Martedì 2 Marzo 2021
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
american-woman-banner.jpg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
L’ombra del sicomoro NEWS
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
richard_jewell_banner.png
Samba PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 10
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
lunedì 04 maggio 2015

Titolo: Samba
Titolo originale: Samba
Francia: 2014 Regia di: Eric Toledano, Olivier Nakache Genere: Commedia Durata: 118'
Interpreti: Omar Sy, Charlotte Gainsbourg, Tahar Rahim, Izia Higelin, Isaka Sawadogo, Hélène Vincent, Youngar Fall, Christiane Millet, Jacqueline Jehanneuf, Liya Kebede
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 23/04/2015
Voto: 6
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Leggero
Scarica il Pressbook del film
Samba su Facebook

samba_leggero.pngSpesso i registi fanno sempre lo stesso film ( i loro sono 5 in tutto, da Je préfere qu’on reste amis del 2004 a Troppo amici del 2009 al successo internazionale Quasi amici del 2011 ), questi due registi sono l’esempio che conferma la regola.
Nel precedente i due registi hanno realizzato Quasi amici, oggi girano Samba; entrambe commedie di stampo sociale alla francese, sicuramente di timbro Bo.Bo, in cui viene raccontato l’incontro tra due opposti.
In questo c’è Alice, una borghese depressa e quindi chiusa in se stessa ( una Charlotte Gainsbourg ormai icona del cinema d’autore e borghese ), nel film precedente invece c’è il ricco borghese paraplegico.
Si incontrano entrambi con un nero, oggi clandestino senegalese, nel precedente proletario appena uscito dl carcere e in cerca di un po’ di soldi.

Entrambi i personaggi grazie a questo incontro riescono a ritrovare il gusto della vita e un entusiasmo ormai svanito. Il nero in entrami i film é Omar Sy, questa volta in un ruolo meno sfrontato e provocatorio ma sempre determinato e con un’aureola positiva.
I due registi adesso preferiscono cambiare un po’ registro, forse rendersi più credibili e sinceri, ma resta il dubbio di fondo: quanto c’è di ipocrita e di visione borghese-bohemienne in Toledano e Nakache e quanto di ingenua visone tipicamente cinematografica in cui ci vogliono fare credere che coloro che vengono dl Terzo Mondo portano modelli di vita che possono tornare utili a chi è europeo ormai nevrotico e ammalato.
I due registi costruiscono con intelligenza personaggi solo apparentemente veri e sembrano costruirli a tavolino senza conoscerli, realizzando una storia in fondo patinata e di bocca buona anche quando si vedono dei poveri in attesa di lavoro saltuario o quando devono scappare da una retata o quando vengono espulsi dai centri di accoglienza.

Con Samba, nonostante restino strutturalmente negli stessi perimetri narrativi del film precedente, cercano di cambiare registro e mostrano un’ambizione differente in cui ci vogliono descrivere il problema dell’immigrazione clandestina e la questione dei sans-papier, i migranti in attesa di documenti e costretti a vivere da clandestini. Anche questa volta i due registi traggono la storia da un romanzo omonimo, questa volta di Delphine Coulin e ci raccontano una specie di favola moderna cercando di coniugare un dramma in chiave realistica e una commedia sentimentale, ma forse inconsapevolmente ci fanno due ritratti ai limiti dell’utilitaristico e dell’approfittatore: lui trova interessante lei anche perché è una donna borghese e può permettergli di non vivere più illegalmente, lei prova un'attrazione fisica per lui e non vuole che portarselo a letto per smettere di consumare tranquillanti. E alla fine entrambi riescono nel loro intento. Per la serie, e vissero felici e contenti; con le due ultime scene in cui lui cammina contento e soddisfatto uscendo dalla mensa della gendarmeria in cui fa il cuoco e lei sorride a quei colleghi che fino a qualche giorno prima ha detestato e l’hanno fatta cadere nella depressione.

La storia inizia come un dramma realista, Samba ( interpretato da uno stereotipato e fuori timbro Omar Sy che non si decide se essere un ingenuo o un furbastro imbroglione ) è un senegalese che vive a Parigi da 10 anni, lavora in una cucina di un ristorante, fa un corso per diventare cuoco e vive presso uno zio regolarizzato; ma è ancora un sans papier. Adesso rischia l’espulsione ed è stato arrestato, si rivolge agli assistenti sociali che cercheranno di non farlo partire.
Una delle due assistenti è Alice ( una manager esaurita che ha momentaneamente lasciato il suo lavoro, e per ritrovare se stessa lavora come assistente sociale ).
Lei è da subito attratta da lui, il giovane lo capisce e si fa dare il numero di telefono.
Per un po’ i registi ci raccontano l’odissea di Samba con la burocrazia francese, con la sua fuga dal centro detentivo, con i problemi di soldi e di lavoro, con i litigi con lo zio, col portarsi a letto la donna di un amico ancora in carcere e le incertezze personali, poi il film cerca nella commedia un supporto al racconto e nella terza parte il dramma rimane sullo sfondo e la commedia prevale, conservando tuttavia un buon equilibrio di generi, ma preferendo la battuta leggera al dramma reale che si racconta: uno su tutti è quando lui e il suo amico Wilson ( un bravo Tahar Rahim, visto nel film Il Passato di Farhadi ) vanno a lavare i vetri di un palazzo dall’esterno e in questa situazione difficile vedono delle segretarie lavorare in un ufficio e Wilson si inventa l’imitazione della pubblicità della Coca Cola, facendo uno spogliarello sotto gli occhi divertiti delle impiegate.

Un film che si vede con piacere, con dei personaggi che creano empatia nello spettatore, ma è anche un’operazione furba e a volte fastidiosamente superficiale nel tratteggiare un vero dramma raccontato con convenzionalità e tocco all’hollywoodiana che rende del tutto superfluo la voglia di affrontare un dramma anche se in modo bonario.

Trailer


 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere