Lunedì 6 Dicembre 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Soul Kitchen PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
mercoledì 20 gennaio 2010

Soul Kitchen
Titolo originale: Soul Kitchen
Germania: 2009  Regia di: Fatih Akin  Genere: Commedia  Durata: 99'
Interpreti: Adam Bousdoukos, Moritz Bleibtreu, Birol Ünel, Wotan Wilke Möhring, Jan Fedder, Peter Lohmeyer, Dorka Gryllus, Lukas Gregorowicz, Catrin Striebeck
Sito web:
Nelle sale dal: 08/01/2010
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Leggero

Soul KitchenFatih Akin è un regista di origine turca nato in Germania, uno di quegli autori che si è fatto conoscere dalla critica e dal pubblico internazionale per quelle tematiche che vertono sull'immigrazione, l'integrazione, l'identità doppia e le difficoltà nel sentirsi di un solo Paese.
E' anche un regista da Festival, di quelli che ricevono premi a ogni film: "Soul Kitchen" è stato presentato all'ultimo Festival di Venezia, vincendo il Leone d'Argento - Gran premio della giuria; il precedente del 2006, "Ai confini del paradiso", ha ricevuto a Cannes la Palma d'oro per la sceneggiatura; "La sposa turca" *(2004) ha vinto l'Orso d'Oro al Festival di Berlino e European Film Awards come miglior film europeo, e raggiunge la notorietà del pubblico; nel 2002 gira "Solino" una storia di immigrati italiani in Germania; "Kurz Und Schmerzlos" (1998), è il suo primo lungometraggio e vince nello stesso anno il Leopardo di Bronzo al festival di Locarno e il Pierrot come miglior giovane regista al Bayerische Filmpreis di Monaco.
Akin ci ha raccontato in tutti i suoi film, con stile asciutto e drammatico, i margini di una società multiculturale in pieno dissidio e che può scoppiare da un momento all'altro, la difficoltà dell'integrazione, la difficoltà del rapporto genitori-figli, lo spaesamento dei giovani nei confronti delle tradizioni e dei costumi della terra d'origine, della ricerca di un equilibrio tra radici e presente e in queste storie c'era sempre il viaggio di andata o a ritroso in Turchia.
Una parte delle critica lo ha collocato stilisticamente dalle parti della vecchia New Hollywood, quella degli anni Settanta di Scorsese, Schlesinger e Bob Rafelson.
Adesso nelle sale c'è "Soul Kitchen" un film completamente differente dagli altri, con una discontinuità narrativa e formale che spiazza. Da commedie drammatiche fino al parossismo il regista giunge a una commediola simpatica, leggera, piacevole da
vedere, ma superficiale, scivolosa a tal punto che si esce dalla sala e ci si domanda: cosa resta dentro di noi ?

Un film sfacciatamente furbo e futile che racconta buoni sentimenti in un contesto da periferia urbana. Il protagonista si chiama Zinos, un giovane greco rozzo, trasandato che ha un fratello in carcere ma anche la fortuna di essere amato da una giovane tedesca ricca, viziata e in partenza per la Cina. Ha un ristorante scalcagnato e infimo nella periferia di Amburgo chiamato Soul Kitchen, la clientela è composta da sbandati e abitanti della periferia che tracannano pinte di birra e s'ingozzano di piatti preconfezionati o mal cucinati. IL'universo di Zinos è formato, oltre che dalla fidanzata Nadine e dal fratello Illias, dalla cameriera Lucia, aspirante artista che vive in un appartamento occupato abusivamente, da un vecchio greco senza soldi che occupa una parte del ristorante, da un ex compagno di scuola, Neumann, che vuole carpirgli il ristorante per venderne il terreno e da un cuoco matto ma bravo che prepara anche cibi afrodisiaci che spingono i clienti all'orgia (un cuoco esperto di haute cuisine che sostituisce ai fornelli Zinos e che trasforma il ristorante in un locale alla moda capace di offrire buon cibo e musica soul). Nella storia si inserisce l'ernia del protagonista, la sua voglia di raggiungere in Cina la fidanzata ormai persa, il vizio del gioco del fratello che perde a carte il ristorante e il lieto fine che non poteva mancare.

Scrivendo e girando una vera commedia, più in stile americano che non italiano, il regista turco-tedesco rinuncia ai suoi temi più cari come il conflitto generazionale e il viaggio e preferisce raccontare l'emancipazione sociale del protagonista senza particolari patemi sociali e antropologici, quasi un tuffo nella leggerezza e nell'edonismo.
Akin si sofferma più sul cibo, sul sesso, sulla musica nel nome di un puro principio di leggerezza e piacere come se ritenesse che il nuovo cinema post-globalizzazione sia adrammatico, aideologico e pronto a essere compreso in tutto il mondo.
Proprio per lo stile e la costruzione drammaturgica non riusciamo a dare un concreto giudizio sugli attori, funzionano bene, sono credibili e sciolti ma i loro personaggi sono così "veloci" e scivolosi che non riescono a lasciare un'impronta.
Da segnalare comunque il fratello ladro, la cameriera e il vecchio greco.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere