HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Commedia1 arrow Almanya - La mia famiglia va in Germania
Mercoledì 28 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Almanya - La mia famiglia va in Germania PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 21
ScarsoOttimo 
Scritto da Daria Castelfranchi   
mercoledì 07 dicembre 2011

Almanya - La mia famiglia va in Germania
Titolo originale: Almanya - Willkommen in Deutschland
Germania: 2011. Regia di: Yasemin Samdereli Genere: Commedia Durata: 111'
Interpreti: Vedat Erincin, Fahri Ogün Yardim, Lilay Huser, Demet Gül, Denis Moschitto, Aylin Tezel, Petra Schmidt-Schaller, Rafael Koussouris, Aliya Artuc, Kaan Aydogdu, Axel Milberg, Walter Sittler, Roland Kagan Sommer, Aglaia Szyszkowitz, Katharina Thalbach, Aycan Vardar, Saskia Vester, Trystan Wyn Puetter, Angela Merkel, Antoine Monot Jr., Cem Siepert, Oliver Nägele, Jule Ronstedt, Engin Sahin, Arnd Schimkat, Jo Brauner, Siir Eloglu, Ercan Karacayli, Aykut Kayacik, Manfred-Anton Algrang
Sito web ufficiale: www.almanya-film.de
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 07/12/2011
Voto: 8
Trailer
Recensione di: Daria Castelfranchi
L'aggettivo ideale: Toccante
Scarica il Pressbook del film
Almanya - La mia famiglia va in Germania su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

almanyalamiafamigliavaingermania_leggero.pngNon stupisce che il film della regista Yasemin Samdereii abbia guadagnato ben 11 milioni di euro solo in patria e abbia ottenuto un grande successo al Festival di Berlino.
Almanya è deliziosamente attuale e realistico, è un film vero, divertente, corale, che analizza con delicatezza e ironia il tema dell’integrazione e mette in scena la vita di una famiglia di ben tre generazioni. Si parla di scontro tra culture diverse, di ascesa economica da un lato e difficoltà di mandare avanti la baracca dall’altro.

La famiglia di Huseyin è eterogenea: c’è la nipote Canan che sta con un ragazzo inglese, ci sono Muhamed che ha perso il lavoro e Ali che ha sposato una tedesca. E poi c’è Fatma, moglie di Huseyin, che lo comanda a bacchetta e lo ama profondamente.
Almanya è la storia di una famiglia turca in Germania ma potrebbe riguardare gli immigrati di ogni parte del mondo.
Ci si augura che non rimanga un film di nicchia e che, anche solo con il passaparola sui social network, venga visto e ottenga il successo che merita: perché placherebbe l’astio di certi cittadini chiusi e ostili verso lo straniero, e perché dimostrerebbe che ci sono persone di religione islamica che vanno oltre le tradizioni e non uccidono la propria figlia solo perché è fidanzata con uno straniero, che per di più l’ha messa incinta.
Quando Huseyin ormai anziano, con quattro figli ormai grandi e una serie di nipoti al seguito, comunica di aver comprato una casa in Turchia, inizia un viaggio on the road, durante il quale la giovane Canan racconta al piccolo Cenk la storia della famiglia: dal 1963, anno in cui il giovane Huseyin arriva in Germania, fino ai nostri giorni.

Attraverso le parole della giovane e i flashback, il film racconta l’evoluzione dello stile di vita di una famiglia turca. Dal monolocale nella campagna turca all’appartamento in città, dai cani randagi che razzolano nel villaggio, ai bassotti al guinzaglio, che il piccolo Muhamed scambia per enormi topi.
Tutto è diverso in Germania, anche la religione: “qui la gente prega davanti a una statua di legno”, “Ma sono tutti matti?”.
E proprio quando i tre figli iniziano a manifestare il desiderio di festeggiare il Natale come tutti i loro amici, il padre decide di fare un viaggio in Turchia: tre giorni in macchina per scoprire che il bagno alla turca è ben peggio dell’inizialmente temuto water.

Si ride, ci si commuove, si riflette: Almanya è un film che dovrebbe essere visto da tutti e che fa della sceneggiatura e della profonda e attenta caratterizzazione dei personaggi il suo punto forte.
Ciò che colpisce dell’opera prima di Yasemin Samdereii è anche la straordinaria interpretazione di tutti i protagonisti, principalmente delle attrici che interpretano Fatma da giovane e da anziana. Mentre Vedat Erincin, nel ruolo del patriarca di famiglia, emana carisma e amore.
Un po’ Little Miss Sunshine e un po’ East is East, Almanya è un vero gioiellino. Spassoso e nostalgico, attuale e commovente.
E il finale, con i personaggi adulti accanto a cui spiccano i corrispettivi giovani e/o bambini, è infinitamente poetico.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere