Giovedì 14 Dicembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Ma Loute PDF Stampa E-mail
Scritto da Ciro Andreotti   
sabato 20 agosto 2016

Titolo: Ma Loute
Titolo originale: Ma Loute
Francia, Germania 2016 Regia di: Bruno Dumont Genere: Commedia Durata: 122'
Interpreti: Fabrice Luchini, Juliette Binoche, Valeria Bruni Tedeschi, Jean-Luc Vincent, Didier Desprès, Laura Dupré, Brandon Lavieville, Cyril Rigaux, Angélique Vergara
Sito web ufficiale: www.3b-productions.com/tessalit/maloute
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 25/08/2016 - Presentato, in competizione, a Cannes 2016
Voto: 6,5
Recensione di: Ciro Andreotti
L'aggettivo ideale: Raffinato
Scarica il Pressbook del film
Ma Loute su Facebook

ma_loute_leggero.pngNel corso dell’estate del 1910 il maldestro ispettore Machin e il suo assistente Malfoy iniziano a indagare in merito alla sparizione di numerosi turisti dalle spiagge della baia di Slack.
I due rimarranno loro malgrado invischiati nella storia d’amore fra Ma Loute, raccoglitore d’ostriche e figlio di una famiglia di pescatori del luogo, e Billie, nipote della borghese famiglia dei Van Peterhem di Lille.

La coproduzione Franco Tedesca di Ma Loute, anche conosciuto con il titolo di Slack Bay, potrebbe riuscire a rilanciare le sorti di un regista raffinato e pieno di ottime iniziative come Bruno Dumont, reo negli ultimi anni di essersi perduto nelle proprie convinzioni d’autore ricercato e idoneo per palati finissimi e per questo già premiato al festival di Cannes sia del 1999 sia del 2006, con le sue due pellicole L’umanità e Flandres.

Questa volta per il regista originario della zona di Calais a fare da grimaldello a un nuovo possibile successo, non solo di critica ma anche di pubblico, ci prova una storia, anzi una commedia, in costume costruita sulla perfetta e surreale contrapposizione di classi sociali.
Che, nel corso della Belle epoque, poteva fare sorridere solo se vista e vissuta smontando le convinzioni di una stratificazione in classi quanto meno esilarante e sullo sfondo delle gesta assurde di una stranissima ‘coppia di rottura’ rappresentata dal duo di attori Desprès e Rigaux, novelli Stanllio e Ollio al servizio dello slapstick puro e semplice e rispettivamente nei ruoli dell’ispettore Machin e del suo aiutante Malfoy.

La ricostruzione certosina di costumi e della costa francese dei primi anni del secolo e un cast splendidamente assortito, dove ad attori di chiara fama come Juliette Binoche e Fabrice Luchini s’alternano emeriti sconosciuti, crediamo possa essere quel mix capace di catturare anche spettatori maggiormente legati al Dumont prima maniera ovvero quello che sapeva far ridere di meno e meno sguaiatamente ma che con pochi accorgimenti sapeva fare centro nell’anima degli spettatori.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere