Domenica 27 Maggio 2018
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
Recensioni Blu Ray
the_midnight_man_160x600.jpeg
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Il circolo Pickwick News
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Mental PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 3
ScarsoOttimo 
Scritto da Ilaria Mutti   
domenica 11 novembre 2012

Titolo: Mental
Titolo originale: Mental
USA: 2012. Regia di: P.J. Hoogan  Genere: Commedia Durata: 87'
Interpreti: Toni Collette, Liev Schreiber, Anthony Lapaglia, Caroline Goodall, Kerry Fox, Lily Sullivan, Deborah Mailman, Rebecca Gibney
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: Festival di Roma 2012
Voto: 9
Trailer
Recensione di: Ilaria Mutti
L'aggettivo ideale: Corrosivo
Scarica il Pressbook del film
Mental su Facebook

“Mental” di P.J.Hogan, uno strepitoso successo al Festival Internazionale del Film di Roma!

mental_leggero.pngE’ appena uscito ed è già “cult”. In anteprima mondiale e fuori concorso, l’ultimo film del perfido Hogan,”Mental,” ha fatto letteralmente saltare il banco.
Per il suo rinnovato attacco alla società “affluente”, sferrato senza alcuna pietà, il regista ha utilizzato follia e disturbi mentali, come reattivi sani contro le convenzioni e il perbenismo che distruggono e soffocano gli individui.

Ne è venuta fuori una commedia di difficile definizione e in costante evoluzione fra il grottesco e il musical, il surreale e la ferocia, ma dove il risultato finale è una incredibile nicchia di puro e splendido divertimento. Ma come è possibile, un’ intera famiglia di pazzi, compresa la baby-sitter, raccattata all’autostop? “Normale, - spiega P. J. Hogan - l’Australia é stata il manicomio del mondo. Ci mandavano tutti i folli scaricati dal resto del pianeta…ci è rimasto nel DNA.” E poi, per dare più veridicità alle sue affermazioni, aggiunge “Vi assicuro che il film è autobiografico, io vengo da una famiglia come questa …i personaggi delle ragazze sono ispirati ai miei fratelli”…

Una famiglia indubbiamente bizzarra, quella di Mental, con 5 sorelle distribuite sui più difficili momenti dell’adolescenza, dove una sente le voci, una è sociopatica, un’altra ha precise volontà suicide, mentre le due piccole si aggregano molto volentieri.
Poi c’è la mamma, ormai dolcemente svanita, incapace di far fronte al carico di lavoro e alle esigenze mentali delle figlie, che si indora la pillola immaginandosi la signora Von Tramp e canta “Sound of Music,” mentre stende i panni.
Naturalmente finirà ricoverata in una clinica per malattie mentali, lei che pazza non è, ma solo un po’stanca, così i veri pazzi si conquistano il diritto a rimanere fuori. Può esserci una famiglia più strampalata e borderline per simulare, facendole il verso e mettendola in ridicolo, la più sdolcinata famiglia di tutta la storia del cinema, quella di “Tutti insieme appassionatamente”?
No indubbiamente, ma a completare il quadro di riferimento arrivano loro, Maria e Mary Poppins insieme, attualizzate nella baldanzosa follia di Shaz, la Baby-sitter che farà il suo ringhioso ingresso in casa Moochmore con un cane da difesa e un coltello negli stivali. Ma poi sarà anche quella che col suo anticonformismo, i metodi violenti e invasivi e le spaventose arrampicate notturne farà rialzare la testa alle ragazze, forti di un nuovo equilibrio in cui è “Meglio essere una pecora nera che una pecora.”

Al Festival di Roma pubblico e critica hanno riso a non finire e hanno più volte applaudito il film a scena aperta, fino a quella che è stata una vera ovazione finale, mentre la memoria inevitabilmente tornava a 20 anni fa, a “Muriel’s Wedding”, quel primo film altrettanto corrosivo e sfrontato, tutto impegnato a ritrarre la stupidaggine umana e l’ipocrisia della vita di provincia.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere