Giovedì 25 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
La pazza gioia PDF Stampa E-mail
Scritto da Domenico Astuti   
lunedì 23 maggio 2016

Titolo: La pazza gioia
Titolo originale: La pazza gioia
Italia 2016 Regia di: Paolo Virzì Genere: Commedia Durata: 118'
Interpreti: Valeria Bruni Tedeschi, Micaela Ramazzotti, Valentina Carnelutti, Tommaso Ragno, Bob Messini, Sergio Albelli, Anna Galiena, Marisa Borini, Marco Messeri, Bobo Rondelli
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 17/05/2016
Voto: 6,5
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Dolciastro....
Scarica il Pressbook del film
La pazza gioia su Facebook

la_pazza_gioia_leggero.pngSi fa un po’ di fatica a recensire un film che, mediamente tra critica e addetti ai lavori, è stato accolto con entusiasmo eccessivo. Per tutta la proiezione abbiamo provato una sensazione un po’ fastidiosa, eppure il film è diretto bene, le attrici sono brave, il ritmo del montaggio funziona e le location sono coloratissime. E’ poi è venuta in mente una parolina un po’ malinconica per noi, e poi un’altra e un’altra ancora.
“ La pazza gioia “ è un film che rischia di essere furbastro, talmente sincero da non esserlo e un po’ ruffiano. Coniuga un paio di tragedie umane serissime e le inserisce in un istituto terapeutico che sembra una via di mezzo tra una comune e un agriturismo toscano, racconta il dramma di due donne psicologicamente fragilissime divenute tali anche per un estremo bisogno d’amore e le si fa diventare delle involontarie Thelma e Louise in salsa Sorpasso, le si fa diventare secondo dei parametri di sceneggiatura delle matterelle simpatiche ma quando serve diventano lucide nel loro dolore; una delle due, Beatrice è per una buona mezz’ora talmente al centro del film che sembra che ci sa solo lei, al punto da aver voglia di chiederle di spostarsi un po’ e farci vedere anche altro.

E poi ci sono alcuni passaggi che francamente sono un po’ troppo buttati lì, quasi per compiacere un pubblico generoso, come nella scena del ristorante elegante da cui scappano senza pagare e senza una reale reazione dello staff e subito vedere comparire il proprietario dell’auto che hanno rubato ore prima che si trova proprio davanti al ristorante; come anche la fuga sull’autobus senza biglietto o il furto di un’auto d’epoca su un set di un film o la richiesta di soldi in banca, sembrano più delle gag che non un reale respiro psicologico di una delle due protagoniste. E poi trasmettere del buonumore col meccanismo della matta che dà del matto a qualcun altro ci risulta un po’ vecchio stile.

In fondo ci da’ l’impressione che il gusto narrativo della sceneggiatrice Archibugi, più apertamente sentimentale, meno spigoloso e con minore forza nei contrasti, abbia tolto quel po’ di cattiveria che Virzì aveva mostrato nei suoi film precedenti, portandolo a realizzare una commedia quasi affettuosa, benevola, un po’ edulcorata, partendo invece da tematiche forti e importanti ( il bisogno d’amore al femminile, la necessità di non sentirsi soli, il bisogno di credere nell’amicizia ) e così creando un contrasto che risulta un po’ rumoroso.
Come se due donne che hanno le loro vite interrotte forse per sempre si possono accontentare della breve fuga di qualche giorno. Un vero peccato, perché l’idea centrale, tipica della vecchia Commedia all’Italiana ma vista con gli occhi di oggi, è notevole e in controtendenza con l’immaginario televisivo che troviamo sui nostri schermi, peccato perché Virzì è forse il miglior regista di Commedia in Italia, sa condurre gli attori in modo concreto e reale e si serve spesso di un cast tecnico tra i migliori ma questa volta ha messo troppo zucchero nel rustico che ha preparato.

Ci sono due donne differenti in tutto tranne che per il loro bisogno d’amore, una è una signora borghese e con un cognome nobile Beatrice Morandini Valdirana, parla in continuazione, probabilmente ha un disturbo bipolare ed è una mitomane; l’altra è Donatella, una quasi anoressica, ex cubista, psicologicamente fragile, sofferente per aver perso suo figlio che è stato dato in adozione anni prima. Si incontrano in un istituto terapeutico situato nella campagna Toscana ( se volessimo essere un po’ cattivi, diremmo come al solito, tipo Mulino Bianco ), la prima è lì perché un tribunale ha stabilito una terapia di recupero in quanto ha firmato assegni a vuoto per un amante improbabile; la seconda perché… già, perché ? Anni prima ha tentato il suicidio con il suo bimbetto, ha ricevuto delle denunce di stalking dl padre del suo bambino e forse è giunta ad un punto di rottura. Beatrice si avventa su Donatella e la costringe a diventare sua amica nonostante siano diverse in tutto. Un giorno riescono a fuggire e a salire su un autobus di linea e inizia per loro un viaggio sulla strada funambolico che dura alcuni giorni e che vedrà entrambe ritornare al passato e allo scoprire il tempo perduto che è effettivamente perduto.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere