ha un figlio di quattro anni che abita a 890 chilometri con l’ex compagna. Naturalmente l’uomo non ne vuole sapere, beve, prende pillole, chiede di essere rinchiuso di nuovo nel centro psichiatrico. Ma una sera fa prendere fuoco al suo rifugio ed è così costretto a partire.
Ma non può farlo con un mezzo di trasporto normale, ha la fobia degli spazi piccoli, parte su una motoslitta da neve.

E sicuramente il tempo della sua consapevolezza di viaggio è molto più lunga di un viaggio normale. Novello Ulisse inizia la sua odissea a volte faticosa, a volte surreale, a volte anche comica, attraversando un deserto bianco che è anche il suo deserto personale. Per vivere una storia in cui si mescolano paesaggi assoluti e mozzafiato e personaggi scombiccherati quanto improbabili. Il film conserva una struttura classica, quella di un viaggio inteso come ricerca nella propria persona, un percorso dell'anima e non solo del corpo.
Insomma è un classico road movie, in cui alle autostrade o ai deserti in stile” Parigi Texas “ o “ Una storia Vera “ si sostituiscono le distese di neve, le foreste e le montagne che Joamar attraversa nella seconda parte con gli sci. Il tutto riscaldato e sottolineato da musiche di genere country. Durante questo viaggio interiore e geometrico il silenzioso e scostante Jomar incontrerà – forse in maniera un po’ troppo meccanica e facile - una ragazzina che vive con la nonna in una casa isolata e che lo aiuterà a recuperare la vista persa per gli accecamenti della neve; un ragazzo nevrotico e schizzato, un gruppo di militari su dei carri armati in esercitazione, un vecchio che vive in una tenda come un eremita.
Ogni incontro è un piccolo universo grottesco e surreale – forse un po’ troppo costruito - che però permette di ricostruire la vita passata di Jomar, tra riflessioni sull’esistenza e situazioni ai limiti del reale, tipiche della letteratura nordica.
Tutti sono disponibili con Jomar probabilmente perché nel loto mondo tutti hanno bisogno di tutti per parlare un po’, per interrompere il silenzio, per rompere la monotonia. Tutti saranno il migliore antidepressivo per Jomar, che alla fine raggiungerà la casa della sua ex compagna, e si troverà, dopo l’ennesima marcia sugli sci, di fronte a suo figlio.
Noi spettatori avremo finito il viaggio con Jomar e avremo la possibilità di immaginare cosa potrà succedere.

Il film è stato girato nei mesi più freddi dell’anno, a circa 500 chilometri dal Circolo Polare Artico, la realizzazione ha comportato parecchie difficoltà come si può immaginare. Come aneddoto, la bufera di neve che fa da sfondo alla lite iniziale tra Jomar e il suo migliore amico è reale. Il regista è Rune Denstad Langlo è alla sua opera prima, dopo che per un decennio ha realizzato vari documentari, Ha ottenuto vari premi con questo film, tra cui: miglior regia al Tribeca Film Festival 2009, il premio internazionale della critica FIPRESCI. E’ passato in concorso al Torino Film Festival e ci sembra anche al Festival di Berlino Il protagonista è l’attore, Anders Baasmo Christiansen, ci dicono molto famoso in Norvegia e di grande esperienza, mentre tutto il cast è composto da attori non professionisti.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere