Martedì 12 Dicembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Il mio Godard PDF Stampa E-mail
Scritto da Domenico Astuti   
mercoledì 22 novembre 2017

Titolo: Il mio Godard
Titolo originale: Redoubtable
Francia 2017 Regia di: Michel Hazanavicius Genere: Commedia Durata: 102'
Interpreti: Louis Garrel, Stacy Martin, Bérénice Bejo, Micha Lescot, Grégory Gadebois, Felix Kysyl, Louise Legendre, Jean-Pierre Mocky, Tanya Lopert, Lola Ingrid Le Roch, Eric Marcel
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 31/10/2017
Voto: 6
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Sciocco...
Scarica il Pressbook del film
Il mio Godard su Facebook

Abbiamo visto “ Il mio Godard “ regia di Michel Hazanavicius.

il_mio_godard.jpgSi può raccontare la vita di Godard come quella di un regista ormai spompato e in fondo un borghese ridicolo, inadeguato e antipatico ? Sua moglie Anne Wiazemsky, una bambolina innamorata del suo mito e appena cresce lo lascia ai suoi deliri ? Il ’68 come un momento in cui i giovani giocano a fare la rivoluzione e i situazionisti degli intellettuali stravaganti ?
Per Hazanavicius questo è tutto possibile e lo racconta con un’ironia a volte stridente e ruvida intellettualmente, borghesemente irriverente, facendo risultare il film una parodia di un’epoca e del grande regista.

Prende a pretesto il romanzo autobiografico della Wiazemsky in cui narra della storia d’amore tra lei e il regista e sceglie, e diciamo così lo focalizza, l’anno ’68. Hazanavicius realizza un film con la sola idea di demolire il privato di un Maestro-Mito del Cinema, metterlo alla berlina ( l’idea degli occhiali che si rompono continuamente che dovrebbe mostrare in realtà una miopia del regista nei confronti di ciò che ha più vicino sembra più una gag che non una descrizione di un carattere; il giochino di far parlare i due protagonisti completamente nudi e frontali su se sia giusto in un film mostrare dei corpi nudi è veramente un divertissement farlocco … ) e con lui un’epoca e degli ideali ormai chiusi nei libri di storia.

La verità è che Godard è stato un maestro innovatore e moderno del Cinema degli Anni Sessanta ( Fino all’ultimo respiro, Questa è la mia vita, Pierrot le fou ), poi passato al cinema politico con alterne fortune ( Vento dell’est, Lotte in Italia, Vladimir e Rosa ), per riprendere negli anni Ottanta e Novanta con un Cinema di ricerca e provocatorio ( Prénom Carmen, Je vous salue, Marie, Cura la tua destra ); sua moglie Anne Wiazemsky, pur giovanissima, quando conobbe Godard era già stata la protagonista di Bresson in Au hasard Balthazar, e reciterà in altri 7 film col marito e nel frattempo lavorerà due volte con Pasolini, e con Carmelo Bene e altri registi francesi e italiani mentre la loro storia terminerà dopo dodici anni di matrimonio ( divorzieranno nel 1979 ). E non dopo un anno. Ma Hazanavicius deve proprio detestare un’epoca e i suoi alfieri, perché anche Marco Ferreri è descritto più come un cialtroncello che se la spassa e realizza un cinema di serie B che non per quell’originale e provocatore autore che è stato. Se volessimo usare un linguaggio da ’68 potremmo scrivere che quel mondo culturale conservatore con cui Godard ha litigato e contestato adesso si vendica sia di un’epoca che del suo rappresentante più significativo.

Hazanavicius all’interno di una carriera ondivaga e alquanto generica ( che va da OSS 117 al poco riuscito The Search ) era riuscito a realizzare nel 2011, un buon film The artist, in cui era riuscito nell’operazione di usare la storia del cinema muto per rendenderlo abilmente un giochino piacevole per il pubblico e per Hollywood, adesso ci prova forse con la stessa ironia ma senza alcun affetto nei confronti della Nouvelle Vague e il suo maggior rappresentante.
Cosa vera è che Godard, oltre che per il suo talento molto avanti sui tempi e un rivoluzionario provocatore, è sempre stato definito un uomo dal carattere difficile se non intrattabile, la sua rigidità estetica e ideologica lo ha portato a litigare con mezzo mondo e anche con il suo amico Truffaut a cui tolse il saluto.

La storia è raccontata attraverso gli occhi dell’allora giovanissima moglie Anne Wiazemsky ( una Stacy Martin perfetta nel suo ruolo, molto carina e spesso nuda nel film ) si sviluppa in un anno di vita di Anne con Jean-Luc ( un bravo anche se un po’ caricaturale, Louis Garrel ); siamo tra il ’67 e il ’68, mentre il maestro gira il controverso La chinoise, il mondo è in gran fermento, se non i rivolta, tra occupazioni delle università, proteste di piazza violente contro De Gaulle e la guerra del Vietnam, proteste dei cineasti politici contro l’accademia rappresentata anche dal Festival di Cannes. Attraverso la storia d’amore dei due e la loro partecipazione attiva agli avvenimenti assistiamo al loro amore, al loro matrimonio e alla fine della loro storia a causa delle inadeguatezze umane e sentimentali di Godard.

Perché è un film non riuscito ? Oltre a un livore sarcastico che è l’impronta del film, perché solo chi conosce bene il Cinema di Godard, e della Nouvelle Vague, quello che ha determinato nel cambiamento stilistico e narrativo, del Cinema può seguirlo con una certa logica e partecipazione. Invece chi all’oscuro assiste a una dichiarazione su un mondo, visto con un’ironia unidirezionale, a volte spocchiosa e borghese d’antan. Il ritratto di Godard è impietoso e cinico nella descrizione superficiale, in cui il regista risulta un borghese complessato che cerca attraverso spostamenti politici sempre più a sinistra di togliersi di dosso l’estrazione sociale da cui proviene, un quasi dipendente psicologicamente da chi è politicamente più rivoluzionario, ma è anche un uomo che si sente a trentasette anni vecchio e complessato nei confronti dei giovani nonostante privi del suo talento e delle sue capacità. Spolpato all’osso risulta più borghese dei borghesi che contesta, più insicuro di quello che vuole apparire ( porta sempre con sé la moglie giovane, quasi uno scudo col mondo ), geloso e meschino al punto da offendere lei e non ascoltarla per poi tentare il suicidio quando pensa che lei voglia lasciarlo.

Un film che non è altro che un divertissement distaccato e cinico di un regista che si diverte a mostrare che il re artistico di un’epoca è poca cosa, mentre la realtà di quell’epoca è narrata con la distanza di chi non condivide e non ha partecipato anche per anagrafe a un periodo importante della storia.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere