HOME arrow Recensioni film arrow Commedia1 arrow La sedia della felicità
Martedì 19 Settembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
La sedia della felicità PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 5
ScarsoOttimo 
Scritto da Ciro Andreotti   
mercoledì 04 giugno 2014

Titolo: La sedia della felicità
Titolo originale: La sedia della felicità
Italia: 2013. Regia di: Carlo Mazzacurati Genere: Commedia Durata: 90'
Interpreti: Valerio Mastandrea, Isabella Ragonese, Giuseppe Battiston, Katia Ricciarelli, Raul Cremona, Marco Marzocca, Milena Vukotic, Roberto Citran, Mirco Artuso, Roberto Abbiati, Lucia Mascino, Natalino Balasso, Maria Paiato, Fabrizio Bentivoglio, Silvio Orlando, Antonio Albanese
Sito web ufficiale: www.mymovies.it/lasediadellafelicita
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 24/04/2014
Voto: 8
Trailer
Recensione di: Ciro Andreotti
L'aggettivo ideale: Poetico
Scarica il Pressbook del film
La sedia della felicità su Facebook

lasediadellafelicita_leggero.pngDino un tatuatore e Bruna un’estetista vengono a conoscenza dell’esistenza di una sedia imbottita di un prezioso tesoro che potrebbe risolvere i problemi economici di entrambi.

Nell’operoso nordest, fra le lande sopra Jesolo e il suo lido, si aggira un’umanità costituita da un gruppo di amici, per la precisione di amici del regista Carlo Mazzacurati, capace di redigere il proprio testamento rendendolo degno della propria trasversalità e della sua surreale comicità.

Traendo spunto dal romanzo russo “Le dodici sedie” di Petrov, il regista Padovano riesce a catturare l’attenzione dello spettatore imponendo Valeria Mastandrea come co-protagonista assieme a Isabella Ragonese, sfruttando la verve comica del primo unito alla semplicità della seconda, facendo di un professionista dei tatuaggi, diviso dalla moglie e con figlio a carico, un moderno Charlot capace con il suo semplice comportamento di strappare ben più di una semplice risata.

Completa la pellicola un Battiston forse troppo al di sopra delle righe ma che non ha tolto davvero nulla a una splendida opera di un regista che ha sempre saputo raccogliere sia i favori della critica che gli applausi del pubblico, un regista che non ha voluto risparmiare nessuno dei suoi numerosi attori feticcio, da Silvio Orlando a un Albanese per l’occasione ‘duplicatosi’ sino al cameo donato all’amico Farinelli, direttore della Cineteca di Bologna della quale lo stesso Mazzacurati era presidente dal 2011.
Un film da vedersi tutto d’un fiato, un film a lieto fine, un film poetico come solo certe pellicole possono essere, una pellicola che solo Carlo Mazzacurati, e pochi altri, avrebbe potuto e saputo firmare.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere