HOME arrow RECENSIONI FILM arrow Commedia arrow Un perfetto gentiluomo
Sabato 30 Agosto 2014
Cinemalia Menù
HOME
ANTEPRIME GRATUITE
FILM GRATIS
RECENSIONI NOVITA'
RECENSIONI FILM
RECENSIONI DVD
I FILM CHE USCIRANNO
GLI INEDITI
CULT MOVIE SCI-FI
SORRIDI CON NOI
PROSSIMAMENTE
LUOGHI COMUNI
ARTICOLI CINEMA
CINEMA E CURIOSITA'
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI E CINEMA
COLLABORA CON NOI
CONTATTACI
STAFF
FEED RSS
NEWS & RUMORS
SERIE TV
Cerca in Cinemalia
Newsletter Cinemalia
Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato.
Ricevi HTML?
Login Form





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
Pubblicità
Anteprima TFF

Retrospettiva Sono Sion
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)

Libri & Cinema
Prossimamente
Un perfetto gentiluomo PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 43
ScarsoOttimo 
Scritto da Daria Castefrachi   
martedì 10 maggio 2011

Un perfetto gentiluomo
Titolo originale: The Extra Man
USA, Francia: 2010. Regia di: Shari Springer Berman, Robert Pulcini Genere: Commedia Durata: 105'
Interpreti: Kevin Kline, Paul Dano, John C. Reilly, Katie Holmes, John Pankow, Lauren Weisman, Alicia Goranson, Jason Butler Harner, Marian Seldes, Cathy Moriarty, Celia Weston, Patti D'Arbanville
Sito web ufficiale: www.theextramanmovie.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 13/05/2011
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Daria Castefrachi
L'aggettivo ideale: Pungente
Scarica il Pressbook del film
Un perfetto gentiluomo su Facebook

Un perfetto gentiluomoUn po’ Versione di Barney, un po’ Zia Mame, Un perfetto gentiluomo è un film singolare, grottesco anche, che riecheggia i due noti predecessori e punta tutto sulla straordinaria interpretazione di Kevin Kline.
E chissà che non arrivi una nomination ai prossimi Oscar.

Originali i titoli di testa molto old stile, come gli spezzoni in cui ci viene mostrato ciò che immagina Louis Ives, interpretato da un bravissimo Paul Dano - ancora una volta, dopo little Miss Sunshine e Fast Food Nation, alle prese con un film impegnato, di quelli che si discostano dal main stream di Hollywood.
I registi Shari Springer e Robert Pulcini hanno fatto sfoggio di uno stile ricercato e manierato che pur mantiene una fluidità di fondo.

La narrazione procede attraverso la voce fuori campo che racconta le vicissitudini del giovane protagonista alle prese con l’eccentrico padrone di casa. In una moderna New York, in cui tuttavia la upper class è ancora quella che conta, Louis si trasferisce nel tugurio di un uomo che è un po’ dandy e un po’ vecchio gentleman, un po’ svitato e un po’ (tanto) scroccone. Un uomo da cui imparare l’arte, appunto, dello scrocco: e da cui imparare ad essere un perfetto gentiluomo, un extra man. Per lui, essere un Cavaliere delle Rose vale più di ogni altra cosa, è uno status irrinunciabile. Come irrinunciabili sono le palle di Natale che colleziona.

Quella che lo sceneggiatore ci racconta è principalmente la storia di un’amicizia, del rapporto tra maestro e allievo: di un percorso formativo in cui Louis passa da impacciato e ingenuo professore di letteratura inglese a editor sicuro di sé, con una nuova prospettiva di vita e un nuovo amico.
Ma che dire di Henry Harrison? Fa tenerezza quando non ha più calzini e si dipinge piedi e caviglie di nero o quando la sua macchina scassatissima, unico mezzo di locomozione che possiede, lo lascia a piedi.
Fa rabbia quando sfrutta, o per lo meno, sembra sfruttare il malcapitato Louis per i suoi secondi fini e quando si mostra in tutto il suo essere retrogrado: “non farmi il piccolo borghese, l’aristocrazia non paga mai”.
Ma più che altro, Henry Harrison fa innamorare di sé e delle sue concezioni antiquate, della sua immensa cultura, del suo sapersi raccapezzare in qualsivoglia situazione.

Tratto dal romanzo Io e Henry di Jonathan Ames, il film tratta con delicatezza personaggi tanto particolari e assurdi, quanto malinconici e intriganti. L’impronta rimane teatrale, come teatrale è il protagonista che si fa portavoce di un mondo elitario vuoto ed egocentrico.
Commedia e dramma si mescolano in maniera arguta e sensibile, dando vita ad un film curioso e sarcastico, indicato per chi segue da sempre la carriera di Kevin Kline. Per gli altri, una performance da non perdere.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_home_1.png twitter_home_1.png facebook_home_1.png SiteBook


Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Aberdeen Far East Festival
Coming Home Cannes 2014
The Five
Montage Florence Korea Film Fest
Our Sunhi Florence Korea Film Fest
Why don’t you play in hell? Venezia 2013
Secretly, Greatly Florence Korea Film Fest
Hide and Seek Film d'apertura del Florence Korea Film Fest
Hwayi: A Monster Boy
The Face Reader
The White Storm
R100 Toronto Film Festival
The Terror Live
No Man’s Land
Real Toronto Film Festival
Unbeatable
Blind Detective Courmayeur Noir in Festival
A Woman and War Anteprima Torino film festival
Snowpiercer Festival di Roma
Il tocco del peccato Festival di Roma
Young Detective Dee: Rise of the Sea Dragon Festival di Roma
Gli articolii più letti
Box Office
I Top Movie del Week-End dal 4 al 6 Luglio 2014
1 Le origini del male
2 Babysitting
3 Maleficent
4 Insieme per forza
5 Tutte contro lui
6 Big Wedding
7 Jersey Boys
8 Edge of Tomorrow - Senza domani
9 Goool!
10 X-Men - Giorni di un futuro passato
In Blu-Ray a Agosto 2014
Supercondriaco - Ridere fa bene alla salute
Noah
Captain America - The Winter Soldier
Divergent
La Bella e la Bestia (2014)
Killing Season
Allacciate le cinture
Maldamore
Archivio per genere
Sondaggi