HOME arrow LE NOSTRE RECENSIONI: arrow Commedia1 arrow Smetto quando voglio - ad honorem
Martedì 25 Settembre 2018
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
CONTATTI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
Recensioni Blu Ray
rampage_banner_160x600.jpeg
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
Gli assalti alle panetterie
Bianca come la luna
Theodore Boone – Mistero in aula
Rashōmon
L’angelo della tempesta
Vento & Flipper
Guida cinica alla cellulite
I Sette Savi del Bosco di Bambù
Diario di Murasaki Shikibu
Moby Dick
Vita di un ragazzo di vita
Lost souls. Storie e miti del basket di strada
Grotesque
Il ventaglio di Lady Windermere
L'avvocato canaglia
La strana biblioteca
Radio Imagination
L’odore della notte
Theodore Boone – Il fuggitivo
Il gigante sepolto
Più gentile della solitudine
Prossimamente
Smetto quando voglio - ad honorem PDF Stampa E-mail
Scritto da Ciro Andreotti   
giovedì 21 dicembre 2017

Titolo: Smetto quando voglio - ad honorem
Titolo originale: Smetto quando voglio - ad honorem
Italia 2016 Regia di: Sydney Sibilia Genere: Commedia Durata: 100'
Interpreti: Edoardo Leo, Valeria Solarino, Libero De Rienzo, Lorenzo Lavia, Paolo Calabresi, Pietro Sermonti, Stefano Fresi, Giampaolo Morelli, Luigi Lo Cascio, Greta Scarano,  Marco Bonini, Valerio Aprea, Francesco Acquaroli, Peppe Barra
Sito web ufficiale:
Sito web italiano:
Nelle sale dal: 30/11/2017
Voto: 7,5
Recensione di: Ciro Andreotti
L'aggettivo ideale: Arguto....
Scarica il Pressbook del film
Smetto quando voglio - ad honorem su Facebook

smetto_quando_voglio_ad_honorem.jpgIl neurobiologo Pietro Zinni è ancora in carcere a scontare la condanna per evasione e assalto al treno perpetrate qualche mese prima nel tentativo di collaborare con la polizia e garantirsi così uno sconto di pena.
Al tempo stesso Pietro non riesce a convincere lo psicologo del carcere che un pazzo, del quale non conosce l’identità, intende inondare di gas nervino Roma. Ad aiutarlo, oltre alla “banda dei ricercatori”, ci penserà il solo che conosce chi si cela dietro l’identità di quest’attentatore: “Il Murena”.

“Quando ho indossato per l’ultima volta la giacca di Pietro Zinni – ma sarebbe meglio dire la camicia – ho capito quanto questo ruolo abbia sputo modificarmi in meglio sia la carriera sia la percezione che ho del mio lavoro”. A parlare Edoardo Leo che per la terza e ultima volta ha indossato i panni del capo della banda più scassata del mondo accademico e criminale, una sorta di gruppo T.N.T. dell’Università e questa volta protagonista di quella che Sidney Sibilia ha definito come la parte più politica della trilogia.
Perché fra le mura del campus della Sapienza si può celare la vendetta perfetta per tutti quelli che, con un pezzo di carta in tasca, si sono visti respinti dal mondo del lavoro e soprattutto dalla vita scientifico – accademica.

Un ultimo atto girato in contemporanea con il precedente e che funge da perfetta chiosa a un’avventura che conferma la bravura del regista Salernitano, restituendoci un film probabilmente meno comico dei primi due, di certo perché privato della novità che la pellicola del 2014 aveva saputo gettare in faccia al mondo di chi, come i protagonisti, si sente magari professionalmente sottodimensionato, ma senza arrivare al gesto quasi estremo di abbandonarsi al mondo del crimine.

Al tempo stesso strappando risate intelligenti frutto di tre trame capaci di incastrarsi alla perfezione l’una con le altre, trasudando miriadi di citazioni cinematografiche, delle quali abbonda anche questo terzo film. Il difficile per Sibilia inizia ora, obiettivo dichiarato riuscire ad abbandonare i suoi personaggi e confermare tutto quel che di positivo si è detto e visto in questo suo primo triennio di meritato successo.

Trailer

 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png  
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere