HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Commedia1 arrow Cose nostre - Malavita
Venerdì 19 Agosto 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Cose nostre - Malavita PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
domenica 20 ottobre 2013

Titolo: Cose nostre - Malavita
Titolo originale: The Family
USA, Francia: 2013. Regia di: Luc Besson Genere: Commedia Durata: 111'
Interpreti: Robert De Niro, Michelle Pfeiffer, Tommy Lee Jones, Dianna Agron, Dominic Chianese, John D'Leo, Vincent Pastore
Sito web ufficiale: www.malavita.jp
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 17/10/2013
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Hollywoodiano
Scarica il Pressbook del film
Cose nostre - Malavita su Facebook

cosenostremalavita_leggero.pngPrendete un buon romanzo come “ Cose nostre. Malavita ” dello scrittore - sceneggiatore, fumettista francese cinquantenne - Tonino Benacquista ( genitori italiani, della provincia di Frosinone ed emigrati in Francia negli anni cinquanta ), fate scrivere la sceneggiatura a Michael Caleo ( tra gli scrittori de “ I Soprano “ e “ L’ultima occasione “ ) e dallo stesso Luc Besson, date poi la regia ad un grande autore degli Anni Novanta, ancora bravo ma un po’ volpone.

Scegliete attori mito come Robert De Niro, Michelle Pfeiffer e Tommy Lee Jones, aggiungete due giovani ragazzi, Belle ( la sensuale e bella Dianna Agron ) e il simpatico giovanottino Warren ( viso scostumato e faccia decisa: John D’Leo ). A questi addizionate una serie di attori italiamericani che fanno i mafiosi e che, nonostante tutto, non risultano terribili nonostante le facce che si ritrovano.
Ed ecco il prodotto, confezionato bene, ben ritmato, ironico in alcuni passaggi ed anche divertente; quello che non si prefigge e cioè di lasciare un minimo di retrogusto amaro, non ce lo concede e quindi si tiene su una linea di galleggiamento di puro Hollywood.

Cosa vogliamo dire ? Si passa un’ora e mezza in piacevole imbambolamento e si dimentica il tutto appena si esce dalla sala. Peccato, perché bastava proprio poco per non fare un prodotto di puro consumo. Una simpatica, colorita e affiatata tra loro famigliola, composta da padre, madre e due figli, sono sotto copertura dell’Fbi e vivono in Francia. Il capofamiglia Giovanni Manzoni ( Robert De Niro ) è stato un killer della mafia americana, si è pentito ed ora ha una taglia sulla testa di venti milioni di dollari.
Con la sua famiglia cambia casa ogni tre mesi e quando li incontriamo stanno per traslocare in un paesino sperduto della Normandia. Giungono di notte in una villetta vecchia e dai tubi da cui esce solo acqua color marrone; ma tra loro non c’è nessun problema né tensione. Tutti e quattro si sistemano alla meglio. Giovanni Manzoni, nonostante in vita sua abbia ucciso decine di persone, ha maniere bonarie e apparentemente accomodanti ma tra desiderio e realtà uccide e pesta un innumerevole numero di persone; è ancora più buffo quando da semianalfabeta trova una polverosa macchina da scrivere e si mette casualmente a scrivere le sue memorie.

L’affettuosa e un po’ matta mogliettina dark Maggie ( Michelle Pfeiffer ) è una madre e moglie amorevole e attenta ma appicca incendi ai supermercati quando il proprietario si mostra arrogante con gli americani; il tempo lo passa tra la chiesa del paesino, qualche passeggiata e, con amorevole passione, a preparare la pasta o i peperoni per la sua famigliola e per i due agenti dell’F.B.I. che sono nella casa al di là della strada e che da anni proteggono lei e la sua famiglia.
A loro si aggiungono la deliziosa primogenita Belle di circa diciotto anni, alla ricerca dell’amore della vita in modo da sopportare meglio il delirio della sua famiglia; intelligente e sorridente ma quando dei ragazzetti del luogo pensano di approfittarne lei riesce a mettere le distanze con una racchetta da tennis. Warren invece ha circa quattordici anni ed è già molto pratico, si inserisce con rapidità a scuola tra una scazzottata e scambi non legali con altri studenti conquista il rispetto di ragazzo tosto e pericoloso.

Tra un innamoramento di Belle per un giovane professore di matematica, gli affari scolastici di Warren, le succulente pietanze di Maggie che si rilassa facendosi spinelli e Giovanni che continua a scrivere le sue imbarazzanti memorie, ogni tanto compare un agente dell’Fbi che deve sorvegliarli perché non creino problemi e non possano essere trovati dalla mafia.
Ma per una circostanza veramente originale il mafioso in carcere scopre dove si trova la famiglia Manzoni e quindi alcuni mafiosi veramente pericolosi e armati fino ai denti giungono nella tranquilla cittadina normanna...

Un film leggero come una piuma, senza pause, con i tempi giusti e con i dialoghi che funzionano. Una commedia su una famigliola mafiosa e sui suoi modelli di vita ( senza però nessun collegamento con “ I Sopranos “ di cui si cita la psicanalisi in modo derisorio ). Una regia al servizio del progetto hollywoodiano e quindi senza guizzi o trovate impreviste ma ben calibrato tra divertissement e scene d’azione. Dove normalità e violenza pura coesistono senza stridori o separazione.
Cast ottimo, buona colonna sonora e ottimo montaggio. Una pecca - del tutto personale come opinione -sono alcuni primi piani impietosi dei protagonisti, visi scavati e pieni di rughe De Niro e Lee Jones, un po’ plastificata la Pfeiffer, estremamente bella fino ad una decina di anni fa.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere