Giovedì 29 Settembre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Racconto d'inverno PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 5
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesco Carabelli   
lunedì 21 luglio 2008

Racconto d'inverno
Titolo originale: Conte d'hiver
Francia: 1991. Regia di: Eric Rohmer Genere: Commedia Durata: 114'
Interpreti: Charlotte Very, Fredric Van Den Driessche, Hervé Furic, Marie Rivière, Rosette, Roger Dumas
Sito web:
Nelle sale dal: 1992
Voto: 7
Recensione di: Francesco Carabelli

raccontodinverno_leggero.jpegUn film dall’impianto molto convenzionale. Tecnicamente solido. Ciò che colpisce è la semplicità con cui Rohmer procede nel racconto della storia. Egli imbastisce il film sulla contrapposizione dei caratteri dei personaggi, una contrapposizione che non è mai fisica, ma sempre verbale.
Rohmer dà ampio sfoggio delle proprie conoscenze filosofiche e letterarie, senza cadere mai in un puro intellettualismo fine a sé stesso. Egli recupera i classici (Hugo, Pascal, Platone, Shakespeare) e li fa rivivere nella contemporaneità, nella vita delle persone che vivono l’oggi tra problemi e difficoltà di vario genere.
E’ un amore per la cultura che segna profondamente il cinema di Rohmer (si pensi agli altri racconti che compongono la quadrilogia sulle stagioni o anche ad altre opere meno recenti come “La mia note con Maud”). Un amore che sfocia nella riflessione sul portato della cultura nella vita umana.
Altro elemento pregnante dell’opera di Rohmer è la riflessione sul cristianesimo, sulla religione e la religiosità. Rohmer assume un atteggiamento critico ma tutt’altro che ateo nei confronti del Cristianesimo. La pura laica Francia è pregna dello spirito cristiano a partire già dai monumenti, dalle chiese, dalle cattedrali, ma anche nella società è vivo il dibattito culturale tra laicismo e cristianesimo, tra fede e ragione.
La fede, la speranza, l’amore sono elementi cardine del “racconto di inverno”. Solo la speranza mai spenta di Felicite renderà possibile il ricongiungimento familiare alla fine del film. Una speranza che lotta contro il pensiero comune, contro il comune sentire e le convenzioni del mondo (come non citare qui il “pari” pascaliano che Rohmer sollecitamente ricorda ad un certo punto del film).
E’ anche una riflessione sulla libertà, sul potere di scelta dell’individuo, la possibilità di essere pienamente sé stessi solo ascoltando la propria coscienza e rischiando “a ragion veduta”, non sotto la spinta degli eventi.
In Rohmer si condensano e si attualizzano tematiche proprie della cultura occidentale e tematiche antropologiche di valore universale che fanno del suo cinema un cinema semplice, ma profondo, curato ma senza forzature. Manca infatti ogni tipo di sofisticazione se si escludono le sequenze iniziali, nelle quali il montaggio rapido ha l’intenzione di creare un’ aura poetica che sottolinei il valore particolaree degli eventi presentati.
Un film gradevole, che fa riflettere senza cadere in facili moralismi. Non poco per un cinema che guarda oggi sempre di più al puro divertimento.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere