HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Commedia1 arrow In Another Country
Domenica 28 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
In Another Country PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 5
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
mercoledì 11 settembre 2013

Titolo: In Another Country
Titolo originale: Da-reun na-ra-e-suh
Corea del Sud: 2012. Regia di: Hong Sang-soo Genere: Commedia Durata: 88'
Interpreti: Isabelle Huppert, Kwon Hye Hyo, So-ri Moon, Jung Yu-mi, Moon Sung-keun, Yeo-jeong Yoon, Jun-sang Yu
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 22/08/2013
Voto: 5
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Immobile
Scarica il Pressbook del film
In Another Country su Facebook

in_another_country_leggero.pngQuest’anno le visioni cinematografiche d’autore promettono delusioni; piani sequenza interminabili, piani fissi su muri o storielle all’italiana banali e noiosette.
Nessun film necessario è all’orizzonte, nemmeno se il regista si chiama Amos Gitai o Tsai Ming Liang; anche i film papabili per un premio a Venezia come " Die Frau des polizisten " o "Child of God" di James Franco possono essere definiti dei film importanti o indispensabili.

Forse – perché ha vinto Venezia, perché è piaciuto a Bertolucci e perché non l’abbiamo ancora visto – il “ Santo Gra “ – di Gianfranco Rosi, documentario sulle vite di chi vive intorno alla strada che circonda Roma potrà risollevare un po’ le sorti di questo inizio di stagione 2013/2014. Oppure c’è " Under the Skin " di Jonathan Glazer, esaltato nelle riviste internazionali. In questa marea di film modesti in uscita, non fa eccezione “ In another country “ diretto dal regista coreano Hong Sang-soo, autore considerato nel suo Paese uno dei maggiori rappresentanti del Nuovo Cinema Coreano, sconosciuto ai più e con poche chance di diventare un oggetto d’attenzione del grande pubblico europeo.

Un regista che sembra apprezzare – come molti suoi colleghi asiatici – la Nouvelle vague francese e le immerge nei gusti coreani fatti di blanda ironia, ripetizoni di scene e una leggerezza di tono che a volte sembra un soufflè venuto male. Alcuni ineterpretano il suo Cinema come realista, altri iperrealista, altri lo ritengono surreale e quest’ultimo film non ci pone nella condizione di decidere effettivamente a quale di questi stili possiamo collocarlo.
Anche perché sono tre piccole storie al femminile, tutte e tre interpretate dalla bravissima Isabelle Hupper, collocate nello stesso luogo di mare incredibilmente squallido, con alcuni personaggi che ritornano ma senza definizione e dati precisi. A questo si inserisce l’ironia coreana sul machismo degli uomini sinceramente ridicoli e buffi e su piccoli spostamenti umorali dei personaggi.

C’è una giovane donna coreana che fa da sceneggiatrice-demiurgo a tre storie da lei immaginate e abbozzate su carta. Protagonista di tutte e tre ( la Hupper ) è una donna francese con lo stesso nome ma che cambia in modo impercettibile il suo modo di essere. In tutti e tre i casi giunge in un luogo di mare parecchio squallido, una località chiamata Mohang senza alcuna attrattive se non per un piccolo faro, affitta una stanza per un giorno, dialoga con le persone della casa in un inglese che con i coreani è approssimativo e senza sbocchi, fa conoscenze casuali come quella con un bagnino rimorchione e allo stesso tempo stupidotto. Nel primo episodio è una regista francese, nel secondo la moglie di un regista che ha una relazione extraconiugale con un altro regista, coreano, che giunge in ritardo all’ appuntamento per motivi di lavoro e nella terza è una donna tradita.
In tutti e tre gli episodi Anne ha qualcosa in comune, è una donna sola, con delle fragilità e con un bisogno tattile dell’amore. I personaggi che le girano intorno sono ragazze gentili, mogli gelose, uomini un po’ ridicoli - visti da noi - ossessionati dalle occidentali e ci provano nelle maniere più strambe.

Il tutto è raccontato con uno sguardo ironico, bonario e ripetitivo per scelta narrativa. Una ripetitività che oltre ai personaggi, alle inquadrature, ai dialoghi, alle storie e ai sogni sono la cifra stilistica del film che richiederebbe allo spettatore una benevolenza e una pazienza che chi vi scrive non aveva al momento. Certo i riferimenti e i debiti narrativi sono tanti ( Da “ Gli esercizi di stile “ di Queneau, ai film di Rohmer degli Anni Ottanta, al Resnais di “ Smoking/No Smoking “ ) il tutto con nonsense, ironia e iperrealismo coreano che aiuta solo in parte l’esercio di stile dell’autore. Vogliamo citare qualcuno che ha scritto di questo film “ … In una messa in abisso autoriale che si dimostra più suggestiva con proporzione diretta rispetto alla propria artificiosità.
Quasi un loop di situazioni palesemente stereotipate su seduzione e guerra dei sessi, maschi fedifraghi e attrazioni inspiegabili… “

Come abbiamo già scritto, Hong Sang-soo, è un regista e sceneggiatore coreano assai conosciuto nel suo Paese.
Il suo primo film fu un successo straordinario di pubblico e critica “ The Day a Pig Fell Into the Well “ ( 1996 ).
Anche in quel caso era uno studio sulla natura umana e le sue debolezze, usando un timbro stilistico sentimentale ha messo in scena amori e tradimenti. Da allora ha diretto altri 12 film che non hanno avuto un gran consenso fuori dalla Corea fatta eccezione per “ Hahaha “, premio come miglior film nella sezione Un Certain Regarde al Festival di Cannes del 2010,

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere