Mercoledì 28 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Assolo PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 12
ScarsoOttimo 
Scritto da Luca Orsatti   
giovedì 07 gennaio 2016

Titolo: Assolo
Titolo originale: Assolo
Italia, Francia 2015 Regia di: Laura Morante Genere: Commedia Durata: 97'
Interpreti: Gigio Alberti,Giovanni Anzaldo, Eugenia Costantini, Carolina Crescentini, Piera degli Esposti, Antonello Fassari, Angela Finocchiaro, Donatella Finocchiaro, Emanuela Grimalda, Laura Morante, Francesco Pannofino, Filippo Tirabassi, Marco Giallini
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 05/01/2016
Voto: 6,5
Recensione di: Luca Orsatti
L'aggettivo ideale: Avvitato
Scarica il Pressbook del film
Assolo su Facebook

assolo_leggero.pngTre anni dopo il delizioso e in Italia sottovalutato Ciliegine, candidato ad un Nastro come miglior commedia e ad un David per l'esordio dietro la macchina da presa, Laura Morante torna nelle vesti di regista, sceneggiatrice e protagonista con Assolo, ambiziosa e coraggiosa opera seconda in uscita nelle sale nostrane il 5 gennaio.
Un progetto imperfetto, quello portato avanti dalla Morante, eppure così dannatamente temerario nell'affrontare un genere, quello della commedia dal taglio femminile, a noi quasi sconosciuto.

Protagonista di Assolo una donna di cinquant'anni, Flavia, costretta a dover affrontare per la prima volta una vita da single. Proprio lei, che ha alternato matrimoni falliti (due), figli (due), insensati rapporti con le mogli altrui, amicizie sbilenche, amanti inaffidabili e complessi di vario tipo. Il tutto segnato da una profonda e devastante infelicità.
Flavia è infatti afflitta da un'insicurezza patologica che la rende di fatto dipendente dagli altri, tanto da cercare conforto nello studio di una psicanalista, nell'affetto di una dolce cagnetta maltrattata dai vicini e nelle rozze avances di un atroce collega di lavoro. Se non fosse che in un'orchestra in cui tutti gli strumenti sembrerebbero amalgamarsi perfettamente l'uno con l'altro, anche un solista possa serenamente vivere la propria virtuosistica esistenza.

C'è vagamente del Nanni Moretti, quello 'apicelliano' degli esordi, in quest'opera seconda della Morante che nuota tra 'sogni' d'oro', incubi ad occhi aperti e rielaborazioni passate volutamente minimaliste dal punto di vista scenografico.
Una lunga seduta psicanalitica a tutto schermo, quella costruita dalla regista, che alterna realtà e finzione, ricordi e onirismo, mantenendosi in equilibrio stabile dal punto di vista della grazia e dell'eleganza ma in bilico sul piano del bilanciamento dei toni. E perché no anche dei generi.
Perché vari linguaggi cinematografici vengono con audacia affrontati dalla Morante, che spazia tra semi-realismo e realismo, provando a pennellare i lineamenti di una donna in crisi di mezza età, sola e profondamente insicura, visibilmente fragile e inibita alla vita, pudica e introversa, accondiscendente e tendenzialmente frigida. Quasi un caso umano, che preferirebbe vivere a Paperopoli perché città priva di genitori, e da anni incapace di prendere la patente di guida, perché simbolo di un'assunzione di responsabilità da cui lei fugge.

Responsabilità che la Morante regista si è invece assunta, sbandando pericolosamente nell'assemblaggio di un assolo che si fa pirouette. Perché l'opera seconda della musa di Moretti tende a girare troppo a lungo su se stessa, ribadendo concetti e situazioni che minuto dopo minuto finiscono per frenare il ritmo di un film complesso nella sua spiazzante struttura, costantemente in balia del mutamento stilistico tra voce off e piani esistenziali paralleli che si incrociano.
Nell'impaurito mondo di Flavia esistono solo e soltanto rapporti malati e per lei limitanti, tanto da dare il via alle danze con un cinico e devastante sogno mortuario in cui tutti i maschi che hanno contraddistinto la sua esistenza vivono quasi con fastidio, per non dire menefreghismo, il suo funerale.

'Può una donna che non si ama, essere amata?'. Questa la semplice e definitiva domanda che si pone uno dei due ex mariti di Flavia (Gigio Alberti, l'altro è Francesco Pannofino), da sempre incapace di vivere la propria solitudine senza per forza di cose doversi affidarsi ad altri, che siano i colleghi di lavoro (spicca come al solito l'istrionico Marco Giallini), i figli con cui non riesce ad aprirsi, l'amica 'babbiona' gelosa dell'ex marito (Angela Finocchiaro), l'esuberante istruttore di guida (Antonello Fassari), la massaggiatrice tutta d'un pezzo e piena di vita che cede però alle botte del geloso compagno (Donatella Finocchiaro) o la saggia ma misteriosa psicanalista (Piera Degli Esposti), chiamata a 'sbloccare' una donna di fatto da sempre con il freno a mano tirato perché bloccata dalla propria imperfezione in un mondo, incredibile ma vero, scoprirà essere popolato di gente imperfetta.

Tra iniziazione all'autoerotismo (alla Meryl Streep ne Il matrimonio che vorrei), lezioni di tango in cui attendere con trepidazione quel compagno di ballo che tarda ad arrivare, pochi e amari sorrisi seminati qua e là e quella temuta boa del mezzo secolo di vita che anche in ambito lavorativo si fa tremendamente pesante, la Morante suona con temerarietà una partitura inusuale per il cinema di genere nostrano, tanto da cedere a stecche, evitabili virtuosismi di scrittura e a qualche passaggio a vuoto di troppo, meritandosi comunque un plauso per l'inatteso coraggio dimostrato.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere