Venerdì 19 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Tornando a casa per Natale PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 1
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
martedì 07 dicembre 2010

Tornando a casa per Natale
Titolo originale: Hjem til jul
Germania, Svezia, Norvegia: 2010. Regia di: Bent Hamer Genere: Commedia Durata: 85'
Interpreti: Nina Andresen Borud, Trond Fausa Aurvaag, Arianit Berisha, Joachim Calmeyer, Levi Henriksen, Patrick Mölleken, Cecile Mosli, Igor Necemer
Sito web ufficiale: www.hjemtiljul.no
Sito web italiano: 
Nelle sale dal: 03/12/2010
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Intimista
Scarica il Pressbook del film
Tornando a casa per Natale su Facebook

Tornando a casa per NataleGiunge sugli schermi italiani questo film intimista, malinconico e asciutto, che racconta di sei piccole storie marginali nella cittadina norvegese di Skogli durante la notte di Natale. Neve dappertutto, silenzi, vite solitarie con lo sfondo di qualche albero natalizio e di un piccolo presepe cittadino a cui qualcuno ruba il Bambin Gesù e un ubriaco ci si sdraia dentro per dormire.

Sei storie tratte dal libro di racconti “ Bare mjuke pakker under treet “ scritti da Levi Henriksen.
Un film corale ma tutto un po’ già visto,; sia quei luoghi lontani che le storie. Henriksen non è Carver e Hamer non è Altman e questo film non è “ America oggi “. A sua difesa però vorremmo aggiungere che avendo come ‘ competitor regionali ‘ registi come Lars von Triers o Aki Kaurismaki, il compito di essere originali è arduo. Il film inizia durante la guerra civile/etnica nella ex Jugoslavia ( l’unica parte del tutto inventata da Hamer ), un bambino scappa di casa per procurarsi un albero di Natale, la madre lo cerca e lo trova mentre un cecchino li osserva dall’alto con un fucile puntato. Sparerà ? Lo sapremo solo alla fine del film, e con un piccolo colpo di scena. Una virata di montaggio ci porta a Skogli, in Norvegia, la sera prima di Natale.
Sei storie separate ma che si sfiorano e due di queste diventano speculari ( un medico che fa partorire dei novelli Giuseppe e Maria in una baita e che prende il coraggio di un desiderio da troppo tempo inespresso ).

Nella sera di Natale c’è un uomo che si lamenta perché la moglie, da cui è separato, non gli fa vedere i figli da sette settimane e allora si traveste da Babbo Natale e si presenta da loro per poterli abbracciare, ma i bambini non lo riconoscono.
C’è un barbone di nome Jordan che ha deciso di tornare nella sua città dopo tanti anni: è stato un campione sportivo molti anni prima ma all’ improvviso… C’è un anziano che vuole portare sua moglie dal primo piano della casa al pian terreno e dopo molte difficoltà ci riesce. C’è Paul, un adolescente innamorato di una sua coetanea mussulmana e per trascorrere quella sera con lei nasconde la sua religione.
C’è un medico che anche la sera di Natale deve lavorare e vedrà la moglie dopo mezzanotte, ma l’esperienza di un parto clandestino lo convincerà a fare con la moglie quel figlio che sempre ha desiderato ma rinviato per poche ragioni e molte insicurezze. C’è una mussulmana kossovara e il suo compagno serbo che sono scappati dalla ex jugoslavia perché non riuscivano a stare assieme per motivi etnici e religiosi e si trovano a mezza strada dalla mèta senza automobile e con pochi soldi. C’è una donna che comprende proprio quella sera che il suo amante non lascerà mai la moglie e i figli e allora, disperata, si presenta in chiesa e si siede accanto alla moglie dell’uomo. In tutta questa desolazione, accentuata dalle distese innevate, c’è un finale speranzoso in uno scenario suggestivo.

La sera di Natale siamo tutti più soli e le contraddizioni di una vita sono come i nodi che vengono al pettine.
Bisogna prendere delle decisioni o almeno non rinviarle più. Sembra questo il messaggio che ci vuole dare Hamer in questo suo quarto film.
Il regista norvegese ( “ Kitchen Stories “- film originale, folle e anche un po’ noioso; “ Il mondo di Horten “ – un film simile all’
odierno, sulla solitudine degli esseri umani; “ Factotum “ - girato negli Stati Uniti e tratto dall’omonimo libro di Bukowski ) è molto accurato nelle ricostruzioni psicologiche e si vede che pondera molto le storie prosciugandole da qualsiasi rischio di ridondanza.
Il film è stato presentato al Toronto International Film festival e al San Sebastian International film Festival.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere