HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Commedia1 arrow L'occhio del diavolo
Giovedì 25 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
L'occhio del diavolo PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 6
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
martedì 05 febbraio 2013

Titolo: L'occhio del diavolo
Titolo originale: Kvinnors Väntan
Svezia: 1959. Regia di: Ingmar Bergman Genere: Commedia Durata: 87'
Interpreti: Bibi Andersson, Gunnar Björnstrand, Jarl Kulle, Stig Järrel, Nils Poppe, Gertrud Fridh, Sture Lagerwall, Georg Funkquist, Gunnar Sjöberg, Torsten Winge, Axel Düberg, Kristina Adolphson, Allan Edwall, Ragnar Arvedson
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 1960
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Capriccioso
Scarica il Pressbook del film
L'occhio del diavolo su Facebook

locchio_del_diavolo_leggero.pngDovrà passare qualche anno da “Sorrisi di una notte d’estate” per vedere Ingmar Bergman dedicarsi nuovamente ad un’opera allegra, non propriamente una commedia come quella sopracitata, ma un rondò capriccioso, come definisce l’autore “L’occhio del diavolo” (Djävulens öga, 1960) nei titoli di testa.
È un film in cui la leggerezza si intreccia alle riflessioni sull’amore e su quale sia il suo potere. È distribuito in una nuova riedizione Dvd dalla Bim e 01 Distribution, con ampliati contenuti speciali. Negli inferi il diavolo è infastidito da un persistente orzaiolo, causatogli dalla castità di Britt-Marie, che vuol restare vergine fin dopo le nozze. Parlando con i suoi due consiglieri, a Belzebù viene un’idea: inviare sulla terra Don Giovanni per sedurre la ragazza e non farle mantenere il suo proposito.

Don Giovanni, ospite a casa del pastore, padre della ragazza, avrà modo di conoscerla. Il seduttore rimane sedotto, non compiendo la sua missione, ma il diavolo ottiene comunque una piccola e molto più significativa vittoria. Questo film è stato realizzato da Bergman, spinto dal produttore della Svensk Filmindustri, Allan Ekelund, per contraccambiare il finanziamento del precedente “La fontana della vergine”, al quale il regista teneva molto.
Questo è anche il film della discordia, quella che c’è stata tra l’autore e il direttore della fotografia Gunnar Fischer, suo collaboratore in 12 pellicole. Il primo lavoro insieme è stato “Città portuale” nel 1948. Fischer è morto l’11 giugno 2011, da lì a pochi mesi avrebbe compiuto 101 anni.
Nei lavori di Bergman si può notare – dove più, dove meno – la presenza del linguaggio teatrale coniugato con ponderata maestria a quello cinematografico. In questo film l’aspetto teatrale è maggiormente sottolineato, contrappuntato dai tre atti spiegati dal narratore, che dà anche le basi dalle quali partire per familiarizzare con i personaggi.
Quest’aspetto si rispecchia nelle scenografie – essenziali e, a volte, quasi inesistenti come la camera da letto di Don Giovanni – nelle luci e nel movimento di macchina. In più occasioni Bergman dà agli attori la libertà di spostarsi negli spazi, lasciando la macchina da presa ferma o quasi. I dialoghi tra i personaggi fanno trapelare quelle tematiche di cui l’autore si nutre: l’amore, la tentazione, la lotta tra il bene e il male e come l’integrità di una persona sia cosa rara e difficile da mantenere.

In effetti Britt-Marie appare una ragazza salda nei suoi principi e leale verso il fidanzato Jonas, ma basta stare in sua compagnia per comprendere quanto il suo amore sia precario: colleziona baci e mente nel talamo nuziale, dimostrandosi uguale a tante altre. Nell’epilogo Bergman sembra suggerire un potenziale adulterio nel futuro della coppia, aspetto già trattato e che ritorna spesso nei suoi film.
Un Don Giovanni innamorato prende posizione nei riguardi dell’amore e accetta qualsiasi pena. Il suo sentimento, però, non scaturisce dal senso di solitudine, dalla passione giovanile, dall’inesperienza o dal desiderare conforto, come accade nei film antecedenti a questo. In “L’occhio del diavolo” quello provato è amore (puro e semplice) per una donna.
Il grande seduttore rimane profondamente toccato dal fatto che la giovane gli abbia letto dentro il cuore, come nessuno mai ha fatto. In questo racconto Bergman non si discosta dal dare forma ad un mondo abitato da pensieri e sentimenti, che vanno al di là dei luoghi comuni. Mette in scena i segreti più intimi dell’animo umano con l’onestà che gli è propria.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere