Venerdì 26 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
La famiglia Fang PDF Stampa E-mail
Scritto da Davide Sorghini   
lunedì 29 agosto 2016

Titolo: La famiglia Fang
Titolo originale: The Family Fang
USA 2015 Regia di: Jason Bateman Genere: Commedia Durata: 107'
Interpreti: Nicole Kidman, Jason Bateman, Christopher Walken, Maryann Plunkett, Kathryn Hahn, Michael Chernus, Josh Pais, Marin Ireland, Joe Lanza
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 01/09/2016
Voto: 6
Recensione di: Davide Sorghini
L'aggettivo ideale: Retorico
Scarica il Pressbook del film
La famiglia Fang su Facebook

lafamigliafang_leggero.pngPresentato al Festival di Toronto del 2015 e tratto dall'omonimo best-seller di Kevin Wilson, edito in Italia da Fazi Editore, La famiglia Fang sbarca nelle sale d'Italia dopo non aver certamente fatto furore in patria.
Appena 262,921 dollari d'incasso per la pellicola diretta e interpretata da Jason Bateman, qui alla sua seconda regia tre anni dopo Bad Words. Al suo fianco Nicole Kidman, anche produttrice e decisiva nella scelta dello sceneggiatore, ovvero quel David Lindsay-Abaire 10 anni fa Premio Pulitzer per Rabbit Hole, poi portato in sala proprio dall'ex moglie di Tom Cruise.

Dinanzi ai Fang è impossibile non pensare alle celebri famiglie strampalate del cinema americano di questi ultimi anni, vedi i Tenenbaum, Little Miss Sunshine e la Famiglia Addams, ma anche al cinema d'autore dei Coen, di David O. Russell e Paul Thomas Anderson, per un quadro familiare che tra sorrisi e pazzie cela una malinconia di fondo agghiacciante. Annie e Baxter sono fratello e sorella e da tempo oramai vivono distanti.
Se lei è un'attrice praticamente mai veramente esplosa divorata dai tabloid, lui è uno scrittore caduto in disgrazia che da due anni prova a completare il suo 3° libro. A causa di uno strampalato incidente che coinvolgerà Bexter e un cannone spara-patate i due saranno 'costretti' a ritrovarsi e a ritrovare i bislacchi genitori, Caleb e Camille Fang, da decenni celebri artisti stimati nel mondo dell'arte contemporanea.
I Fang sono performer radicali, estremi e sovversivi che hanno saputo scioccare il pubblico d'America attraverso performance imprevedibili e provocatorie, con Annie e Baxter, un tempo bimbi, co-protagonisti. Esperienze che hanno negativamente formato entrambi, in quanto perennemente instabili dinanzi a questi due genitori eccentrici, a detta di molti geniali, per altri buffoni e per questo discutibili, fino a quando tutto cambia. Perché Caleb e Camille Fang spariscono nel nulla, lasciando dietro di loro tracce che fanno pensare ad un terribile omicidio. Che i due siano morti, o molto più semplicemente autori dell'ultima e più clamorosa performance artistica della loro carriera?

Un coming-of-age a scoppio ritardato, quello diretto da Bateman, con i due poveri pargoli dei Fang, chiamati 'bambino A e bambino B' da mamma e papà, visti come pura e semplice appendice artistica di entrambi. Una realtà a lunga sopportata che ha finito per devastare tanto Annie quanto Baxter, con la prima alcolizzata e il secondo dipendente dai farmaci, ora chiamati finalmente a rintracciare i due genitori 'defunti' ma soprattutto a trovare se stessi. Dissacrante, crudele, tragicomico e dannatamente cinico, La famiglia Fang si interroga a lungo (troppo) sul concetto di arte, sia essa scrittura, pittura, recitazione o puro e semplice gesto artistico, chiedendosi continuamente quando possa essere considerata tale. E con quali conseguenze.

Christopher Walken e Maryann Plunkett sono due genitori apparentemente squilibrati ed egoisti, perchè perennemente accecati dall'idea malsana di stupire e provocare reazioni altrui, tanto da rasentare la totale distuzione dei figli e della loro stessa famiglia. Bateman, che alterna flashback passati legati alle performance artistiche negli anni '70 e '80, parti documentaristiche e presente, esplora non solo il rapporto genitori-figli ma anche quel confine, negli anni diventato sempre più labile, tra arte e vita reale. Tutto questo dirigendo con inattesa fermezza una commedia ben indossata dai 4 protagonisti principali, anche se a lungo andare ridondante nel ribadire quello scarto tra arte e realtà, tra genialità e idiozia.
Bateman non teme di mostrare i propri colorati ed eccentrici personaggi per quello che spesso sono, ovvero sgradevoli adulti che vivono quasi in una realtà parallela, in cui tutto o quasi è giustificato in nome dell'arte.
Per la Kidman un ruolo finalmente sfaccettato, sei anni dopo quel Rabbit Hole che la portò a strappare una nomination agli Oscar, con Bateman più fragile e trattenuto nella recitazione e alla regia di un film che ha il merito di trattare con iniziale interesse un argomento tanto delicato e al tempo stesso il demerito di sovraccaricarlo, finendo così per renderlo retorico.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere