Venerdì 26 Febbraio 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Quasi amici PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 38
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
mercoledì 29 febbraio 2012

Quasi amici
Titolo originale: Intouchables
Francia: 2011. Regia di: Olivier Nakache, Eric Toledano Genere: Commedia Durata: 112'
Interpreti: François Cluzet, Omar Sy, Anne Le Ny, Clotilde Mollet, Audrey Fleurot, Alba Gaïa Bellugi, Christian Ameri, Grégoire Oestermann, Cyril Mendy
Sito web ufficiale:
Sito web italiano: www.cinema.yahoo.com/quasi-amici
Nelle sale dal: 24/02/2012
Voto: 5
Trailer
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Superficiale
Scarica il Pressbook del film
Quasi amici su Facebook
Mi piaceCondividi questo articolo su Facebook

quasi_amici_leggero.pngToledano e Nakache sono due umoristi, sceneggiatori e registi quarantenni che hanno avuto molto successo di pubblico in Francia. Questo è il loro quarto film ed è anche il primo che giunge in Italia, dopo un successo al botteghino quasi impensabile.
Forse perché racconta ( in modo molto fantasioso, comunque ) una realtà a cui i francesi piacerebbe identificarsi, immaginare possibile, dimenticando razzismo strisciante, problemi delle banlieue, dei san papier e via ricordando.

Cosa c’è di meglio allora ( e più improbabile ) di mettere assieme un ricco signore borghese, colto e raffinato, paraplegico e depresso e un giovane noir senegalese della periferia appena uscito dal carcere dopo una rapina, semianalfabeta e irritante ?
Presentare i due caratteri e sorridere e ridere nel blando scontro tra classi sociali, generazioni differenti e opposti background culturali ?
E’ evidente che con due persone agli antipodi in tutti i sensi è facile costruire gag e battute, ma in questo film sembra che la storia sia in funzione delle battute e non viceversa facendole perdere in credibilità e coerenza. Insomma, niente di nuovo in questo tipo di conoscenza; dapprima un po’ conflittuale e poi man mano sempre più armoniosa e complice, fino a che le solitudini dei due uomini entrano in contatto e si trasformano in solidarietà concreta e propositiva.
Una nota a merito comunque ( oltre alla magnifica colonna sonora alla Philip Glass del nostro Einaudi – grande musicista con influenze jazz e che in Italia conosciamo poco ) è il tentativo riuscito di evitare qualsiasi forma di pietismo, grazie anche a una interpretazione magistrale del bravo François Cluzet e del resto del cast armonioso e ‘ leggero ‘ allo stesso tempo.

Tratto ( crediamo molto liberamente ) dal libro autobiografico di Philippe Pozzo di Borgo “ Il diavolo custode “ pubblicato in Italia dalla casa editrice Ponte alle Grazie, l’autore ripercorre la sua vita ricca e felice fino a quando nel 1993 un incidente di parapendio lo paralizza dal collo in giù. Tre anni dopo muore anche Béatrice, la sua amata compagna di sempre, per una rara malattia e Philippe si trova nella necessità di cercarsi un nuovo « assistente » che lo segua giorno e notte, dal risveglio alla sera e qualche volta anche di notte quando è assalito da crisi respiratorie.
Ecco, il film inizia adesso. Quando si presentano, nella villa ottocentesca in pieno centro parigino, alcuni possibili assistenti. Tra loro c’è Driss, un giovane senegalese ignorante, aggressivo, bullo che non vuole il posto ma solo una lettera in cui si dica che non è stato assunto perché così può avere il sussidio di disoccupazione.
Ma incredibilmente – in forma troppo romanzata e al servizio di qualche risata preparata se non prevedibile – Philippe lo fa assumere. Driss, come è facile intuire, non è solo chiacchiere a voce alta e atteggiamento coatto-spavaldo, è un giovane uscito appena dal carcere, è senza genitori e vive ospite a casa della zia-mamma che tuttavia lo caccia.
E allora accetta il lavoro e va a vivere nel palazzo di Philippe iniziando una serie di battibecchi e piccoli conflitti con il povero tetraplegico che invece di stancarsi sembra contento di quella vitalità e del carattere sfrontato e naif del giovane.
Ma la sua mancanza di minimo tatto si riverbera anche sulle due segretarie ( Anne Le Ny, anzianotta e simpatica, e Audrey Fleurot, giovane, carina e ironica ) e in modo positivo sulla figlia viziata e il suo fidanzatino maleducato e pauroso.
E l’amicizia che si crea tra i due uomini migliora entrambi nel carattere e li pone con uno sguardo positivo al futuro apparentemente complicato e difficile.

Nel film sfiorano anche la ‘ trasgressione ‘, con relativi spinelli, massaggiatrici, rimorchio di una donna attraverso lettere d’amore, vendita di un quadro fatto da Driss e rifilato da Philippe ad un parente un po’ grullo, una corsa a centottanta all’ora con inseguimento della polizia, fino al battesimo di Driss con il parapendio. Insomma un film che parte da un dramma reale e si sviluppa (anche se con un certo stile ) in modo superficiale, prevedibile e autoassolutorio, la cui unica vera ragione d’essere è quella di raccontare una commedia ‘ divertente ‘ e con molte battute che a volte fanno ridere. Ma a volte sono fuori registro come quando Driss – ignorante e proletario – fa battute d’adolescente studioso su Leonardo ( l’artista e il calciatore ) o quando cita Chagall e i suoi colori. I due registi hanno realizzato un film sociologicamente tra i più ottimisti in circolazione sulle tensioni sociali e i conflitti di classe che attraversano la Francia e l’Europa di oggi.

Mescolano alto e basso ( una colonna sonora elegantissima sempre, con battute da soap ); chissà se volontariamente o perché inseguivano battute per far ridere propongono una ‘ favola ‘ del vivere ottimista, semplice e autentica come ricetta del vivere. Da segnalare, come abbiamo già scritto, l’ottima interpretazione di François Cluzet, credibile e originale.
Dris è interpretato da Omar Sy, una specie di Eddy Murphy francese, simpatico e eccessivo che in alcuni passaggi può risultare tuttavia irritante.

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere