HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Commedia1 arrow Giovani si diventa
Venerdì 30 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Giovani si diventa PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
mercoledì 22 luglio 2015

Titolo: Giovani si diventa
Titolo originale: While We're Young
USA 2014 Regia di: Noah Baumbach Genere: Commedia Durata: 97'
Interpreti: Naomi Watts, Amanda Seyfried, Ben Stiller, Adam Driver, Maria Dizzia, Charles Grodin, Brady Corbet, Greta Lee, Dree Hemingway, Adam Senn
Sito web ufficiale: www.while-were-young.com
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 09/07/2015
Voto: 6
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Indipendente
Scarica il Pressbook del film
Giovani si diventa su Facebook

giovanisidiventa_leggero.pngNelle deserte sale italiane circola questo film di notevoli intenzioni, scritto con eleganza e con un ottimo cast ma che ha un titolo forviante derivato forse dalle troppe intenzioni degli autori. Baumbach introduce la storia con dei dialoghi tratti da Il costruttore Solness di Henrik Ibsen, un testo del 1873 che si sviluppa sul timore e la paura del nuovo che avanza e della giovinezza che fa sentire delusi e inadeguati chi è nella mezza età.

Partendo da questo assunto, cioè che ogni nuova generazione è una minaccia per quella precedente, Baumbach, in modo a volte contraddittorio, a volte ribaltando gli schemi, realizza una commedia sofisticata alla Allen con uno sfondo di nostalgia sul come eravamo e cosa siamo diventati e la consapevolezza che i sogni spesso non si avverano e bisogna accettare la realtà.
Ma non c’è solo questo, magari, nel sentimento della narrazione; c’è lo svelamento che tutti non possono che cercare di essere quello che non sono, il rapporto tra verità e menzogna, tra vena creativa e aridità, fra messinscena e autenticità sia nel vivere quotidiano che nell’arte ( in questo caso del documentario d’autore ), nella difficoltà di accettare la propria condizione di adulti e il tempo in cui si vive, nel confronto-scontro tra generazioni al tempo di Internet e dei social network, tra memoria storica e ricostruzione soggettiva, fra sincerità e manipolazione ( La guerra in Afganistan, la dittatura di Google ), fino ad aver paura nel futuro ( la prima inquadratura è su un neonato, figura inquietante e malefica, che i protagonisti identificano così perché lei non può avere figli e lui in fondo non sembra voler crescere, e per questo gira un documentario da dieci anni che normalmente richiederebbe solo pochi mesi ), fino a scoprire verso la fine che il vero segreto della fascinazione dell’adulto Josh per il giovane Jamie non è per sentirsi ancora giovane ma per avere qualcuno che possa guardarlo come fosse un adulto da stimare.

Insomma, c’è veramente troppo in questo film e Baumbach non rinuncia a nulla, al punto da rendere Giovani si diventa contraddittorio e a volte troppo denso e ridondante, anche se un’accuratissima sceneggiatura non scivola mai nel banale o nel già visto ed è precisa anche nei minimi dettagli. Forse se dobbiamo trovare un limite alla struttura dello script possiamo segnalare che i personaggi femminili sono meno approfonditi e meno centrali di quelli maschili. Siamo a New York – un po’ alleniana un po’ pollackiana – Josh ( Ben Stiller ) e Cornelia ( Naomi Watts ) sono una coppia quarantenne che va d’accordo ma che conserva sotto la cenere delusioni e perdite.

Lui è un documentarista di talento ma avvitato su se stesso e al lavoro creativo, lei produce documentari ed è figlia di uno dei maggiori documentaristi americani ( un invecchiato Charles Grodin ). Sembrano avere quasi tutto, anche l’accettare che il tempo passa, che i sogni giovanili si sono in parte infranti e che non possono avere un figlio.
A una conferenza tenuta da Josh all’università, lui conosce una coppia di giovani Jamie ( Un bravo e cinico Adam Driver ) documentarista alle prime armi e la sua ragazza Darby; si piacciono, Josh li presenta a sua moglie e cominciano a frequentarsi. La vita di Josh e Cornelia cambia perché loro hanno voglia di cambiare e forse sentirsi una volta ancora giovani, abbandonano il vecchio tran tran, perdono i vecchi amici indaffarati con pannolini e bambini.

Perdono le vecchie abitudini e si ritrovano sulla strada pieni di energie, giungono a partecipare a una due giorni con uno sciamano che li fa drogare ( questo lungo blocco ci ha ricordato Taking Off di Milos Forman ) e nei loro incontri c’è – come in un gioco di specchi – il recupero dei due giovani di tutti quei prodotti tecnologici vintage che i due adulti hanno abbandonato per le nuove tecnologie, come vhs, dischi in vinile, macchina da scrivere e via dicendo. Ma l’assorbire tutto in modo cinico e superficiale di Jamie entra in contrasto con l’approccio rigoroso e morale di Josh che tuttavia aiuta il giovane amico a realizzare un documentario in poco tempo, fino a scoprire una truffa più morale che reale…

Noah Baumbach è un regista indipendente quarantenne poco conosciuto in Italia, non proprio classificabile con la sua filmografia. Ha debuttato vent’anni fa con il film Scalciando e urlando, di cui è anche sceneggiatore ed interprete.
Ha poi realizzato Highball e Mr. Jealousy, Il calamaro e la balena ( nomination all'Oscar per la migliore sceneggiatura originale ) e Il matrimonio di mia sorella ( visto in Italia nel 2007 ).

Trailer



 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere