HOME arrow Il Cinema Asiatico arrow Commedia arrow Ryuzo and his Seven Henchmen
Sabato 16 Dicembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Ryuzo and his Seven Henchmen PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 25
ScarsoOttimo 
Scritto da Nicola Picchi   
martedì 10 novembre 2015

Titolo: Ryuzo and his Seven Henchmen
Titolo originale: Ryuzo to Shichinin no Kobuntachi
Giappone : 2015. Regia di: Kitano Takeshi Genere: Commedia Durata: 126'
Interpreti: Tatsuya Fuji, Kitano Takeshi, Masaomi Kondo, Akira Nakao, Toru Shinagawa, Ben Hiura, Kojun Ito, Ken Yoshizawa, Akira Onodera, Masanobu Katsumura
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Inedito
Voto: 6,5
Recensione di: Nicola Picchi
L'aggettivo ideale: Settuagenario
Scarica il Pressbook del film
Ryuzo and his Seven Henchmen su Facebook

ryuzo_and_the_seven_henchmen_leggero.pngDopo "Outrage" e "Outrage Beyond", sarcastici sberleffi rivolti ai suoi fan (ma anche ai critici), rimasti perplessi e spiazzati dalla magnifica trilogia che si era conclusa con "Achille e la tartaruga" (2008), Kitano Takeshi ritorna con una commedia amara e crepuscolare su una bizzarra banda di yakuza della terza età.

Lo "yakuza-eiga" declinato in chiave senile è fragile come le ossa di un anziano con l'osteoporosi, ma della gracilità conserva l'ironica grazia. Ryuzo e i suoi amici sono gli ultimi esemplari di una razza in via di estinzione, vecchi gangster alla Fukasaku Kinji sorpassati dalla storia. La yakuza dei grandi clan alla Yamaguchi-gumi e degli "oyabun" è stata soppiantata da asettiche corporation che agiscono nei limiti della legalità, o da bande di improvvisati cialtroni che tirano avanti smerciando futon e depuratori per l'acqua, arrotondando gli introiti mediante estorsioni e truffe telefoniche agli anziani.
E proprio una tentata truffa ai danni di Ryuzo porterà quest'ultimo alla decisione di fondare una nuova banda, la Dragon One League, per punire i responsabili della Keihin Rengo gang.
Il problema è che i settuagenari componenti del suo clan hanno perduto lo smalto della gioventù, rievocata in esilaranti flashback in bianco e nero, che rimandano ai classici degli anni '60 della Nikkatsu. Yoshiro, soprannominato "Mac" per la sua adorazione per Steve McQueen, porta sempre con sé una pistola carica ma non riesce più a sparare diritto; l'ex boss Mokichi truffa i passanti facendosi prestare i soldi per il taxi; Ichizo usa la sua celeberrima abilità di spadaccino per infilzare mozziconi di sigarette; Taka, imbattibile nell'uso del rasoio, ha le mani che tremano in maniera incontrollabile, e via discorrendo.

Ryuzo, mal tollerato dal figlio che si lamenta dei suoi tatuaggi e delle sue falangi mozzate, rappresenta anche l'estinzione di una certa tipologia di cinema. Vecchi gangster (e vecchi registi) sono accomunati dal fatto di aver quasi esaurito il tempo a loro disposizione, ma prima dell'obsolescenza definitiva serbano ancora l'energia necessaria per un estremo soprassalto d'orgoglio. "Ryuzo and his Seven Henchmen" è infatti cucito addosso al settantaquattrenne Tatsuya Fuji, la cui carriera ebbe inizio negli anni '60 proprio con gli "yakuza-eiga", prima di passare a Nagisa Oshima e Kiyoshi Kurosawa. Il burbero protagonista rappresenta la memoria storica di un genere al tramonto, e proprio in virtù del suo passato riesce a serbare la dignità anche nei frangenti più paradossali.

I sette samurai di Ryuzo sopportano con stoicismo gli oltraggi della vecchiaia e, tra una flatulenza e l'altra, rammentano con nostalgia i bei tempi di "Graveyard of Honor" e delle aggressioni a mano armata. Mentre si susseguono bordate di impervio umorismo nipponico e allusioni intraducibili, spiccano almeno due sequenze memorabili.
La prima è quella nella quale gli arzilli vecchietti attribuiscono un punteggio a omicidi, estorsioni e rapine, nel tentativo di mettere insieme una sorta di curriculum criminale che possa condurre all'elezione del loro capo; la seconda, imbattibile per gelida assurdità, vede invece protagonista il cadavere del povero Mokichi, il quale viene bersagliato dai colpi che si sferrano i contendenti. Tra queste due sequenze, ovvero tra la nostalgia ammantata di cinismo e il nonsense, oscilla come un pendolo "Ryuzo and his Seven Henchmen", facendosi perdonare anche i momenti imbarazzanti e meno riusciti.

Kitano Takeshi si ritaglia il ruolo di un "Cop" molto poco "Violent", una sorta di poliziotto-badante che cerca di tirare Ryuzo fuori dai guai, avvisandolo delle nuove leggi anti-yakuza. Il futuro è incerto, ma converrà raccogliere le energie residue per un'ultima battaglia, per un altro film. La prossima volta (forse) saremo morti.

Trailer



 
Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere