Lunedì 22 Maggio 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
La passione del dubbio Novità
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Il gatto venuto dal cielo
Un weekend da sogno
Il futon
Pioggia sul viso
Una storia crudele
Tokyo Noir
La signora di Wildfell Hall
Giulia 1300 e altri miracoli
Una più uno
Prossimamente
Maldamore PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 12
ScarsoOttimo 
Scritto da Francesca Caruso   
giovedì 16 ottobre 2014

Titolo: Maldamore
Titolo originale: Maldamore
Italia.: 2014. Regia di: Angelo Longoni Genere: Commedia Durata: 101'
Interpreti: Ambra Angiolini, Luisa Ranieri, Alessio Boni, Luca Zingaretti, Eugenio Franceschini, Miriam Dalmazio, Eleonora Ivone, Claudia Gerini, Ettore Bassi, Adolfo Margiotta
Sito web ufficiale: www.bolerofilm.it
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 13/03/2014
Voto: 6
Trailer
Recensione di: Francesca Caruso
L'aggettivo ideale: Potenziale
Scarica il Pressbook del film
Maldamore su Facebook

maldamore_leggero.pngSesto lungometraggio di Angelo Longoni, “Maldamore” è ora disponibile in Dvd e Blu-ray distribuito dalla Cecchi Gori Home Video.
Paolo e Sandra e Marco e Veronica sono due coppie felicemente sposate, fino a quando Sandra e Veronica non ascoltano – tramite l’interfono per bambini lasciato aperto per sbaglio - le confidenze che Marco fa a Paolo sulla sua relazione extraconiugale.
Di seguito Paolo confessa una sua scappatella. Le due mogli reagiscono immediatamente, ma in maniera diversa. L’agire di ognuno di loro li porterà a guardare dentro se stessi e a capire se e come sistemare le cose.

Quello diretto da Longoni è un cast ben amalgamato. La delineazione del rapporto tra Marco e Paolo è sicuramente quella più riuscita e sa strappare parecchie risate. La dinamicità infusa da Luca Zingaretti e Alessio Boni ai rispettivi personaggi li fa risultare spontanei, naturali.
Sono il pezzo forte del film.
Il mal d’amore – tema fondante – viene analizzato da Longoni da diversi punti di vista: c’è il donnaiolo impenitente; c’è l’inguaribile fedele che “guarisce”, assaporando per una volta (due, tre o quattro) il non pensare al tempo che passa e alle rughe che affiorano sul viso; c’è il traditore occasionale, che supplica il perdono, ma quando sa di essere stato tradito si scaglia contro la partner. A tal riguardo si esprime il regista:“Il tradimento, se lo subiamo, ha una valenza ben diversa dal farlo subire alla persona amata. Se noi siamo i traditori tendiamo a sminuirlo, a circoscriverlo ad un momento, a banalizzarlo o giustificarlo.

Ma se noi siamo i traditi il mondo intero ci precipita addosso, ci sentiamo di non valere più nulla, non solo per la persona amata, ma in assoluto per tutti. I pesi e le misure cambiano a causa dell’egoismo e dell’egocentrismo infantile che contraddistingue i sentimenti quando sono totalizzanti”. Il tempo è l’altro tema basilare di cui il film parla.
E già perché il tempo che scorre inesorabile fa sentire vecchi – quando ancora vecchi non lo si è – e non più appetibili, così scema sia la passione che l’amore. Si perde tempo a litigare e a stressarsi l’un l’altro invece di custodire l’intimità.
D’altra parte i personaggi capiranno che il tempo può essere il grande alleato di un rapporto d’amore duraturo, perché si è più maturi e consapevoli, più saggi e forse anche più comprensivi. Tutti i personaggi, o quasi, impareranno qualcosa.

Per Longoni le pene d’amore sono un’ottima pietanza, per le commedie brillanti, mettendole “alla berlina e ridicolizzandole.
Ed è proprio la loro riconoscibilità (…) a far si che il gioco della commedia funzioni”.
Gli ingredienti per una commedia divertente e dei personaggi simpatici nei quali identificarsi ci sono, ma è il modo in cui diverse situazioni sono state rese a raffreddare l’atmosfera.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere