HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Commedia1 arrow Grand Budapest Hotel
Lunedì 26 Ottobre 2020
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
uomo-invisibile-160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Grand Budapest Hotel PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 17
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
martedì 22 aprile 2014

Titolo: Grand Budapest Hotel
Titolo originale: The Grand Budapest Hotel
USA: 2014. Regia di: Wes Anderson Genere: Commedia Durata: 100'
Interpreti: Saoirse Ronan, Tilda Swinton, Léa Seydoux, Ralph Fiennes, Bill Murray, Edward Norton, Jude Law, Owen Wilson
Sito web ufficiale: www.grandbudapesthotel.com
Sito web italiano: www.grandbudapesthotel.it
Nelle sale dal: 10/04/2014
Voto: 8
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Splendido
Scarica il Pressbook del film
Grand Budapest Hotel su Facebook

thegrandbudapesthotel_leggero.pngQuando pensiamo alla letteratura mitteleuropea degli Anni Trenta, pensiamo alla nobiltà della sconfitta dei romanzi di Joseph Roth oppure a quell’ ingegnere degli stati d’animo e dei comportamenti sociali che è stato Robert Musil oppure a quel palinsesto di simbolismi che è l’opera di Hugo von Hofmannsthal.
Ma lo scrittore più famoso dell’epoca ( a cui si rifà Anderson, e lo dichiara sui titoli di coda ) è quel Stefan Zweig che tra gli Anni Venti e gli Anni Trenta, è stato uno degli scrittori più famosi al mondo; autore erudito, viaggiatore in Europa e poi tra Asia e Americhe, scrittore di tanti libri ma non solo romanzi e di alcuni racconti, perfetto rappresentante e cantore sublime degli anni del declino e poi della fine dell’Impero Austroungarico.

Autore inserito da Claudio Magris nel " comparativismo mitteleuropeo " che avvicina Svevo ad Andric, Schulz a Kafka. Nelle interviste degli ultimi anni, Wes Anderson ( autore di film originalissimi e famosi come “ I Tanenbaum “, “ Il treno per Darjeeling “, “ Moonrise Kingdom “ ) ha citato spesso il grande scrittore austriaco andato a suicidarsi con la seconda moglie in Brasile. Ha cercato di prendergli ‘ l’ anima ‘, e in questo film ha confessato come sia stato “ quasi un plagio ” il suo “ Grand Budapest Hotel “ con l’ultimo romanzo di Zweig “ Estasi di Libertà “. Naturalmente, non la storia di per sé ma quell’humus mitteleuropeo che resta un luogo narrativo prezioso e resistente al tempo. Anderson impasta i sentimenti di un’epoca e li fa lievitare con ironia, fa una trasposizione della vita reale dei tempi di Zweig, una vita onirica delle sue storie in una dimensione fiabesca, dolciaria e nera, in cui spesso si sorride.
E come ha scritto sagacemente Giancarlo Zappoli: Una riflessione sull'arte del narrare che può permettersi di parlare della realtà profittando di quanto di meno realistico si possa escogitare. Wes Anderson è uno dei grandi registi in circolazione, in tutti i suoi film non ha mai sbagliato un colpo, facendo sempre centro.
Oramai c’è uno stile Anderson, stile inconfondibile, fatto di creatività, ricerca visiva, colori pastello e originalità narrative.
Stile che ha affascinato milioni di spettatori e gran parte dei critici mondiali, molti sono suoi fans.
E nel mondo dell’immagine molti hanno dei debiti narrativi verso di lui, ed è stato state più volte omaggiato nel mondo dell'arte, dell'illustrazione, della moda e dei video.

Insomma annche questa volta Anderson ha realizzato un film prezioso, intelligente, ironico e ricco di trovate che riempiono lo schermo e danno al ritmo del film una leggerezza così poco ‘ coerente ‘ con il dramma di quei tempi ma che lascia stupiti, quasi divertito, lo spettatore che oltretutto resta anche meravigliato dall’enorme cast di alto livello e a volte con ruoli quasi marginali. Siamo nell’immaginaria Zubrowska, al Grand Budapest Hotel ai nostri giorni.
E’ un albergo oramai quasi in dissuso, senza più il suo fascino, quasi in decadenza. Vi sono pochi clienti, solitari e silenti, tra loro un giornalista ( un Jude Law che accetta sempre di più ruoli marginali nel grande cinema ) che vorrebbe sapere della mitica storia di quest’albergo e dell’epoca che rappresentava. Per sua fortuna viene a soggiornare nell’albergo colui che è ritenuto l’ultimo proprietario ( F. Murray Abraham ), un uomo anziano che pernotta in una camera singola senza bagno. I due scambiano due parole nelle vasche termali e il vecchio invita a cena il giornalista, e tra un bicchiere di vino e un buon secondo piatto gli racconta la sua storia e quella dei tempi che furono.

E’ la storia di Monsieur Gustave H. ( un bravissimo e lievissimo Ralph Fiennes ), azzimato concierge, conoscitore delle regole della buona società e con un debole per le signore anziane con cui si accoppia senza alcuna difficoltà.
Poi c’è un bildungsroman del fattorino d'albergo orfano e quasi ancora adolescente Zero Moustafa ( un imperterrito e imperturbabile Toni Revolori ) che trova in Gustav il tutore e mèntore. Monsieur Gustave è di fatto il direttore del Grand Budapest Hotel, colloquia amabilmente, conosce le regole e riceve le confidenza ( forse qualcosa di più ) dalle signore desiderose di un ultima primavera. Una di queste l’ottuagenaria Madame D. gli lascerà nel testamento un prezioso quadro.
La dama appena rientrata nella sua casa muore e il figlio Dimitri accusa Gustave di averla assassinata.

L'uomo finisce in prigione senza alcuna colpa, ma con i suoi modi squisiti riesce a fare proseliti anche in carcere; complici alcuni pendagli da forca e grazie alla complicità del giovanissimo fattorino riuscirà ad evadere e a ritornare nel suo amato albergo... ma naturalmente c’è molto altro. Anderson ha diretto al meglio un film splendido e sembra rifarsi alle opere dei grandi registi dell’epoca come Lubitsch ma si possono trovare dei tocchi alla Chaplin ed anche all’Orson Welles degli anni cinquanta. Anderson crea un film perfetto per concretezza, leggerezza e incongruenza, il tutto con l’ intenzione riuscita di farci levitare su una nuvola di panna.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere