HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Commedia1 arrow Quando meno te lo aspetti
Domenica 28 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Quando meno te lo aspetti PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 38
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
domenica 09 giugno 2013

Titolo: Quando meno te lo aspetti
Titolo originale: Au bout du conte
Francia: 2013. Regia di: Agnès Jaoui Genere: Commedia Durata: 112'
Interpreti: Agathe Bonitzer, Agnès Jaoui, Arthur Dupont, Jean-Pierre Bacri, Benjamin Biolay, Dominique Valadié, Valérie Crouzet, Beatrice Rosen
Sito web ufficiale:
Sito web italiano: www.luckyred.it/quando-meno-te-lo-aspetti
Nelle sale dal: 06/06/2013
Voto: 6,5
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Freddo
Scarica il Pressbook del film
Quando meno te lo aspetti su Facebook

quandomenoteloaspetti_leggero.pngJaoui e Bacri sono una ex coppia del Cinema francese ( si sono separati l’anno scorso ma continuano a lavorare assieme ), sono attori, sceneggiatori e lei è anche una ottima regista.
Ci hanno regalato alcuni film importanti, uno fra tutti “ Il gusto degli altri “ affresco di un’umanità alla ricerca dell’amore, di un senso della vita, in pratica di se stessa. Ma hanno anche scritto film per Alain Resnais come “ Smoking / No Smoking “ e “ Parole, parole, parole “ e per altri registi francesi come Cédric Klapisch. Adesso la “ coppia “ ispirandosi liberamente a “ Into the woods “ un musical di Stephen Sondheim, ripreso dal libro “ Il mondo incantato “, una rivisitazione delle fiabe tradizionali e in particolare dei Fratelli Grimm, ripropongono i temi a loro cari in una storia corale e intrecciata.

Possiamo facilmente riconoscere il mix di favole da “ La bella addormentata “ ( Laura che però si sveglia solo dopo una specie di coma etilico ), “ Cenerentola “ ( Ma è Laura a trovare la scarpa di Sandro che scappa via a mezzanotte per andare a prendere la madre al lavoro ), “ Cappuccetto Rosso “ ( dove il lupo è Maxime, il manager musicale ); invece la ‘ strega cattiva ‘ prenda l’aspetto della madre di Laura che rifiuta la vecchiaia ( le cui ansie sulla eterna giovinezza dovrebbero farci riflettere sui condizionamenti della nostra società ), mentre la Jaoui si scrive addosso il ruolo di una specie di fata che ricorda la fata Lila di “ Pelle d’asino “ e Jean-Pierre Bacri interpreta Pierre, padre di Sandro, che richiama Geppetto del nostro ‘ Pinocchio ‘.
Ma il centro del film è, come nei precedenti, sulle varie sfumature dell’amore e parallelamente sulla credenza e le superstizioni. Film anche complesso e sicuramente ambizioso e forse troppo strutturato nella scrittura che paga dazio ad autori più robusti ( Resnais tanto per rimanere nello stesso perimetro ) e rende il tutto meno interessante dei film precedenti, tuttavia i personaggi restano lievi, coerenti e, anche se un po’ troppo costruite a tavolino, ogni tanto ci si fa una risata mai volgare o facile.

Laura è una giovane donna poco più che ventenne, con un padre ricco e corrotto sotto inchiesta e una madre che va avanti a botox. Attende romanticamente il principe azzurro e davanti ai suoi occhi appare Sandro, un ragazzo tenero e sensibile che scrive musica da camera e sta per diventare qualcuno nel suo settore: sembra che il sogno di Laura si stia realizzando ma il ragazzo è reale ed è afflitto dai soliti problemi dei giovani, una casa, dei soldi, la carriera. La loro relazione sembra andare bene ma nella loro vite entra il fascinoso Maxime che aiuta Sandro nel concerto che sta per mettere in scena e farà innamorare di lui Laura, al punto che lei abbandonerà dopo un solo incontro il suo principe dolce e semplice.
Ma questa è solo una delle storie, un‘altra è quella del padre di Sandro ( Jean-Pierre Bacri ), un uomo sulla sessantina, gestore di una scuola guida e tipo silente e solitario, che vive con devastazione la profezia di una cartomante che gli dice la data prossima della sua morte; poi c’è Marianne ( Agnès Jaoui ), la zia di Laura, attrice che fa ancora dei provini e per vivere prepara una recita per bambini. E’ una donna che ha parecchi problemi ma che cerca di essere propositiva nella vita, deve rielaborare la sua separazione ed ha una figlia adolescente che legge la bibbia ed è sempre più silenziosa; decide di riprendere a guidare e così conoscerà Pierre. E poi c’è Eleonore, la fidanzata senza illusioni di Pierre, Jacqueline, la sua ex moglie che lavora in un bar, Marianne e Eric e Maxime e altri ancora.

Un film che racconta con tocco leggero i vari drammi esistenziali e amorosi di esseri soli e frastornati. Con un giusto sapore di retrogusto amaro come avveniva sapientemente nelle Commedie all’italiana degli Anni Sessanta.
E con un happy and che non stride perché possibile e reale, in questo caso i cuori nella tormenta trovano un equilibrio e una speranza di vita nonostante le paure, le ferite e le disillusioni
E termina con la frase ” E vissero felici e contenti ” e si tradirono molto.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere