Lunedì 6 Dicembre 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Si può fare PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 10
ScarsoOttimo 
Scritto da Tommaso Ranchino   
martedì 04 novembre 2008

Si può fare
Titolo originale: Si può fare
Italia: 2008. Regia di: Giulio Manfredonia Genere: Commedia Durata: 111'
Interpreti: Claudio Bisio, Anita Caprioli, Bebo Storti, Giuseppe Battiston, Giorgio Colangeli, Carlo Giuseppe Gabardini, Pietro Ragusa, Maria Rosaria Russo
Sito web:
Nelle sale dal: 31/10/2008
Voto: 8,5
Trailer
Recensione di: Tommaso Ranchino

sipuofare_leggero.jpeg“Si può fare” racconta una storia di una ventina d’anni fa, quando Nello, sindacalista ‘in esilio’, viene spedito a dirigere una cooperativa di persone affette da disturbi mentali, rimaste a piede libero in seguito alle chiusure dei manicomi.
Il film può esser tranquillamente etichettato come una delle migliori sorprese del cinema italiano degli ultimi mesi. Un’opera piccola, che trattiene in sé una tale potenza emotiva da lasciare un segno profondo nello spirito di chi ne gode.
I matti, i diversi, i picchiatelli sono per naturale inclinazione trame intricate, aggrovigliate, indistricabili e mal si sposano con l’ipocrita e omologato tessuto sociale.
Un gruppetto di loro però decide di non voler più abbassare la testa, di esser stanco di ingoiare sedativi, di mettere in atto un riscatto sociale esaustivo e liberatorio. E lo fa attraverso l’ingresso della cooperativa nel mondo del mercato, e quindi naturalmente di quello degli internati nel mondo esterno. Il pretesto per emanciparsi da quel buio destino che la psichiatria, medicina spesso funesta e distruttiva, aveva a priori scelto per loro, catalogandoli in pagine ed anni di archiviazione di casi più o meno simili. La differenza nel trattamento si misura in semplice differenza di dosaggio della stessa medicina annullante. 4 mg per chi ha disturbi sessuali, 6 per chi mena facilmente le mani e via dicendo.
L’uso degli scarti di legno per creare parquet unici ed originali è una forte e manifesta metafora, gli scarti della comunità sociale possono, attraverso la loro diversità, risultare unici, irrinunciabili, magnifici, arrivando ad insegnarci qualcosa che è difficile scrivere sui libri, ma che si trasmette all’altro con gli sguardi contagiosi di chi non possiede altro che una smisurata voglia di viversi. Un film sulla magnificenza della diversità quindi, ma anche sulla durezza della vita stessa, che spesso presenta il conto quando non ce lo si aspetta, portandosi via anche le briciole di un’esistenza spezzata, come quella di Gigio.

Una pellicola di denuncia, verso la medicina psichiatrica sì, ma prima di tutto verso i pregiudizi, verso il benpensare, verso il buon costume di lor signori. E allora nessuno si stupisca se ‘i matti vanno a mignotte’ e non se ne innamorano, oppure se irrompono in una sfilata della fashion milanese, sbaragliando ladies and gentleman impacchettati, impegnati in un rito propiziatorio dal sapore pagano e blasfemo, agli occhi dell’innocenza di noi diversi. Ed anche sulla diversità ci sarebbe da discutere. Diverso perché esterna le proprie paure, diverso perché non ha bisogno di filtrare le proprie pulsioni per espletarle, diverso perché toccato dall’innocenza di un fanciullo che non se n’è più andata. Beh, allora questi diversi ci piacciono eccome, perché in fondo sono uguali a noi. Mancheranno di buone maniere, di fiuto per gli affari (di qualsiasi natura essi siano), di tangenza con il mero reale e fruibile, ma di certo non di avere uno stretto legame col proprio esser vivi.

Non fermarsi mai perché ‘si può fare’, anzi si deve fare. Non serve star rinchiusi a piangersi addosso, bisogna confrontarsi con ciò che ci spaventa, essere anche pronti a perdere, perché nella vita spesso si perde, e bisogna dirlo a tutti, anche a chi sembra diverso. Un modus vivendi di cui la storia si nutre avidamente, in un percorso di crescita e di formazione di ogni singolo personaggio: da Nello allo psichiatra vecchio stampo.
Una visione di cinema davvero irrinunciabile.
Emozionante e coinvolgente, non scade mai nella banalità o nel pietismo, offrendo una prova corale di un gruppo di interpreti splendidamente assortito, regalandoci il miglior Bisio di sempre, intenso, credibile ed ironico.
Da vedere, rivedere e portare sempre con sé.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere