Lunedì 15 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Ricky - Una storia d'amore e libertà PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
domenica 29 novembre 2009

Ricky - Una storia d'amore e libertà
Titolo originale: Ricky - Una storia d'amore e libertà
Italia, Francia: 2009. Regia di: François Ozon Genere: Commedia Durata: 90'
Interpreti: Alexandra Lamy, Sergi López, Mélusine Mayance, Arthur Peyret, André Wilms, Jean-Claude Bolle-Reddat, Julien Haurant, Eric Forterre, Diego Tosi
Sito web: www.rickylefilm.com
Nelle sale dal: 09/10/2009
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Deludente

ricky_leggero.jpgQuando andiamo a vedere un film di Ozon sappiamo che la storia e la regia ci sorprenderanno positivamente.
La storia d’amore e di libertà è di quelle che ci riscaldano il cuore sperando di vedere un film sulla diversità, sulla tolleranza raccontate con occhio d’autore e senza banalità o superficialità.
In questo caso però siamo rimasti delusi dalle incongruenze e da una sceneggiatura zoppa e con un buco lungo almeno venti minuti.
Forse pensavamo di andare a vedere un film sul genere “Il ragazzo dai capelli verdi” di Losey e invece abbiamo trovato un film talmente libero nella drammaturgia che non siamo riusciti a decifrarlo.
Katie una proletaria sola e con una dolce e paziente figlia a carico, con lavoro in fabbrica, conosce Paco, uno spagnolo tanto disponibile quanto superficiale. Vanno a vivere assieme, fanno un figlio, Ricky, litigano presto per stanchezza, lui va via. Lei ritorna sola e con un secondo figlio a cui crescono le ali.
Decide di tenere per sé questo segreto ma alla prima volta che esce con i figli, al supermercato, lascia Richy nel carrello e il bebè inizia a volare. Dovrebbe partire adesso la storia, anche se con troppa introduzione, e invece arrivano i giornalisti, ritorna Paco che pensa anche ai soldi (Dov’è il Ferreri della Donna Scimmia o “il  nonno” di Losey ?!...) e il bebè svolazza via. Non vi racconto il finale.

Un film deludente anche se confezionato bene e i due attori protagonisti sono bravi e credibili.
Ma l’ambientazione proletaria è di puro contorno e non aggiunge nulla a ciò che il cinema ha già detto in mille toni; il dono meraviglioso dato al bambino sfiora la gag in alcuni momenti; la reazione della società è evanescente, né invadente né violenta né empatica con il “miracolo”.
Un vero peccato, perché la storia aveva delle potenzialità evidenti che sono state sprecate in malo modo.
La scena iniziale (in stile nouvelle vague), lei che parla in mdp dei suoi problemi, dei due figli e della solitudine ad un’assistente sociale non è comprensibile giacché anticipa alcune cose che avverano a metà film e rimane fine a se stessa.
Scusate la digressione, ma in quest’inizio d’anno cinematografico non se ne può più di film dalle buone intenzioni ma non risolti o sbagliati.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere