HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Commedia1 arrow Molière in bicicletta
Martedì 2 Marzo 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Molière in bicicletta PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 4
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
venerdì 06 giugno 2014

Titolo: Molière in bicicletta
Titolo originale: Alceste à bicyclette
Francia: 2013. Regia di: Le Guay Genere: Commedia Durata: 104'
Interpreti: Fabrice Luchini, Lambert Wilson, Maya Sansa, Laurie Bordesoules, Camille Japy, Annie Mercier, Ged Marlon, Stéphan Wojtowicz, Christine Murillo, Josiane Stoléru, Édith Le Merdy, Patrick Bonnel, Philippe Du Janerand, Jean-Charles Delaume, Jean-Marc Rousseau, Joël Pyrène, Catherine Rouzeau, Freddy Nail, Olivia Algazi, Julie-Anne Roth, Gilles Treton
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 12/12/2013
Voto: 7
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Elegante
Scarica il Pressbook del film
Molière in bicicletta su Facebook

molire_in_bicicletta_leggero.pngTratto da una pièce teatrale di buon successo in Francia, lo stesso regista e l’attore protagonista ( Un sempre magistrale Luchini ), hanno scritto la sceneggiatura e portata sullo schermo con Lambert Wilson e la nostra Maya Sansa.
E’ risultato campione d’incassi in Francia, con quasi due milioni di spettatori.
Un film che attraverso il teatro fa una riflessione a volte anche divertente sull’amicizia, sul egocentrismo e la vanità degli attori, sulla rappresentazione umana.

Anche se l’impostazione teatrale resta la parte principale, tutto ciò che sfonda il palcoscenico-casa di Serge Tanner è funzionale e liberatorio da qualche inciampo nella claustrofobia. C’è un tentativo molto alto di scrittura in cui si confondono e mischiano i due piani, quello personale dei due protagonisti, con quello professionale dei due attori, con la variante di quello sociale ed esistenziale.
Un tentativo che va tra alti e bassi, momenti prevedibili e meccanismi fin troppo oliati che ci ricordano ben altri film e altri scrittori di Cinema come Carriere o Pinter. Un film piacevole, garbato, che ha come eccellenza l’interpretazione dei suoi protagonisti, sicuramente fuori dal comune, e che fanno notare la loro bravura soprattutto nella parte teatrale del film.

Gauthier Valence e Serge Tanneur sono due attori che hanno passato la cinquantina, carriere solide di buon livello sia cinematografico che teatrale. Hanno in passato lavorato assieme ma mentre Serge, tre anni prima, è andato in depressione, ha perso la fiducia nel genere umano e si è andato a nascondere in una villetta a l’Île de Ré, da cui esce poco e trascorre il tempo disegnado nudi femminili, Gauthier ha avuto un incredibile successo televisivo interpretando un Medical Drama ( e qui c’è già un po’ di trita e banale spocchia culturale da parte degli autori che raccontano la serie Tv come una mera schifezza: forse non hanno visto E.R. o Dottor House: quindi tutto quello che è successo tv è spazzatura ).

Gauthier è soddisfatto della sua vita, è ricco, amato, gentile con tutti, ed ha l’ambizione di portare in Teatro Moliere, precisamente “ Il Misantropo “. Ma vorrebbe coinvolgere il suo vecchio collega Serge e quindi prende un treno e si reca a casa sua. Nonostante Serge sia diventato un orso, ostile e ‘ misantropo ‘, Gauthier cerca di convincerlo con amabilità e gentilezza, ma sembra che l’amico non ne abbia alcuna voglia. In realtà ha sempre sognato di interpretare “ Il Misantropo “ e nonostante dica di no chiede a Gauthier qualche giorno di prove.
E pretenderebbe anche il ruolo di Alceste e non di Filinte, Gauthier pur di lavorare assieme accetta di restare dei giorni lì e gli propone le due parti interscambiabili. Iniziano a provare per ore e ore, giorni e giorni, e arrivano alla fine del “ confronto “ pronti per i ruoli, in più si conoscono meglio ed anche dei dubbi personali si rivelano attraverso quei ruoli. Ma cosa è “ Il Misantropo “ ? E’ una commedia in cui un uomo intransigente rifiuta il compromesso, l’ipocrisia e si allontana dal mondo indignato da così poca rettitudine ( Serge ), mentre il personaggio di Filinte è di colui che cerca attraverso anche delle false virtù di non allontanarlo dal mondo ( Gauthier ).
Quindi lotta tra caratteri differenti, da scelte di vita opposte, da inadeguatezze che si riveleranno nello scontro professionale e umano. Ma in fondo sembra che tutto possa trovare un giusto equilibrio quando tra loro compare casualmente una italiana che vive lì e soffre l’abbandono del suo compagno con molto malessere, naturalmente Serge si innamora di lei da bravo cuore solitario mentre Gauthier senza far nulla mostra il suo fascino e…

Nel finale Gauthier recita Alceste con un giovane attore ma si blocca proprio dove si è sempre bloccato nelle prove, come se un qualcosa della sua vita non volesse svelarsi e quindi gli impedisce di procedere, Serge invece è tornato da solo, se ne sta seduto su una spiaggia deserta, apparentemente felice del ritrovato isolamento ma tra sé e sé recita proprio quella battuta che l’altro non riesce a concludere. Insomma un film che vuole destreggiarsi tra l’alto valore della recitazione, tra l’etica dei comportamenti e la ridicolaggine dei rapporti della società e del mondo degli attori.
Un buon film ma con aspettative troppo alte per una scrittura buona ma non eccelsa.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere