Giovedì 6 Ottobre 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
gemini_man_banner_728x140.jpeg
Una notte da leoni PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 25
ScarsoOttimo 
Scritto da Denis Zordan   
mercoledì 24 giugno 2009
Cinemalfa - noleggio on line

Una notte da leoni
Titolo originale: The Hangover
USA: 2009 Regia di: Todd Phillips Genere: Commedia Durata: 98'
Interpreti: Ed Helms, Heather Graham, Bradley Cooper, Justin Bartha, Mike Tyson, Zach Galifianakis, Jeffrey Tambor, Ken Jeong, Ian Anthony Dale, Rachael Harris
Sito web: www.hangovermovie.warnerbros.com
Nelle sale dal: 19/06/2009
Voto: 5,5
Trailer
Recensione di: Denis Zordan
Se hai apprezzato la recensione scarica il film gratis con eMule Official e per velocizzare il download usa Speed Downloading!

unanottedaleoni_leggero.jpgQuattro amici vanno a Las Vegas per l’addio al celibato di uno di loro.
Doug, il promesso sposo con trepidante sposina che lo attende a Los Angeles, sembra il più assennato dei quattro, tanto che il futuro suocero gli affida la sua preziosa, vecchia Mercedes; Alan, suo futuro cognato, è lunatico e imprevedibile; Phil, insegnante, è l’unico già sposato, mentre Stu è un dentista perseguitato dalla pestifera fidanzata, fedifraga confessa. La prevista mini-vacanza di due giorni diventa una piccola odissea al risveglio dalla notte di bagordi che i quattro, inconsapevolmente drogati e dimentichi di tutto, si sono concessi. Doug è svanito, in bagno c’è una tigre, Stu è senza un dente e, come se non bastasse, si ritrovano ad accudire un bimbo di pochi mesi.
Dipanare la matassa non sarà semplice, anche perché gli strascichi della notte brava non tardano a manifestarsi.

Ai conoscitori della commedia demenziale americana il nome del regista Todd Phillips evoca immediatamente un paio di titoli abbastanza importanti quali Old School e Starsky & Hutch. Non perché si tratti di film particolarmente riusciti, anzi, ma perché in qualche modo sono assai rappresentativi di alcuni aspetti salienti di questo genere che ha visto il battesimo con Tutti Pazzi per Mary, Zoolander e, a ben guardare, la serie di American Pie.
Anche sulle riviste italiane (si vedano le recensioni di Luca Bandirali ed Enrico Terrone su Segnocinema e il dossier Frat Pack! di Nocturno) si è posta una certa attenzione al fenomeno della reviviscenza del demenziale, che sembra riecheggiare, in un mutato contesto sociologico, certi umori di fine anni 70-inizio anni 80 (e qui basti rammentare la figura mitica di John Belushi e serie ormai canonizzate quali Porky’s).
Detto questo, Una Notte da Leoni (il titolo inglese del film, The Hangover, letteralmente “postumi di una sbornia”, è certo più onesto di quello italiano, che tenta di catturare qualche spettatore in più rimandando in forma equivoca a Notte Brava a Las Vegas con Cameron Diaz) non è tuttavia toccato dalla grazia dei migliori esemplari del discusso filone – oltre a quelli citati aggiungeremmo almeno Anchorman, 2 Singles a Nozze e School of Rock – ed evidenzia piuttosto la necessità di citare piccoli cult della “fine dell’adolescenza e dell’innocenza” quali Fandango, Cose Molto Cattive (Very Bad Things) e per alcuni versi Swingers, per dare un’impalcatura accettabile al soggetto.

Pista interessante che viene però presto abbandonata dallo script, il quale gioca praticamente subito la carta migliore, ossia la rimozione della notte da sballo nella città del vizio, per sottrarre allo spettatore la conoscenza anticipata degli eventi.
Le situazioni più divertenti (ma non esilaranti) di The Hangover sono in effetti quelle meno prevedibili - dalla gag del cinese che salta fuori tutto nudo fino alla comparsa di Mike Tyson nei panni di se stesso nonché di proprietario del simpatico felino che i nostri eroi devono rendere all’ex campione dei pesi massimi - ma non riscattano lo scialbo ritmo del film, via via più evidente col passare dei minuti. Si potrebbe notare che in assenza di straordinari comedians quali Ben Stiller, Will Ferrell, Jack Black o Steve Carell, la verve dei film del genere non è la stessa, ma sarebbe una spiegazione parziale.
In realtà, considerato l’impegno di Ed Helms e Bradley Cooper e le qualità di Zach Galifianakis (che tratteggia magnificamente l’incredibile Alan), o il sex appeal di Heather Graham (che a 39 anni esibisce un corpo statuario), a funzionare poco sono proprio regia e sceneggiatura, incapaci di sfruttare a dovere il potenziale malinconico e insieme dissacrante della storia per dirci di più dell’incredibile assurdità e incapacità di dare senso alla vita di questi thirty-something.
Il mediocre happy end matrimoniale, ancorché previsto dal principio, non sembra farli riflettere sugli ultimi attimi della loro giovinezza, né la vicenda raccontata è in grado di colpire efficacemente l’istituzione matrimoniale quale sorgente di infelicità (al più lo spettatore ride soddisfatto perché Stu, ormai intrigato dalla spogliarellista, molla finalmente l’insopportabile fidanzata), come per esempio faceva Very Bad Things.

Conformismo inoffensivo, confermato dagli esagitati titoli di coda, e che stride coi modelli succitati cui The Hangover si rifà lasciando l’amaro in bocca: un pizzico di coraggio e qualche battuta velenosa in più e avremmo celebrato il film di Phillips come un interessante antidoto alla carenza di cattiveria e di riflessione che si respira in gran parte del cinema americano degli ultimi tempi.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere