Giovedì 19 Maggio 2022
Cinemalia Menù
HOME
RECENSIONI:
PROSSIMAMENTE:
LE NOSTRE RECENSIONI:
IN DVD:
GLI INEDITI
CULT MOVIE
I FILM NELLE SALE
ARTICOLI CINEMA:
CINEMA & CURIOSITA':
IL CINEMA ASIATICO
LIBRI & CINEMA
COLLABORA CON NOI:
STAFF:
NEWS & RUMORS:
SERIE TV:
HOME VIDEO:
News
10_giorni_senza_mamma_banner_160x600.png
Informativa sui Cookie
Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies che ci permettono di riconoscerti. Scorrendo questo sito o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'utilizzo di cookies. Informativa
Cerca in Cinemalia
Anteprima TFF
Kimyona Sskasu - Uno strano circo (2005)
Noriko No Shokutako - Noriko's Dinner Table (2005)
Jisatsu Saakuru - Suicide Club (2002)
Tsumetai Nettaigyo - Pesce freddo (2010)
Ai No Mukidashi - Love Exposure (2008)
Chanto Tsutaeru - Be sure to share (2009)
Ekusute - Hair extension (2007)
Koi No Tsumi - Colpevole d'amore (2011)
Libri & Cinema
Prima Persona Singolare NEWS
L’ombra del sicomoro
Libri … che passione!
Assolutamente musica
Nero su Bianco
Se i gatti scomparissero dal mondo
Stanley Kubrick
La strana storia dell’isola Panorama
L’assassinio del commendatore - Libro secondo
Il bacio in terrazza
Il caso Fitzgerald
L’assassinio del commendatore
I dieci amori di Nishino
Le avventure di Gordon Pym
Kurt Vonnegut, Harrison Bergeron, USA 1961
Il circolo Pickwick
Fino a dopo l’equinozio
Un canto di Natale
Ranocchio salva Tokyo
Bruno Giordano. Una vita sulle montagne russe
La versione di C.
I quarantuno colpi
La ragazza dell’altra riva
Peep Show
Il Paradiso delle Signore
La passione del dubbio
Il fatale talento del signor Rong
Il labirinto degli spiriti
Il mestiere dello scrittore
Nero Dickens – Racconti del mistero di Charles Dickens
L'informatore
Via dalla pazza folla
nightmare-alley-728x140.jpg
Teneramente folle PDF Stampa E-mail
Valutazione utente: / 8
ScarsoOttimo 
Scritto da Domenico Astuti   
sabato 27 giugno 2015

Titolo:  Teneramente folle
Titolo originale: Infinitely Polar Bear
USA 2014 Regia di: Maya Forbes Genere: Commedia Durata: 90'
Interpreti: Mark Ruffalo, Zoe Saldana, Imogene Wolodarsky, Ashley Aufderheide, Beth Dixon. Keir Dullea, Wallace Wolodarsky, Georgia Lyman, William Xifaras, Brianne Brozey, Mary O'Rourke, Adam Wolf Mayerson, Mike Jablon, Chris Papavasiliou, Alicia Love, Christopher S. Porter, Mark S. Cartier, Christopher Alan, Liam McNeill, Nekhebet Kum Juch
Sito web ufficiale: www.sonyclassics.com/infinitelypolarbear
Sito web italiano: www.mymovies.it/teneramentefolle
Nelle sale dal: 18/06/2015
Voto: 6
Recensione di: Domenico Astuti
L'aggettivo ideale: Tenero
Scarica il Pressbook del film
Teneramente folle su Facebook

teneramentefolle_leggero.pngLa sceneggiatrice quarantenne Maya Forbes ( Mostri contro alieni, The Rocker, Diario di una schiappa ) decide di debuttare come regista con una commedia sentimentale autobiografica. Storia che proviene dalla sua esperienza di bambina decenne e quindi assai personale, soprattutto perché l’immaginario creativo adolescenziale a volte trascende la verità dei fatti e delle cose.

La Forbes realizza un piccolo film gradevole, minimalista e affettuoso, permettendo a Mark Ruffalo ( I ragazzi stanno bene, The Avengers, Tutto può cambiare ) un ruolo che qualsiasi attore vorrebbe interpretare almeno una volta nella carriera.
Teneramente folle è un’opera prima che si basa più sulla descrizione coerente dei personaggi e sul loro interagire che non usando una scrittura fatta di intreccio e di narrativa; le atmosfere di un tempo – siamo alla fine degli Anni Settanta, ma sembrano anni tracimati dl decennio precedente - hanno un naturale sapore giovanile e leggero, sintomo di quegli anni ma anche del ricordo infantile della protagonista, e l’affrontare il dramma della bipolarità di un padre viene mostrato con un tono sempre lieve, quasi ironico sicuramente troppo affettuoso.

Ed anche le situazione assai serie, come quelle di due bambine che vivono sole con il padre affettuoso ma anche inquietante nei comportamenti e l’andar via della madre Maggie ( Zoe Saldana ) che vuole studiare all’università di New York per poi poter divenire una manager sono narrati con una delicatezza quasi da favola buona d’altri tempi. Teneramente folle si inserisce in quella filiera del disturbo mentale e della malattia raccontata in forma di commedia bonaria, affettuosa ma anche furba e professionalmente accattivante, che non decide di diventare chiaramente un’opera mainstream o un sano prodotto del cinema indipendente americano.

Ma forse anche per questo è uno di quei film che vengono accettati e apprezzati dal pubblico di Festival come il Sundance e il Torino film festival. Siamo a Boston, alla fine degli Anni Settanta, Cameron Stuart è un figlio di questa città americana-"europea", aristocratica e colta. E’ stato un direttore della fotografia, dalla buona cultura e dalla famiglia borghese.
Soffre di un disturbo bipolare che negli anni precedenti, fatti di hippy e vite alternative, lo hanno ‘ nascosto ‘ dall’ufficialità della malattia, ma adesso che i tempi sono cambiati e lui è stato ricoverato per un esaurimento nervoso tutto è venuto a galla.
Uscito dalla clinica, allontanato dalla sua famiglia d’origine per i comportamenti poco appropriati, senza più un lavoro, resta solo in città con le sue due bambine. Sua moglie che lo ama ma che ha deciso di non continuare a vivere in questo modo provvisorio e precario si è iscritta alla Columbia University, per poter ottenere l'Mba, trovare un lavoro da manager e avere una vita dignitosa assieme alle figlie.
Deve stare per 18 mesi a New York mentre le bimbe rimangono a Boston con il padre.
Ma il tutto non è facile per nessuno dei quattro. Cameron perde subito un lavoro e non ne cerca un altro, trascorre le giornate in modo bizzarro e riempie la casa di cianfrusaglie per tenersi impegnato, tutte cose che creano disagio nelle due bambine. Maggie si sente sola a New York, ha nostalgia delle figlie e della città e quando vorrebbe rientrare non riesce a trovare a Boston un lavoro degno in quanto donna e nera.
Cameron è deciso a mettercela tutta perché ama le sue figlie e le vorrebbe felici e anche riconquistare sua moglie e ricreare la sua famiglia. Ma la sua malattia maniaco-depressiva lo rende a volte ‘ selvaggio ‘, incline agli eccessi affettivi e di rabbia, mentre le sue bambine si sentono sì amate ma anche frustrate e a disagio nei confronti del padre ma anche del mondo esterno; la più grande è Amelia ( Imogene Wolodarsky, figlia della regista ) che tenta di ribellarsi a questa vita randagia e sconclusionata, mentre la piccola Faith ( Ashley Aufderheide ), reagisce sempre con battute molto graffianti nei confronti del padre.
Il finale resta aperto, malinconico e leggero allo stesso tempo.

Trailer



 
< Prec.   Pros. >

 

Ultime Recensioni...
Il giorno sbagliato
Quando l'amore brucia l'anima. Walk The Line
7 ore per farti innamorare
Donnie Brasco
La forma dell'acqua - The Shape of Water
Re per una notte
Il re di Staten Island
La casa dalle finestre che ridono
È per il tuo bene
La gente che sta bene
Festival
Il primo Natale
Odio l'estate
Empire State
La ragazza che sapeva troppo
The vast of night
Dark Places. Nei luoghi oscuri
Honey boy
I miserabili
Quadrophenia
Parasite
La dea fortuna
Bombshell. La voce dello scandalo
D.N.A. decisamente non adatti
The gambler
Runner, runner
Il fuoco della vendetta
Death sentence – sentenza di morte
L’uomo invisibile
La Notte ha Divorato il Mondo
Ora non ricordo il nome
Cattive acque
Animali notturni
Rosso mille miglia
Gioco d'amore
All eyez on me
Gli anni più belli
Lontano lontano
L'uomo dei sogni
Rocketman
RICERCA AVANZATA
feed_logo.png twitter_logo.png facebook_logo.png instagram.jpeg
paypal-donazione.png
Ultimi Articoli inseriti
Il Cinema Asiatico
Gli articolii più letti
Archivio per genere