HOME arrow Recensioni film arrow Commedia1 arrow Play Time - Tempo di divertimento
Giovedì 14 Dicembre 2017
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cinemalia Menù
HOME
Recensioni Novità
Anteprime Gratuite
I film che usciranno
Recensioni film
Recensioni dvd
Gli Inediti
Cult Movie
Sorridi con noi
Prossimamente
Luoghi Comuni
Articoli Cinema
Cinema & Curiosità
Il Cinema Asiatico
Libri & Cinema
Collabora con noi
Contattaci
Staff
Feed Rss
News & Rumors
Serie Tv
Recensioni Blu Ray
Cerca in Cinemalia
Pubblicità
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Play Time - Tempo di divertimento PDF Stampa E-mail
Scritto da Domenico Astuti   
giovedì 16 giugno 2016

Titolo: Play Time - Tempo di divertimento
Titolo originale: Playtime
Francia 1967 Regia di: Jacques Tati Genere: Commedia Durata: 119'
Interpreti: Jacques Tati, Barbara Dennek, Rita Maiden, France Rumilly, France Delahalle, Valérie Camille, Erika Dentzler
Sito web ufficiale:
Sito web italiano: www.omaggioatati.it
Nelle sale dal: 14/06/2016
Voto: 7
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Stralunato....
Scarica il Pressbook del film
Play Time - Tempo di divertimento su Facebook

playtime_leggero.pngAlla fine degli Anni Quaranta compare sulla scena cinematografica mondiale un nuovo personaggio: Monsieur Hulot. Forse più amato all’estero che non in Francia. Per circa trent’anni, il suo creatore-Alter ego, Jacques Tati, realizzerà 6 film e li interpreterà con toni gentili, dandogli un ruolo tra il malinconico, il flemmatico e il modesto.
Userà una tecnica a metà strada tra il mimo e il Gramelot, rifacendosi a Buster Keaton e a Charlie Chaplin e diventerà fonte d’ispirazione per comici più fortunati di lui come Jerry Lewis e Peter Sellers, mentre in Francia il cinema di Jean-Pierre Jeunet e Marc Caro ( Delicatessen ) dovranno molto a lui, come in casa nostra, il nobel Dario Fo e il Calvino di Marcovaldo.

La sua nota distintiva, oltre un corpo magro, quasi allampanato, è la sua inconfondibile camminata strampalata, la pipa che compare quando meno te lo aspetti, un cappello che non si toglie mai e un bastone che a volte è un ombrello.
Ma ciò che ci ha lasciati come produzione non è solo un esercizio di stile, un timbro particolare e originale, bensì è una gentile critica della modernità e alle follie del progresso; in cui Hulot passa attraverso quasi senza essere notato ma come fosse un resistente e fa emergere una figura poetica, anarchica, ribelle nei confronti di riti collettivi, forse anche senza volontaria consapevolezza.
Una sua dichiarazione degli Anni Sessanta spiega bene la sua critica sociale « Confusione è la parola della nostra epoca. Si va troppo in fretta. Ci dicono tutto quello che dobbiamo fare. Organizzano le nostre vacanze. La gente è triste. Nessuno fischietta più per strada… sarà sciocco, ma mi piacciono le persone che fischiettano per strada ed io stesso lo faccio. Credo che il giorno in cui non potrò più fischiettare per strada sarà una cosa gravissima ».

Play Time ( Tempo di divertimenti ) è il suo quarto film, definito dalla critica il suo migliore e il più definito nella critica sociale. Film che è stato realizzato tra il 1964 e il 1967, una pellicola costosissima, girata in un inusuale 70mm ( lo farà successivamente Kubrick con 2001 Odissea nello spazio ), con un enorme set costruito appositamente e conosciuto come Tativille, la cui costruzione e manutenzione hanno richiesto un investimento economico enorme e naturalmente il povero Tati, pur riscuotendo un buon successo internazionale con questo film, si ritrovò fallito e con la sua casa di produzione chiusa.
Il film è stato restaurato nel 2002 da François Ede con un costo di oltre 800 mila euro e oggi assieme ad altri tre suo film viene proiettato in alcune sale d’essai italiane.

Il film è un insieme di ‘ quadri ‘ a se stanti, senza un filo conduttore, ma collegati grazie a Monsieur Hulot e a un gruppo di turisti americani che compaiono e scompaiono all’interno della storia stessa, per poi terminare in una specie di giostra per bambini in cui i personaggi invece di essere sui cavallucci o nelle macchinine si ritrovano a girare in tondo nel traffico urbano di vaga reminiscenza felliniana.
Il tutto funziona ancora molo bene ( nonostante qualche lungaggine dettata dal tempo e dal nostro grado di fruizione ), basato su una comicità visiva e mai dialogata, un’interminabile serie di gag ( alcune potremmo definirle beckettiane ) in cui emergono i difetti lampanti di una società in trasformazione ma c’è anche una critica alle abitudini del francese medio degli anni sessanta; l'ironia e il tocco di Tati, sempre misurato e garbato rendono irripetibile l'opera di questo autore al punto da consegnarlo alla Storia del Cinema con un valore che supera la collocazione temporale e di ogni contesto culturale.

Siamo in una Parigi irriconoscibile, assediata dal traffico di auto che sembrano tutte uguali ( sul genere La Defense, ante litteram ), precisamente all’aeroporto ( ma all’inizio potremmo pensare di trovarci in una clinica privata ).
Tra i tanti passeggeri c’è Monsieur Hulot e un gruppo di turiste americane di una certa età che sono giunte in città per visitarla ( ma non ci riusciranno in quanto finiranno nella parte futuristica, fatta da strade a più corsie, imponenti palazzi d'acciaio con vetrate moderne e arredamenti artificiosi ). Naturalmente questo paesaggio urbano ritenuto moderno e futuribile ostacola la vita di tutti coloro che ci vivono e interferiscono con le naturali interazioni umane.
Da questo momento il film si suddivide in cinque sequenze. La realtà degli uffici in cui Monsieur Hulot entra perché ha un appuntamento importante, ma si perde nel labirinto di stanze e sale riunioni, inseguendo l’impiegato con cui deve parlare e finendo in una fiera commerciale di design per moderni arredi d'ufficio, che sono poi gli stessi che si ritrovano in tutti gli edifici.
In questa fiera, Monsieur Hulot e le turiste americane assistono alla presentazione degli ultimi ritrovati del mercato, come la porta che sbatte in silenzio e la scopa elettrica con i fari; mentre la bellezza di Parigi passa del tutto inosservata, tranne che per un tipico chiosco di una venditrice di fiori e il riflesso dei monumenti più famosi che si riflettono per un attimo in una porta a vetri che si apre al mondo. Verso sera notiamo gli appartamenti-vetrina, Monsieur Hulot incontra un vecchio amico che lo invita nel suo ultramoderno appartamento con la facciata di vetro sulla strada ( L'intera sequenza è girata dalla strada, con la cinepresa che osserva Hulot e gli altri residenti dell'edificio nelle loro attività domestiche ).

Si passa poi all’inaugurazione del ristorante Royal Garden ( quasi tutto il secondo tempo si sviluppa in questo locale ). All'interno del nuovo ristorante, Hulot incontra le turiste americane e fa amicizia con la più giovane e allegra, mentre numerosi personaggi già incrociati e altri non ancora apparsi, tra cui un nostalgico cantore di ballate e un borioso e chiassoso uomo d'affari americano diventano i protagonisti di questo bocco; naturalmente il ristorante per la fretta di aprire non ha gli impianti in regola e ci sono una serie di complicazioni, dall’impianto elettrico che emette fumo, all’aria condizionata che è troppo bassa o troppo alta ad una porta a vetri che si rompe.
Finalmente viene l’alba e tutti i clienti escono sulla strada facendosi coinvolgere dal complesso balletto di automobili, simile a una giostra, poi il bus delle turiste americane riprende la strada per l'aeroporto.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png mail_logo.png



Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere