HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Commedia1 arrow Mezzanotte a Parigi
Martedì 2 Marzo 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Mezzanotte a Parigi PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 2
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
martedì 13 dicembre 2011

Mezzanotte a Parigi
Titolo originale: Midnight in Paris
USA: 2011. Regia di: Woody Allen Genere: Commedia Durata: 100'
Interpreti: Owen Wilson, Rachel McAdams, Kathy Bates, Adrien Brody, Marion Cotillard, Michael Sheen,Gad Elmaleh, Kurt Fuller, Tom Hiddleston, Alison Pill, Carla Bruni, Mimi Kennedy, Léa Seydoux, Daniel Lundh, Adrien de Van, Marcial Di Fonzo Bo, Corey Stoll
Sito web ufficiale: www.sonyclassics.com/midnightinparis
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 02/12/2011
Voto: 5
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Fuori fuoco
Scarica il Pressbook del film
Midnight in Paris su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

Mezzanotte a ParigiQuante volte tra amici si è detto: se potessi scegliere, in che epoca vivresti?
E ognuno di noi, secondo gusti letterari, artistici, politici rispondevamo “Ai tempi della Belle Epoque a Parigi “ oppure  “ A Londra negli Anni Sessanta “o ancora “ Durante la Rivoluzione Russa a San Pietroburgo “:
Ecco, un Woody Allen minore e palesemente invecchiato, ci ha fatto un film:  Con gli stessi ingredienti personali e il suo background leggero e fantasmagorico ha costruito una storia ambientata a Parigi dalle possibilità variopinte e originali ( negli Anni Ottanta ne avrebbe fatto un altro piccolo capolavoro sul genere “ La rosa purpurea del Cairo “, “ Zelig “ o “ Radio Days “ e l’inizio è la sbiadita copia di  “ Manhattan “ ) che invece come un soufflé cotto male a volte è poco mangiabile e a volte quasi irritante ( I personaggi che incontra, uno Scott Fitzgerald più insignificante non poteva immaginarlo, afono e cornuto, un Hemingway cazzaro e spara sentenze, un Picasso parodistico, un Dalì macchietta che parla di sesso e rinoceronti in un bistrot nemmeno fosse Ionesco dopo un ictus, e via dicendo ).

Allen probabilmente a 76 anni dovrebbe essere meno prolifico, non fare un film l’anno – è arrivato a 42 -, comprendere che se non si ha granchè da dire è meglio stare zitti e aspettare, ma a livello personale si può comprendere l’ansia di non fermarsi a pensare alle cose naturali della sua età.
E poi se da qualche parte doveva prender spunto di un’epoca, forse era meglio non riprendere il divertente ma gossipparo ante litteram di “ Fiesta mobile “ il libro più popolaresco di Hemingway.
Peccato, perché oltre lo spunto favolistico c’era materiale per riflettere sui tempi andati, sulle trasformazioni epocali, sul ruolo dell’artista di ieri e di oggi, sul senso della nostalgia e dell’illusione,sul desiderio di vivere in epoche in cui non abbiamo vissuto e che forse sono splendide e desiderate solo perché non le abbiamo vissute personalmente.
Ed anche gli altri argomenti trattati come la riflessione sull’amore, sul rapporto di coppia, sul tradimento, sulla vita e le sue soddisfazioni morali ed economiche che non vanno di pari passo e lo scontro tra realtà e desiderio fino all’illusione sono accennati e fondamentalmente sprecati in siparietti già visti, con soluzioni misogene e con dei ricchi talmente ricchi da far venire voglia di ripristinare la lotta di classe.

In un albergo lussuoso di Parigi risiedono per qualche giorno due coppie di americani, due futuri suoceri, la loro figlia ( Inez – Rachel McAdams ) e il suo fidanzato Gil – Owen Wilson ) uno strapagato sceneggiatore di Hollywood stanco dell’effimero lavoro che fa e desideroso di vivere a Parigi e diventare uno scrittore sul genere Lost Generation Anni Venti.
Lui sogna romanticamente, mentre la sua bellissima quanto stronzissima fidanzata è pratica e americana sin nel midollo.  Incontrano nel ristorante dell’albergo una coppia di americani, Paul è un amico di Liz di cui lei è ‘ inconsciamente ‘ affascinata. Iniziano a visitare Parigi assieme e Liz e Paul amoreggiano nonostante i relativi partner.  Gil invece di preoccuparsene inizia a lasciarli in tre e ad andarsene da solo per la città.  E una sera, a mezzanotte, seduto su dei gradini di una strada sconosciuta, si fa caricare da una vecchia automobile con dei passeggeri in festa alcolica.
E senza rendersene conto si trova ad una festa ‘ mobile ‘ con Scott Fitzgerald, sua moglie Zelda, Hemingway, Cole Porter e via scoprendo.  A questo punto inizia una storia su due binari convergenti, di giorno Gil parla, litiga e vive con la sua fidanzata, con la coppia di amici e con i futuri suoceri e la sera, a mezzanotte sale sull’auto del tempo e va per feste e case, dove conosce Picasso, la sua donna e musa Adriana, Josephine Backer, Salvador Dali, Gertrude Stein ( che gli darà i consigli giusti per migliorare il suo romanzo ), Man Ray, Luis Bunuel ( a cui da’ la storia dell’Angelo Sterminatore ).

In questa Parigi Gil trova il suo sogno e la ragione di vivere personale e artistica e troverà la forza - rientrando poi all’alba, nella sua vita ordinaria - e il coraggio di interrompere un fidanzamento che non regge, di essere indifferente al tradimento di Inez e di cercare la sua strada fregandosene di Hollywood, del successo e di una vita che non può più vivere.
Ma allo stesso tempo – conscio che prima o poi il sogno si trasformerà in realtà e quindi in nuova insoddisfazione – Gil incontra sotto la pioggia amata un nuovo amore, una ragazza che apparentemente ama le stesse sue cose.

Ripetiamo, peccato. Perché le potenzialità della storia ci sono tutte, le argomentazioni non sono comuni nel cinema di oggi ed anche il ritmo di regia in alcuni passaggi ricorda l’Allen migliore ma purtroppo  è un film non riuscito, a volte fastidioso, ed anche l’andare e venire dalla favola alla realtà rompe la magia della storia.
Vogliamo citare una battuta del film detta da Gertrude Stein: l'artista non è colui che fugge, ma colui che con la sua opera cerca di dare senso e speranza di fronte all'insensatezza dell'esistenza.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere